View Single Post
Old 01-08-2015, 18:07   #1
DMD
Senior Member
 
L'Avatar di DMD
 
Iscritto dal: Oct 2002
Città: Vicenza
Messaggi: 2720
[Windows 10] System Preparation Tool e Imagex (integrazione aggiornamenti e altro)

SYSTEM PREPARATION TOOL E IMAGEX
Windows 10 INTEGRAZIONE AGGIORNAMENTI E ALTRO
Il contenuto di questa guida è rilasciato con licenza Creative Commons Attribution-Noncommercial-Share Alike 2.5
12/05/2018 rev 4

COSA FA
Questa procedura permette di integrare nell’ISO del sistema operativo, aggiornamenti, programmi, key reg, etc.. e tutto ciò che non riguarda la sezione utente, questo perché:
La modalità AuditMode non permette di fare modifiche che riguardano la sezione utente, in quanto quest'ultima deve essere ancora creata.



TOOL OCCORRENTI
1- Microsoft Windows and Office ISO Download Tool https://www.heidoc.net/joomla/techno...-download-tool
2- VirtualBox https://www.virtualbox.org/wiki/Downloads
3- GImageX https://www.autoitscript.com/site/autoit-tools/gimagex/
4- UltraISO http://www.ezbsystems.com/ultraiso/index.html





BYPASSARE LA RICHIESTA DEL PRODUCT KEY
Questa procedura non intende eludere la protezione del sistema operativo, in quanto poi quest’ultimo occorre che sia attivato regolarmente. Ma per evitare la richiesta noiosa del product key ogni qualvolta installiamo il S.O. su macchina virtuale per dei test.
Aprire il blocco note e scrivere o copiare il testo sottostante, che vale per la versione Pro:
------------------------
[EditionID]
Professional

[Channel]
OEM

[VL]
1

------------------------
Spiegazioni per la variazione dei parametri del file :

[EditionID]
{Edition ID} ossia l’ID della versione di Windows contenuta nella ISO,
ad esempio”Home”, “Professional” o “Enterprise”.

[Channel]
{Channel Type} cioè “OEM” , “Retail” o “Volume”

[VL]
{Volume License} qui va inserito “1” o “0”, ossia vero o falso.

Il file deve essere salvato con nome ed estensione “ei.cfg” nell’ISO di Windows 10, nella cartella “sources”. Salvare questa nuova ISO, che è quella con cui andremo a lavorare.







CREAZIONE DELL’HARD DISK VIRTUALE
Creare un’HDD Virtuale nella partizione che desideriamo, dandogli la destinazione, un nome a piacere e la dimensione massima in MB
( es. io ho scelto la partizione E, come nome HDD_Virtuale e dimensione 30000)

Quindi entrare nel prompt dei comandi e digitare DISKPART, quando siamo sotto il suo direttorio digitiamo il comando, in cui si indica il percorso dell’unità virtuale, in rosso
Digitiamo questo comando

create vdisk file=E:\HDD_Virtuale.vhd maximum=30000

e attendiamo la creazione, ci vogliono circa 5 minuti.



A questo punto è necessaria una precisazione a seconda la macchina virtuale che si intende utilizzare.

Se si utilizza VirtualBox, dato che legge direttamente i file .vhd, il collegamento dell’HDD lo facciamo dopo, altrimenti VirtualBox non riconosce l’HDD che è collegato al sistema host, per cui passiamo ad avviare la macchina virtuale.

Se si utilizza VMWare Player, il collegamento dell’HDD lo effettuiamo adesso.
Sempre stando sotto il direttorio DISKPART , dare il comando che si riferisce alla selezione dell’HDD virtuale


select vdisk file=E:\HDD_Virtuale.vhd




Il comando da utilizzare nel prompt è questo:
attach vdisk








UTILIZZO MACCHINA VIRTUALE
Avviare la macchina virtuale, selezionando l’HDD creato con DISKPART, nell’esempio è HDD_Virtuale.vhd




Poi selezioniamo il percorso dove risiede la nostra iso di Windows 10
nota: La memoria di base, selezionando Windows 10 è già di 2,048 GB e non è consigliabile diminuirla, per evitare che la M.V. si blocchi per mancanza di memoria durante gli aggiornamenti.




Dopo aver avviato la macchina virtuale, installiamo il Sistema Operativo ed attendiamo fino al primo riavvio.
Alla comparsa del pannello “Fare più in fretta”, premere Ctrl+Shift+F3 per entrare in modalità Administrator (Audit Mode).









Ignoriamo anche le reti selezionando “No”





Inoltre, si noterà anche la finestra Utilità preparazione di sistema 3.14 (System Preparation Tool), che ignoriamo senza chiuderla.






Per evitare che il S.O. ci chieda di scaricare in seguito dal sito Microsoft dei componenti necessari per il corretto funzionamento di software che funzionavano regolarmente sul precedente S.O., occorre portarsi nella sezione delle Funzionalità di Windows:

Tasto DX menu start>Programmi e funzionalità>Attivazione o disattivazione delle funzionalità di Windows
selezionare i componenti evidenziati.






COLLEGARE CD VIRTUALE (ISO) CONTENENTE AGGIORNAMENTI O ALTRO
Per disporre dei programmi esterni da installare, per questo basta crearsi un’ISO, con qualsiasi tool, e poi farla agganciare a VirtualBOx nel percorso Dispositivi>Dispositivi CD/DVD>Scegli un file di disco…








[Scelta opzionale 1]
Se siete nostalgici oppure vi sono utili i gadget che erano disponibili su W7, si può installare un piccolo programmino free prelevabile qui:
http://gadgetsrevived.com/download-sidebar/



[\Scelta opzionale 2]






[Scelta opzionale 2]
Se desiderate modificare il menu Start come W7, W8 potete installare il programma free Classic Shell prelevabile qui: http://www.classicshell.net/
Ovviamente conservando sempre la possibilità di accedere al menu start attuale, come vedesi nell’immagine di sinistra in alto.



[\Scelta opzionale 2]


.....> continua

Ultima modifica di DMD : 12-05-2018 alle 16:41.
DMD è offline   Rispondi citando il messaggio o parte di esso