Torna indietro   Hardware Upgrade Forum > Periferiche e accessori > Case, alimentatori e sistemi di raffreddamento

Dreame W10: un robot che lava realmente i pavimenti
Dreame W10: un robot che lava realmente i pavimenti
Al pari di tanti robot aspirapolvere anche Dreame W10 abbina funzioni di aspirazione della polvere a quelle di lavaggio dei pavimenti, ma lo fa con un approccio molto spinto verso questa seconda funzione. La base di ricarica integra due serbatoi per acque chiare e scure, potendo garantire un lavaggio e preparazione automatici dei panni di pulizia così da garantire massima efficacia.
EPOS H6PRO Closed & Open, il cablato non passa mai di moda - Recensione
EPOS H6PRO Closed & Open, il cablato non passa mai di moda - Recensione
Dopo averci sorpreso con le H3 Hybrid, EPOS ci propone il suo headset di punta in formato 'plug-and-play'. Parliamo delle H6PRO, disponibili in versione Open e Closed per incontrare le esigenze di tutti i videogiocatori. Design ricercato, costruzione pregevole e prestazioni eccellenti caratterizzano le cuffie di questa gamma, 'penalizzate' unicamente dal prezzo di listino.
Radeon RX 6500 XT recensione: una scheda video con dei limiti evidenti
Radeon RX 6500 XT recensione: una scheda video con dei limiti evidenti
AMD ha introdotto la prima scheda video con GPU prodotta a 6 nanometri. La nuova Radeon RX 6500 XT è una soluzione entry-level per giocare in Full HD con dettaglio medio-alti ma che si basa su alcune scelte di progettazione quantomeno discutibili: ha solo 4 GB di memoria, un bus limitato a 64 bit e un'interfaccia PCI Express 4.0 x4. Nel corso della recensione analizzeremo se queste decisioni si sono rivelate corrette oppure no.
Tutti gli articoli Tutte le news

Vai al Forum
Rispondi
 
Strumenti
Old 14-02-2021, 18:50   #1
Modenese46
Senior Member
 
L'Avatar di Modenese46
 
Iscritto dal: Apr 2011
Città: Catania
Messaggi: 3209
[RECENSIONE] Case ATX NOUA Nexus P1 base



Era da un pò che avevo notato alcuni prodotti della Noua, casa italiana indirizzata ai gamer famosa per lo più per proporre case dal ottimo rapporto prezzo/offerta.

Vuoi per la curiosità, vuoi per l'esigienza di mettere su una build basata su componenti usate e quindi budget molto basso, ho ordinato un Noua Nexus P1, versione base senza controller ARGB ne ventole alla strepitosa cifra di 35,90 spedizione compresa.

Visto l'investimento esiguo, mi aspettavo sinceramente ben poco, complice il fatto che le informazioni sul web riguardo questo prodotto erano al momento dell'acquisto prossime allo zero.

Nel momento in cui scrivo, la situazione è un pelo migliorata in quanto a comunicazione ma sul sito sermbra essere scomparsa la pagina di questo modello, e in vendita si trova ormai la sola versione ARGB 5v dotata di controller apposito e un totale di 3 vendole Addressable di cui una da 12cm sul retro e due frontali da 20cm ben in vista dietro il frontale di vetro appena brunito.

Ribadiamo che in questa sede stiamo trattando la versione base e senza ventole ne controller.

La prima impressione calcolando il prezzo di acquisto si può raccontare con l'espressione: "APPERÒ!!!"

E invece, tirato fuori dallo scatolo ci si trova davanti a ben due vetri temprati e pregevolmente smussati, uno come paratia laterale sorretta da quattro viti a pomello, e uno frontale brunito incollato su telaio di plastica (robusta) che lascia vedere attraverso i due generosi alloggiamenti per ventole da 200mm, dove immediatamente dietro risiede la predisposizione per un radiatore da 360, oppure volendo, tre ventole da 120mm, soluzione che non mi convince dato che le tre ventole sarebbero letteralmente adattate dentro i due incavi da 200mm che comunque restano ben visibili.

La struttura ATX del case è in acciaio SPCC da 0,5mm di spessore (non proprio il massimo della robustezza ma che relazionata al prezzo si difende abbastanza bene).
Peculiarità di questo Nexus P1, cosa per cui l'ho scelto e che mi ha colpito parecchio è la poca profondità del case (37,4 Cm frontale compreso), caratteristica graditissima a chi come me non necessita di troppi fronzoli e si ritrova con scrivanie di profondità ridotta.
Ciò è reso possibile dalla decisione del costruttore si posizionare gli eventuali due SSD a filo tra la mainboard sulla parte frontale del telaio, in posizione parallela alla mainboard stessa potendo sfruttate così uno dei tre fori anteriori adibiti al cable management per accontentare entrambe le unità.

Basta guardare la foto del PC assemblato per notare subito che lo spazio morto oltre l'impronta della scheda madre è davvero ridotto al minimo in tutte le direzioni.

E a proposito di cable management, lo spazio utile sul retro della mainboard non manca, potendo contare su due centimetri di vuoto tra la piastra della scheda madre e la paratia laterale chiusa.
Vi sono diversi punti di ancoraggio per le fascette, e fori disposti strategicamente dove serve, tranne per il connettore audio header che non può contare su un foro, mancanza ingenua e che esteticamente grava negativamente sul risultato finale. Bisogna infatti accontentarsi di sfruttare il foro in corrispondenza degli USB header mostrando così una decina scarsa di cm di cavo, che per incisoè anche di una rigidità un pelino eccessiva.

Non mancano un filtro magnetico superiore e un filtro a incastro sotto la base per l'alimentatore.

Il pannello del case consta di: Tasto di accensione e Reset, led di accensione e attività hdd, due jack audio, due porte USB 2.0 e una sola USB 3 (scelta che vedo su molti case e che non capirò mai) inoltre alla destra dell'USB 3 c'è un tappino di plastica che sa di presa in giro vista appunto l'assenza del secondo connettore USB 3 quando il cavo e il 101% delle mainboard esistenti forniscono i pin per due porte.

Brutta notizia per i più modaioli: sul fondo niente PSU cover, quindi l'alimentatore resta a vista (non sempre è un bene nasconderli, soprattutto quando ci siamo svenati per comprarli!).
È tuttavia presente una generosa feritoia che consente di portare tutto il cablaggio del PSU sul retro tenendo il tutto comunque abbastanza in ordine.
Raccomando vista la poca profondità lel case, l'utilizzo di alimentatori di dimensione standard, 14cm o 15 al massimo.

Scarsa invece l'offerta per quanto concerne le unità di storage:
Come già anticipato, 2 unità da 2,5" a filo tra scheda madre e frontale del case, con lo scotto da pagare che montando gli ssd la dove previsto, si vanno a tappare due fori adibiti al cable management della mainboard e una predisposizione da 3,5" sul fondo del case tra PSU e frontale del case, che sfrutta il classico sistema di gommine a incastro avvitate sull'hard disk stesso che fungono anche da silent block.

Per Build ordinate e con i soli componenti sopraindicati l'ordine è garantito ma chi necessita di più unità di storage o più orpelli, dovrà necessariamente rivolgersi altrove.

Quote:




Quote:
IN SINTESI

PRO:
- Prezzo ridotto al minimo nella verisone base
- Dimensioni compattissime per un ATX
- Pulizia generale del design
- Vetro temprato ben lavorato su fianco e frontale
- Discreto Cable management

CONTRO:
- Cavetterie del case molto rigide
- Nessuna fessura in corrispondenza dell'audio header
- Lamiera in generale molto sottile (0,5mm)
- Solo un'unità da 3,5" supportata ed a vista
- Montare gli SSD ove previsto va a tappare due fori per il cable management
- Solo una porta USB3 frontale con foro della seconda porta lasciato libero
- Qualche filettatura non proprio a regola d'arte
__________________
VENDITE: ;
RECENSIONI: Noua Nexus P1 ; InWin A1+ ;
Trattative innumerevoli sul forum - seconda_chance_ct" sulla baya dal 2005 (551 Feed 100%)
DA EVITARE: Sbronf, Darkbane

Ultima modifica di Modenese46 : 14-02-2021 alle 19:14.
Modenese46 è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
 Rispondi


Dreame W10: un robot che lava realmente i pavimenti Dreame W10: un robot che lava realmente i pavime...
EPOS H6PRO Closed & Open, il cablato non passa mai di moda - Recensione EPOS H6PRO Closed & Open, il cablato non pas...
Radeon RX 6500 XT recensione: una scheda video con dei limiti evidenti Radeon RX 6500 XT recensione: una scheda video c...
Garmin Fenix 7: nuova evoluzione per lo sportwatch di riferimento Garmin Fenix 7: nuova evoluzione per lo sportwat...
Kobo Sage e Kobo Libra 2: si confermano sul podio degli eReader. La recensione Kobo Sage e Kobo Libra 2: si confermano sul podi...
Tesla registra il marchio per il settore...
vivo investe sullo sport. Da oggi il cam...
Ricercatori trovano un modo per costruir...
VanMoof V, l'e-bike a due ruote motrici ...
Windows 11, cambia del tutto il Task Man...
Serie Redmi Note da record! superate le ...
Protocollo d'intesa Regione Lombardia/En...
Il Signore degli Anelli: la serie in arr...
Ducati conferma ancora: "la MotoE c...
LEGO Star Wars The Skywalker Saga: video...
Total War Warhammer 3: ecco i requisiti ...
iPhone 13 da 128 GB e 512 GB: che prezzi...
Giochi Activision Blizzard ancora su Pla...
Avvistato sul sito Samsung un tablet con...
Attacco hacker colpisce la Croce Rossa: ...
K-Lite Codec Pack Update
K-Lite Mega Codec Pack
K-Lite Codec Pack Full
K-Lite Codec Pack Standard
K-Lite Codec Pack Basic
Opera 83
Google Chrome Portable
Google Chrome 97
Dropbox
Sandboxie
Chromium
Advanced SystemCare Ultimate
VirtualBox
Radeon Software Adrenalin 22.1.2 beta
LibreOffice Portable
Tutti gli articoli Tutte le news Tutti i download

Strumenti

Regole
Non Puoi aprire nuove discussioni
Non Puoi rispondere ai messaggi
Non Puoi allegare file
Non Puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è On
Le Faccine sono On
Il codice [IMG] è On
Il codice HTML è Off
Vai al Forum


Tutti gli orari sono GMT +1. Ora sono le: 05:37.


Powered by vBulletin® Version 3.6.4
Copyright ©2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
Served by www3v