Torna indietro   Hardware Upgrade Forum > Networking e sicurezza > Antivirus e Sicurezza > News - AV e sicurezza

FRITZ!Box 6580 LTE, il router per chi non è ancora raggiunto dalla fibra
FRITZ!Box 6580 LTE, il router per chi non è ancora raggiunto dalla fibra
Chi non si accontenta delle "saponette" può contare sul router LTE di AVM che non si limita a fornire un semplice hot spot Wi-Fi, ma offre le funzione avanzate tipiche dei prodotti AVM, inclusi il centralino telefonico e il supporto al protocollo DECT
Hasselblad 907X 50C, fascino infinito
Hasselblad 907X 50C, fascino infinito
Hasselblad da nuova vita al Sistema V con un prodotto intelligente, votato al futuro e assolutamente affascinante. Forti limiti in contesti dinamici, ma buona usabilità per still-life, paesaggio e ritratto posato. Qualità fotografica sempre al top.
BenQ Mobiuz EX2710: quando audio e HDR contano
BenQ Mobiuz EX2710: quando audio e HDR contano
Abbiamo provato il nuovo monitor gaming BenQ Mobiuz EX2710, con caratteristiche esclusive che lo differenziano dalle altre soluzioni della categoria. In particolare, non avrete bisogno di acquistare degli altoparlanti esterni. Vediamo perché
Tutti gli articoli Tutte le news

Vai al Forum
Rispondi
 
Strumenti
Old 09-11-2016, 12:47   #1
c.m.g
Senior Member
 
L'Avatar di c.m.g
 
Iscritto dal: Mar 2006
Messaggi: 22066
[NEWS] Lampadine Hue di Philips a rischio cracking

mercoledì 9 novembre 2016

Spoiler:
Quote:
Una tecnica che sfrutta alcune falle dello standard wireless ZigBee permetterebbe di mandare in blackout un'intera città, in pochi minuti, con una comune attrezzatura dal costo di poche centinaia di dollari


Roma - A poco più di due settimane dal famigerato venerdì nero che ha causato la paralisi del traffico Internet lungo la costa orientale degli Stati Uniti, per via di un massiccio attacco di tipo Distributed Denial of Service (DDoS) mediato dai dispositivi IoT, l'internet delle cose torna a fare parlare di sé per la pubblicazione di un articolo, intitolato "IoT Goes Nuclear: Creating a ZigBee Chain Reaction", nel quale alcuni ricercatori riportano i dettagli di un attacco portato con successo alle lampadine intelligenti Hue di Philips.



Il primo dato che emerge dal materiale pubblicato dai ricercatori è che le lampadine, così come tutti gli altri dispositivi che comunicano attraverso ZigBee, uno standard di comunicazione wireless basato su antenne a basso consumo energetico, sono potenzialmente attaccabili. Nell'articolo viene infatti spiegato come un gruppo di ricercatori del Weizmann Institute of Science israeliano e della Dalhousie University di Halifax, in Nuova Scozia (Canada), siano stati in grado di infettare da remoto le lampadine Hue di un'abitazione da un furgone distante circa 70 metri dall'edificio. In questo primo attacco, i ricercatori hanno spacciato per autentico un aggiornamento malevolo del firmware.



In un secondo attacco, i ricercatori hanno preso di mira un edificio destinato ad uffici, tra i quali se ne annovera uno di Oracle, sfruttando un drone in volo ad una distanza di circa 350 metri dall'immobile.Nel documento Pdf contenente il rapporto redatto da ricercatori, si legge: "I firmware dannosi sono in grado di disabilitare ulteriori download, rendendo permanente ogni effetto causato dal worm, come blackout, tremolio continuo ecc.". Gli studiosi avvertono anche che per sua natura il worm è in grado di diffondersi ad altri dispositivi, attraverso la rete wireless, con la possibilità di mettere al buio un'intera città "in pochi minuti", naturalmente nel caso siano installate lampadine simili. La tecnica, come avvertono i ricercatori, può essere usata per controllare l'illuminazione di un'intera zona densamente popolata o essere sfruttata per danneggiarne la rete elettrica.

Ciò non bastasse, sempre per loro ammissione, la tecnica impiegata per portare a termine gli attacchi richiede poche centinaia di dollari. Sono state utilizzate attrezzature comuni, senza la necessità di intercettare da Philips un aggiornamento autentico del firmware, il che dimostra "ancora una volta quanto sia difficile ottenere il giusto livello di sicurezza da parte di una grande azienda che utilizza tecniche crittografiche standard per proteggere prodotti più importanti".



I ricercatori hanno comunicato a Philips i risultati del proprio hack all'inizio di quest'anno. L'azienda ha predisposto con calma il rilascio di un aggiornamento di sicurezza per risolvere il problema. Secondo l'azienda olandese, "gli accademici hanno semplicemente dimostrato la possibilità di un attacco", non avendo creato nessun malware né fornito le informazioni necessarie perché l'attacco venga ripetuto. Naturalmente, Philips ha consigliato gli utenti in possesso di lampadine Hue di procedere all'aggiornamento del firmware con l'ultimo disponibile. Nonostante le rassicurazioni dell'azienda, visti i precedenti, sull'Internet of Things permangono molti dubbi sul reale livello di protezione da attacchi garantito alle centinaia di milioni di dispositivi sparsi per il mondo, i quali necessitano di essere rapidamente messi in sicurezza come auspicato dai maggiori player della rete.

Thomas Zaffino





Fonte Immagine: meethue.com

Fonte: Punto Informatico
__________________
Questa opera è distribuita secondo le regole di licenza Creative Commons salvo diversa indicazione. Chiunque volesse citare il contenuto di questo post deve necessariamente riportare il link originario.
c.m.g è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
Old 25-07-2019, 04:14   #2
pickys
Junior Member
 
Iscritto dal: Jun 2019
Messaggi: 2
Chissà se con le nuove lampade hue che supportano anche il bluetooth le possibili vulnerabilità non aumentino a dismisura.

Ultima modifica di pickys : 25-07-2019 alle 04:22.
pickys è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso
 Rispondi


FRITZ!Box 6580 LTE, il router per chi non è ancora raggiunto dalla fibra FRITZ!Box 6580 LTE, il router per chi non &egrav...
Hasselblad 907X 50C, fascino infinito Hasselblad 907X 50C, fascino infinito
BenQ Mobiuz EX2710: quando audio e HDR contano BenQ Mobiuz EX2710: quando audio e HDR contano
Processori AMD Ryzen: dalla serie 1000 a quella 5000, 38 CPU a confronto Processori AMD Ryzen: dalla serie 1000 a quella ...
Samsung Galaxy S21, S21+ S21 Ultra: eccoli nella nostra video anteprima! Samsung Galaxy S21, S21+ S21 Ultra: eccoli nella...
Linux e Apple M1 si strizzano l'occhio, ...
Ford condivide i propri dati sugli incid...
Amazon pronta a distribuire i vaccini CO...
Apple, un caschetto VR per il 2020? Cost...
NAS QNAP sotto attacco, dovecat s'intruf...
GeForce RTX 3000 per notebook: Max-Q sco...
Con Surface Hub 2S la comunicazione azie...
Resident Evil Village: data di uscita e ...
Beeper: 15 app di messaggistica in un so...
iPhone 6s e iPhone SE, supporto al termi...
RTX 2070 con 16 GB di memoria? C'è...
Portabilità operatori: se non avv...
Iliad sempre conveniente! Arriva la Giga...
Microsoft, insieme a Cruise e General Mo...
Intel, buone notizie sui 7 nanometri. 'L...
Firefox Portable
Thunderbird Portable
Skype
Radeon Software Adrenalin 21.1.1 beta
Advanced SystemCare Ultimate
Google Chrome Portable
Dropbox
7-Zip
VirtualBox
Cpu-Z
SmartFTP
Sandboxie
HDClone Free Edition
Filezilla
VLC Media Player
Tutti gli articoli Tutte le news Tutti i download

Strumenti

Regole
Non Puoi aprire nuove discussioni
Non Puoi rispondere ai messaggi
Non Puoi allegare file
Non Puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice vB è On
Le Faccine sono On
Il codice [IMG] è On
Il codice HTML è Off
Vai al Forum


Tutti gli orari sono GMT +1. Ora sono le: 14:55.


Powered by vBulletin® Version 3.6.4
Copyright ©2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Served by www2v