Hardware Upgrade Forum

Hardware Upgrade Forum (https://www.hwupgrade.it/forum/index.php)
-   Scienza e tecnica (https://www.hwupgrade.it/forum/forumdisplay.php?f=91)
-   -   Legamento crociato anteriore (https://www.hwupgrade.it/forum/showthread.php?t=498329)


juninho85 12-05-2011 23:10

dopo 57 giorni sono andato a visita di controllo,l'ortopedico ha definito la stabilità del ginocchio ottimale ed è rimasto stupito di quanta muscolatura sono già riuscito a mettere su,e dire che io bestemmio in turco perchè ho la gamba da ballerina!
addiritura m'ha deto che posso smettere di andare al centro di fisioterapia per concentrarmi sul solo potenziamento muscolare in palestra

gomma2408 13-05-2011 07:57

Quote:

Originariamente inviato da filippo881 (Messaggio 35139877)
Io per guidare non ho avuto problemi.. dopo aver tolto i punti (19° giorno) ho cominciato subito. All'inizio mancano appunto i riflessi, ma è questione di due/tre giorni intanto che ci si fa l'abitudine. Ora che sono a due mesi esatti faccio anche 200km in un giorno senza troppi problemi. Gamba destra e tecnica del rotuleo.
Intanto il ginocchio comincia ad asciugarsi del tutto e sto recuperando proporzionalmente la flessione. Ora con un po' di fatica riesco ad acchiappare il piede nella classica posa per lo stretching del quadricipite.


l'unico problema sarebbe stato solo quello.... gamba dx e quindi possibilità di fare una frenata improvvisa, non tanto nella guida se tutto va ok.... anzi, se uno frena molto attentamente può guidare (magari anticipando le frenate, andando più accortamente del solito.....) anche con meno fatica che la sx.... ma se ti attraversa qualcuno e devi inchiodare, i rischi di fare qualche movimento sbagliato ci sono!
Anche io ho guidato dopo circa 20gg, però con tecnica del s+g e gamba sx... con la frizione non avevo alcun problema e per la frenata anche in caso di emergenza la gamba che avrei usato era quella buona... ;)
Non è che non ci si fa ,(qualcuno può accusare dolore, del resto il rotuleo ha avuto un bel trauma....) sono i rischi che sono maggiori...... ;) ;) ;)

gomma2408 13-05-2011 08:06

Quote:

Originariamente inviato da viaggio (Messaggio 35140543)
Io son un pò preoccupato perchè ho un pò di liquido nel ginocchio;questo perchè di lato al ginocchio ho un piccolo gonfiore, L'ortopedico mi ha visitato ma non lo ha aspirato. Il fisioterapista ha detto che è normale.Io ci metterò un pò di ghiaccio.

normalissimo....di lato all'altezza del rotuleo? (cioè più a fianco di questo?) ;)

pablo1980 13-05-2011 08:09

Quote:

Originariamente inviato da alex642002 (Messaggio 35132613)
Io ho notato sempre una grossa differenza tra il correre sul tapis roulant e correre fuori,anche sulla migliore delle superfici.Indipendentemente dagli infortuni,correre su strada o su pista è più faticoso:il perchè non lo so,ne parlammo anche con Gomma ricordo,ma ci dev'essere qualche ragione fisica(che non sia la resistenza dell'aria!:D ).Ricordo che in palestra,prima d'infortunarmi,riuscivo a mantenere senza problemi,mi sembra,i 15 Km/h per 10 minuti:quando provai a farlo su strada ..ti saluto!Dopo 500 m ero già spompato!:(

fai meno sforzo per 2 semplici motivi:
1)non hai resistenza dell'aria (è come correre sul posto)
2)il tappeto ti "corre" sotto i piedi...
penso che lo sforzo sul tappeto arrivi (se ci arriva) al 50% di quello reale...
infatti quando vado in palestra e c'è una bella giornata anzichà rompermi le p...e sul tappeto per 40 min me ne vado nel parco fluviale vicino alla palestra..corro magari 10 min in meno..però vuoi mettere!!

Fede 13-05-2011 08:28

Quote:

Originariamente inviato da viaggio (Messaggio 35139817)
Beh allora le cose cambiano il ginocchio operato (il mio) è il destro la tua situazione è migliore!Con i dolori come va?Io dopo la terapia metto sempre il ghiaccio però il mio fastidio è ancora il senso di non elasticità in corrispondenza del rotuleo ma quello è normale ce vo pazienza

non posso che farti l'eco! Ho la tua stessa sensazione:
i dolori continuano nel loro saliscendi: stamattina, ad esempio, ho avuto addirittura qualche difficolta' a stendere la gamba completamente: Ho forzato un po', e ho subito ripreso la mobilita'.
Uff.
Bene il ghiaccio, anche io ne sono schiavo.

Stefano Landau 13-05-2011 08:44

Quote:

Originariamente inviato da gomma2408 (Messaggio 35142428)
l'unico problema sarebbe stato solo quello.... gamba dx e quindi possibilità di fare una frenata improvvisa, non tanto nella guida se tutto va ok.... anzi, se uno frena molto attentamente può guidare (magari anticipando le frenate, andando più accortamente del solito.....) anche con meno fatica che la sx.... ma se ti attraversa qualcuno e devi inchiodare, i rischi di fare qualche movimento sbagliato ci sono!
Anche io ho guidato dopo circa 20gg, però con tecnica del s+g e gamba sx... con la frizione non avevo alcun problema e per la frenata anche in caso di emergenza la gamba che avrei usato era quella buona... ;)
Non è che non ci si fa ,(qualcuno può accusare dolore, del resto il rotuleo ha avuto un bel trauma....) sono i rischi che sono maggiori...... ;) ;) ;)

Confermo tutto. Io ho guidato la prima volta (perchè non avevo alternative) circa un mese dopo l'operazione (g+s). Il primo problema è che essendo operato con il g+s (ginocchio destro, quindi quello del freno), a volte riscontravo un ritardo nella prontezza della gamba. Quindi dal momento in cui pensavo di frenare al momento in cui il piede era sul freno i tempi erano più lunghi di prima dell'operazione, direi nel peggiore dei casi 1 secondo di ritardo.
che nel traffico cittadino possono fare la differenza. Oltre al rischio poi di fare un movimento inconsulto e danneggiare il neo-legamento........

Infatti poi ho aspettato quasi 2 mesi dall'operazione prima di rimettermi alla guida (per fortuna in quel periodo avevo sempre mio padre che mi accompagnava)

viaggio 13-05-2011 09:12

Si Gomma è in corrispondenza dell'inizio della cicatrice dal lato superiore, non è grande sembra una puntura di zanzara forse un pò pù grande, e non è neppure tanto gonfio un leggero gonfiore. Perchè dici che è normale?Probabilmente si assorbirà da sè?Grazie

Fede più che dolori io dico fastidi o difficoltà, io penso che essendo che essendo un pò preoccupati, o traumatizzati per l'operazione e in ansia per il recupero ci concentriamo su ogni singolo movimento del ginocchio ed anche il più piccolo assestamento ci fa preoccupare e lo percepiamo ingigantito. Mamma mia che pazienza che ci vuole meno male che c'è il forum!!!

gomma2408 13-05-2011 09:20

Quote:

Originariamente inviato da viaggio (Messaggio 35142955)
Si Gomma è in corrispondenza dell'inizio della cicatrice dal lato superiore, non è grande sembra una puntura di zanzara forse un pò pù grande, e non è neppure tanto gonfio un leggero gonfiore. Perchè dici che è normale?Probabilmente si assorbirà da sè?Grazie

è normale perchè può esserci una sinovite di tipo reattivo (leggera infiammazione che ha causato produzione di liquido....) conseguente all'operazione, in fondo ti sono entrati dentro al ginocchio!!!! e con un trapano ti hanno forato sia la tibia sia il femore con buchi che vanno a sfociare proprio all'interno della capsula articolare.... hai detto niente!!!! :D :D :D

Il gonfiore che vedi magari lo noti perchè il ginocchio ti si è asciugato di più dalle altri parte e ti rimane una "punta" gonfia perchè in quel punto sottostanti vi sono solo parti molli dell'articolazione... (no tendini, ossa, ecc...).
Vedrai che se ho capito bene dove è :p , se premi dal lato esattamente opposto (praticamente dall'altro lato del rotuleo...) ti sembrerà che gonfi di più.... perchè il liquido si sposta. Finita la pressione, ritorna come prima....
E' solo un po' più di liquido rispetto a quello che c'è sempre, ma si sta assorbendo vedrai....

Altrimenti un altro punto che rimane un po' gonfio prorpio come un "bocciolo" di solito è all'altezza del fissaggio superiore del nuovo LCA, lateralmente al ginocchio (perchè viene fissato obliquamente, per riprodurre al più possibile l'originario......) ;)

viaggio 13-05-2011 09:33

GRazie mille gomma!La "puntura" come la chiamo io se la schiaccio si appiattisce ma non si forma neppure dall'altra parte quindi è solo un pò di liquido che si trova li. Io mi son preoccupato perchè pensavo di avere esagerato nel camminare o nei movimenti però non ho dolore, ecco perchè mi sembrava strano.
Grazie ancora :cincin:

Delfino81 13-05-2011 10:04

Ciao a tutti ragazzi.....

settimana prossima visita col fisiatra per un programma di rinforzo muscolare...sinceramente nn vedo l'ora perche mi so rotto...

una domanda ai piu esperti (e quando dico piu espwerti, Gomma è sempre chiamato in causa! :D )

mi spiegate che cosa sarebbe la capsula posterolateale? un ragazzo che si è fatto: crociato posteriroe piu capsula posterolaterale con tendine da donatore e si è fatto 3 mesi di stampelle... :mbe: dice che il medico gli ha detto che quando si ricostruisce la capsula posterolaterale i tempi di recupero si allungano di molto, perche se fosse stato solo l'LCP sarebbe stato la metà, un mese e mezzo ( comunque sempre di piu del LCA, che è circa 3 settimane un mese, sempre per la particolare delicatezza del crociato posteriore)

a me nessuno mi ha mai paralto di caspula postero laterale (non so se si vede alal risonanza) anche se dicono che è spessissimo un trauma associato alla rottura del crociato posteriore.... (un po' come crociato anteriroe e menisco e talvolta anche il colalterale mediale vanno sempr a braccetto. :doh: )

speriamo ceh nn salti fuori pure sta cosa! :doh:

gomma2408 13-05-2011 10:40

Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 35143392)
Ciao a tutti ragazzi.....

settimana prossima visita col fisiatra per un programma di rinforzo muscolare...sinceramente nn vedo l'ora perche mi so rotto...

una domanda ai piu esperti (e quando dico piu espwerti, Gomma è sempre chiamato in causa! :D )

mi spiegate che cosa sarebbe la capsula posterolateale? un ragazzo che si è fatto: crociato posteriroe piu capsula posterolaterale con tendine da donatore e si è fatto 3 mesi di stampelle... :mbe: dice che il medico gli ha detto che quando si ricostruisce la capsula posterolaterale i tempi di recupero si allungano di molto, perche se fosse stato solo l'LCP sarebbe stato la metà, un mese e mezzo ( comunque sempre di piu del LCA, che è circa 3 settimane un mese, sempre per la particolare delicatezza del crociato posteriore)

a me nessuno mi ha mai paralto di caspula postero laterale (non so se si vede alal risonanza) anche se dicono che è spessissimo un trauma associato alla rottura del crociato posteriore.... (un po' come crociato anteriroe e menisco e talvolta anche il colalterale mediale vanno sempr a braccetto. :doh: )

speriamo ceh nn salti fuori pure sta cosa! :doh:



mah....:confused: non saprei... detta così mi sembra semplicemente che sia una zona della della capsula articolare che riveste il ginocchio, che si può sfibrare e danneggiare quindi in seguito a traumi distorsivi importanti.
Fra le numerose strutture non ossee del ginocchio, infatti, ve ne sono alcune che spesso non vengono nominate (si pensa infatti a legamenti e menischi e stop) che però si possono danneggiare e, pur essendo secondarie meccanicamente per la stabilizzazione/movimento, sono comunque importanti per il corretto funzionamento di tutto (parliamo sempre di strutture "vive" ricordiamocelo, non sono giunti di metallo...:D )

C'è infatti un complesso di strutture (tendini, capsula articolare posteriore, legamenti, ecc...) che formano i cd.
punti d'angolo posteriori (interno e esterno) che hanno una azione congiunta con i legamenti crociati per stabilizzare il ginocchio e sono formati anche dalle estremità dei muscoli che come il popliteo (che è posteriore, quello che si inserisce nella "piega" del ginocchio, il cavo popliteo appunto....)
Una distorsione che interessa un leg. crociato, coinvolge necessariamente anche queste strutture, e quindi anche la capsula articolare... in misura minore o maggiore...
In particolare ho letto che in caso di rottura di LCP l'interessamento della capsula articolare nella sua faccia posteriore esterna è spesso presente....;) ;) ;)

filippo881 13-05-2011 13:09

Quote:

Originariamente inviato da gomma2408 (Messaggio 35142428)
l'unico problema sarebbe stato solo quello.... gamba dx e quindi possibilità di fare una frenata improvvisa, non tanto nella guida se tutto va ok.... anzi, se uno frena molto attentamente può guidare (magari anticipando le frenate, andando più accortamente del solito.....) anche con meno fatica che la sx.... ma se ti attraversa qualcuno e devi inchiodare, i rischi di fare qualche movimento sbagliato ci sono!
Anche io ho guidato dopo circa 20gg, però con tecnica del s+g e gamba sx... con la frizione non avevo alcun problema e per la frenata anche in caso di emergenza la gamba che avrei usato era quella buona... ;)
Non è che non ci si fa ,(qualcuno può accusare dolore, del resto il rotuleo ha avuto un bel trauma....) sono i rischi che sono maggiori...... ;) ;) ;)

Esatto, l'importante è avere un po' di accortezza usando molto di più del solito il freno motore e nelle frenate più tranquille (solo per rallentare) usare il piede sinistro (occhio però a non inchiodarvi premendo troppo :D :D). La cosa veramente più scomoda è il fatto di non avere un appoggio sicuro dovendo appoggiare solo il tacco per usare i pedali. Inoltre consiglio di evitare i dossi, sono molto fastidiosi sulla gamba!

Delfino81 13-05-2011 17:43

Quote:

Originariamente inviato da gomma2408 (Messaggio 35143739)
mah....:confused: non saprei... detta così mi sembra semplicemente che sia una zona della della capsula articolare che riveste il ginocchio, che si può sfibrare e danneggiare quindi in seguito a traumi distorsivi importanti.
Fra le numerose strutture non ossee del ginocchio, infatti, ve ne sono alcune che spesso non vengono nominate (si pensa infatti a legamenti e menischi e stop) che però si possono danneggiare e, pur essendo secondarie meccanicamente per la stabilizzazione/movimento, sono comunque importanti per il corretto funzionamento di tutto (parliamo sempre di strutture "vive" ricordiamocelo, non sono giunti di metallo...:D )

C'è infatti un complesso di strutture (tendini, capsula articolare posteriore, legamenti, ecc...) che formano i cd.
punti d'angolo posteriori (interno e esterno) che hanno una azione congiunta con i legamenti crociati per stabilizzare il ginocchio e sono formati anche dalle estremità dei muscoli che come il popliteo (che è posteriore, quello che si inserisce nella "piega" del ginocchio, il cavo popliteo appunto....)
Una distorsione che interessa un leg. crociato, coinvolge necessariamente anche queste strutture, e quindi anche la capsula articolare... in misura minore o maggiore...
In particolare ho letto che in caso di rottura di LCP l'interessamento della capsula articolare nella sua faccia posteriore esterna è spesso presente....;) ;) ;)


ah ecco allora credo si rifeerisse proprio al punto d'angolo postero-esterno (in siglia il PAPE)... :) quello in oltre il 50x100 dei casi fa sempre coppia col crociato posteriore...

xo a me un prof, Margheritini, uno di quelli che mi ha fatto la visita piu accurata, forse lo "scarto" come scelta operatoria perchè è un autologhista convinto, e come vi dicevo ultimamnte sto propendendo piu x l'allograft - (nella mia situazione - ci tengo a specificare) che è anche uno dei pochi specializzati sul LCP a Roma, mi fece un esame manuale specifico per il PAPE (me lo disse dopo che era per il PAPE), ovvero sdraiato su un lettino a pancia in giu e culo all'aria,le gambe se nn ricordo male erano leggermente flesse (ma tipo 20 gradi nn di piu), mi afferra i piedi, e li ruota verso l'esterno.....e in base a cio mi ha detto che a suo giudizio il PAPE nn sembrava rotto...


mah comunque confesso che la mia paura piu grande della partentesi operatoria è proprio quello che troveranno in artroscopia...(a tipoo kinder soropresa o uovo di Pasqua)... :D a chi sento sento, ci sta quello che li trovano un buco sulla cartilagine, un altro, col PAPE rotto, e via dicendo, cioè per la serie, io so che mi vado ad operare di LCA ed LCP, nn vorei trovarmi co na protesi dentro quando mi sveglio (perchè credo farò la totale :Prrr: )...ovvio l'esempio della protesi è puramente ironico ma tanto x estremizzare e farvi capire il senso del discorso! :cool:

gillu 14-05-2011 06:54

Carissimi,
un grande abbraccio a tutti i crociati del forum!
Seguo sempre ma scrivo meno perché a due mesi e tre settimane (ieri) dall'intervento ormai ho ripreso la mia vita normale, a parte il lavoro col fisio, in palestra ed in piscina...

Ho letto tanti spunti interessanti e mi lascio andare a qualche commento.

Dunque, l'altro giorno mi ha visitato l'ortopedico.
Mi ha detto che ormai a tre mesi dall'intervento (S+G) posso gradualmente riprendere con qualsiasi tipo di esercizio.

Allora, tanto per cominciare: ok con la corsa, sul tappeto oppure sul tartan di un campo d'atletica, evitando ovviamente i cambi di direzione bruschi (per intederci quelli cestistici).
Posso iniziare a saltare su e giù dallo step e fare gli scivolamenti laterali.
Ok anche per leg extension da 0 (gamba distesa) a 40.
Ottima a suo dire la flessione (mai "stimolata"), ok estensione ed iperestensione (pari all'altra gamba).

Per la piscina mi ha dato l'ok anche per il nuoto a rana, purché blando in questa fase: per quello "agonistico" che mi serve per l'apnea dinamica dovrò attendere i canonici sei mesi dall'operazione.
Gli ho sottoposto le vostre osservazioni sui rischi che comporta la rana di cui si discute su questo forum e lui mi ha fatto notare quanto segue.
Con un crociato ricostruito a suo dire non ci sono limiti nell'esecuzione di attività motorie, a patto ovviamente di aver ricostituito un livello muscolare ottimale. Vero che il particolare movimento del piede a martello comporta una extraruotazione (spero di ricordare bene le sue parole...), tuttavia non c'è rischio di danni per il semplice motivo che siamo nell'acqua che oppone resistenza e che costuisce quindi una sorta di guida. Ben diverso sarebbe fare questo movimento "svincolato" e fuori dall'acqua.

Uff, dura parlare di materie che non si conoscono!!!!

Ciò detto, tranquillizzo Viaggio se non erro sul versamento.
Pure io ho ancora una "striscia" di liquido sul ginocchio: se sto in piedi, si evidenzia nettamente sul lato sinistro. In più c'è ancora una "bolla" più o meno in zona del vasto mediale.

Niente di trascendentale, mi ha detto l'ortopedico, si riassorbirà con l'esercizio (specie cyclette e nuoto).

Per quel che riguarda la piscina, io ho iniziato a circa un mese e mezzo dall'intervento e sono sempre andato per i fatti miei una volta a settimana, sfruttando la serata in cui il mio club di sub aveva due corsie riservate per i corsi.
Non è che ci voglia per forza una guida, a patto di avere un po' di dimestichezza con la riabilitazione. Le prime due volte camminavo su e giù per la vasca, per poi fare movimenti isometrici attaccato al bordo.
Poi ho iniziato a nuotare: tavoletta e via solo con la forza delle gambe... non vi dico le prime volte: spingeva solo la gamba sana e non riuscivo a seguire la linea sul fondo!!!
Ieri invece, nessun problema di sorta: ho recuperato due dei quattro cm di deficit a livello del quadricipite e comincio ad avere una spinta accettabile anche con la gamba operata.

Ah, se qualcuno fosse appassionato di sport subacquei...
L'ortopedico mi ha sconsigliato, per ora (ricordo: 2 mesi e 3 sett dall'intervento) di utilizzare pinne da apnea (lunghe 1 metro) perché il tono muscolare non è ancora tale da supportarle.
No problem, invece, per le immersioni con bombole (ARA per i tecnici), anche con le pinne, dal momento che i movimenti sono decisamente più blandi e non c'è bisogno della stessa reattività dell'apnea.
Ovviamente userò qualche accortezza: eviterò di alzarmi in piedi di scatto sulla barca prima di entrare in acqua con 20 o 30 kg di attrezzatura sulle spalle e mi tufferò con capovolta partendo dal bordo...

Ciò detto, ragazzi, sono soddisfatto perché ormai, corsa a parte, la mia vita è pressoché normale a distanza di quasi tre mesi dall'intervento.

Insomma, a saperlo sto **ZZO di crociato non avrei aspettato di rifarmi male prima di ricostruirlo...

Per i nuovi del forum: non date retta a chi dice "aspetta il più possibile a farti mettere le mani sul ginocchio".
Dipende da caso a caso, comunque le tecniche di intervento di oggi sono cambiate e questi discorsi li sentirete fare da chi è stato operato negli anni novanta, quando per rifarti il crociato ti sventravano la gamba...

Buon fine settimana a tutti!

daemon 14-05-2011 08:38

Quote:

Originariamente inviato da gomma2408 (Messaggio 35093835)
allora gli improperi ci stavano....:rolleyes:

Se ti fa male più lo scaldi, bisognerebbe vedere.... vedrai che l'ortopedico saprà darti una bella indicazione, magari ti potrà prescrivere anche una ecografia al limite....
Infatti è vero che nelle tendiniti/tendinosi se si sta immobili passa il dolore, ma appena ci si muove e più ci si muove fa male, proprio perchè il tendine tende ad irrigidirsi e a perdere elasticità... il segreto sta nel fare esercizio leggero ma continuo (anche con dolore) ma questo potranno dirtelo solo dopo la visita...

Al limite in base al tipo di problema che è presente, potrebbe esserti utile la tecarterapia.... ma sempre e solo dipende dal tipo di tendinite che l'ortopedico ti troverà.

In bocca al lupo..... ;) ;) ;)


dopo la visita dell ortopedico...

il succo in 3 punti

- non sono da operare
- mi tengo il male sperando che passi
- mi consiglia un po' di cyclette e un po di glucosammina

Stefano Landau 14-05-2011 09:21

Quote:

Originariamente inviato da gillu (Messaggio 35149764)
Carissimi,
un grande abbraccio a tutti i crociati del forum!
Seguo sempre ma scrivo meno perché a due mesi e tre settimane (ieri) dall'intervento ormai ho ripreso la mia vita normale, a parte il lavoro col fisio, in palestra ed in piscina...

Ho letto tanti spunti interessanti e mi lascio andare a qualche commento.

Dunque, l'altro giorno mi ha visitato l'ortopedico.
Mi ha detto che ormai a tre mesi dall'intervento (S+G) posso gradualmente riprendere con qualsiasi tipo di esercizio.

Allora, tanto per cominciare: ok con la corsa, sul tappeto oppure sul tartan di un campo d'atletica, evitando ovviamente i cambi di direzione bruschi (per intederci quelli cestistici).
Posso iniziare a saltare su e giù dallo step e fare gli scivolamenti laterali.
Ok anche per leg extension da 0 (gamba distesa) a 40.
Ottima a suo dire la flessione (mai "stimolata"), ok estensione ed iperestensione (pari all'altra gamba).

Per la piscina mi ha dato l'ok anche per il nuoto a rana, purché blando in questa fase: per quello "agonistico" che mi serve per l'apnea dinamica dovrò attendere i canonici sei mesi dall'operazione.
Gli ho sottoposto le vostre osservazioni sui rischi che comporta la rana di cui si discute su questo forum e lui mi ha fatto notare quanto segue.
Con un crociato ricostruito a suo dire non ci sono limiti nell'esecuzione di attività motorie, a patto ovviamente di aver ricostituito un livello muscolare ottimale. Vero che il particolare movimento del piede a martello comporta una extraruotazione (spero di ricordare bene le sue parole...), tuttavia non c'è rischio di danni per il semplice motivo che siamo nell'acqua che oppone resistenza e che costuisce quindi una sorta di guida. Ben diverso sarebbe fare questo movimento "svincolato" e fuori dall'acqua.

Uff, dura parlare di materie che non si conoscono!!!!

Ciò detto, tranquillizzo Viaggio se non erro sul versamento.
Pure io ho ancora una "striscia" di liquido sul ginocchio: se sto in piedi, si evidenzia nettamente sul lato sinistro. In più c'è ancora una "bolla" più o meno in zona del vasto mediale.

Niente di trascendentale, mi ha detto l'ortopedico, si riassorbirà con l'esercizio (specie cyclette e nuoto).

Per quel che riguarda la piscina, io ho iniziato a circa un mese e mezzo dall'intervento e sono sempre andato per i fatti miei una volta a settimana, sfruttando la serata in cui il mio club di sub aveva due corsie riservate per i corsi.
Non è che ci voglia per forza una guida, a patto di avere un po' di dimestichezza con la riabilitazione. Le prime due volte camminavo su e giù per la vasca, per poi fare movimenti isometrici attaccato al bordo.
Poi ho iniziato a nuotare: tavoletta e via solo con la forza delle gambe... non vi dico le prime volte: spingeva solo la gamba sana e non riuscivo a seguire la linea sul fondo!!!
Ieri invece, nessun problema di sorta: ho recuperato due dei quattro cm di deficit a livello del quadricipite e comincio ad avere una spinta accettabile anche con la gamba operata.

Ah, se qualcuno fosse appassionato di sport subacquei...
L'ortopedico mi ha sconsigliato, per ora (ricordo: 2 mesi e 3 sett dall'intervento) di utilizzare pinne da apnea (lunghe 1 metro) perché il tono muscolare non è ancora tale da supportarle.
No problem, invece, per le immersioni con bombole (ARA per i tecnici), anche con le pinne, dal momento che i movimenti sono decisamente più blandi e non c'è bisogno della stessa reattività dell'apnea.
Ovviamente userò qualche accortezza: eviterò di alzarmi in piedi di scatto sulla barca prima di entrare in acqua con 20 o 30 kg di attrezzatura sulle spalle e mi tufferò con capovolta partendo dal bordo...

Ciò detto, ragazzi, sono soddisfatto perché ormai, corsa a parte, la mia vita è pressoché normale a distanza di quasi tre mesi dall'intervento.

Insomma, a saperlo sto **ZZO di crociato non avrei aspettato di rifarmi male prima di ricostruirlo...

Per i nuovi del forum: non date retta a chi dice "aspetta il più possibile a farti mettere le mani sul ginocchio".
Dipende da caso a caso, comunque le tecniche di intervento di oggi sono cambiate e questi discorsi li sentirete fare da chi è stato operato negli anni novanta, quando per rifarti il crociato ti sventravano la gamba...

Buon fine settimana a tutti!

A proposito di sport subacquei, mi capita di nuotare a rana in maniera blanda (qualche tuffo in apnea al mare) oppure in piscina, senza problemi. Poi la mia prima immersione dopo l'operazione è andata bene. (16 Marzo l'operazione 22 ottobre l'immersione a Portofino).
Li quello che mi preoccupava era la risalita in barca. Salire dalla scaletta con 30 e passa kg di attrezzatura addosso.... non sapevo come il ginocchio avrebbe reagito, invece nessun problema.

Per il nuoto a rana so che dipende anche da come viene ricostruito il legamento. Ci sono due tecniche una semplice (e più veloce sia come operazione che come recupero) che ricostruisce il legamento in maniera simile all'originale, ma non uguale, ed in questo caso è sconsigliato (o vietato) il nuoto rana. Altrimenti c'è un'altra tecnica, più complessa, che garantisce migliori risultati, solo che l'operazione è più lunga e quindi anche il recupero post-operatorio è più lungo. In questo caso il legamento è come l'originale e non ci sono più limiti nel nuoto a rana (A parte forse il primo periodo.......)

Magari nel frattempo hanno "sveltito" quella tecnica che usano al posto di quella normale.........

Fede 14-05-2011 09:47

Quote:

Originariamente inviato da daemon (Messaggio 35150012)
dopo la visita dell ortopedico...

il succo in 3 punti

- non sono da operare
- mi tengo il male sperando che passi
- mi consiglia un po' di cyclette e un po di glucosammina

Direi che si puo' festeggiare!!!!

viaggio 14-05-2011 12:22

Grazie Gillu per i chiarimenti!Ieri ho fatto vedere il leggero gofiore al fisioterapista e mi ha confermato quello che tu e gomma mi avevate detto.Niente di preoccupante il versamento si assorbirà da sè. Per quanto riguarda la piscina io la inizio martedi e vi racconterò, ho letto che è molto utile non solo per il rinforzo muscolare ma anche per l'equilibrio, li ho un pò di difficoltà ancora (va bè son neanche due mesi che mi hanno operato.
Piuttosto veniamo alla leg estension, nel centro di fisoterapia hanno sta benedetta macchina collegata al pc, l'altro giorno ho chiesto che angolo di lavoro usavano e mi hanno detto 0-90 con il peso più leggero. Tra me e me mi son chiesto "ma non affaticherà troppo il neo legamento? Tenete presente che quell'esercizio si fa dopo 2 mesi dall'operazione. Che ne pensate?Ci abbiamo un pò già discusso sul tema

gillu 14-05-2011 12:39

Hai ragione Stefano, potrebbe darsi che abbiano usato con me questa "nuova" tecnica. Effettivamente più volte l'ortopedico mi ha detto: con il legamento ricostruito si può fare tutto ciò si fa col legamento di madre natura, ovviamente se muscolarmente si è in forma.

A proposito di Portofino, domani i miei soci vanno a farsi un tuffo in apnea al Cristo degli Abissi... Per non farmi venire idee malsane me ne starò a casa: si sa mai che poi una volta che sono lì mi viene voglia di provare ugualmente, infilo le Cressi 3000 LD e vado lo stesso giù e poi combino qualche guaio...

Per le immersioni con bombole, sinceramente non penso di farmi troppi problemi per la risalita: vorrà dire che passerò ai miei compagni l'attrezzatura prima di agguantare la scaletta.
Comunque da quel che mi pare di capire, forse col senno di poi avresti ripreso anche prima con l'attività subacquea.

Per quel che riguarda invece la lega exstension, mi pare che sia assodata la necessità di utilizzarla gradatamente con un angolo ridotto all'inizio... Di più non so dirti, attendiamo i nostri esperti!!!!!!!

viaggio 14-05-2011 13:07

Infatti è proprio l'angolo che mi ha meravigliato ed il fatto che i terapisti lo utilizzino con quell'angolazione

Delfino81 14-05-2011 18:11

oggi visita col prof Zorzi di Verona che visita anche a Roma na volta al mese....mi son fatto abbozzare un programam fisiatrico da perfezionare col fisiatra la settimana prossima...

intanto dato che le disgrazie vengono sempre in compagnia questo mi ha detto che (come presumevo del resto) anche l'angolo postero esterno è da rifà insomma me deve ifa il ginoccio.... e i tempio postoperatori so lunghetti....perchè le prime 3 settimane nn si fa fisioterapia attiva, la comincerei dopo 20 giorni... e le stampelle le lascio dopo un paio di mesetti o qualcosa di piu....primo mese a scarico, poi carico graduale....

MArgheritii fece un movimento per vedere se il PAPE fosse rotto o no, mi fece sdraiare a pancia in giu, e extraruotò le gambe prendendole dai piedi...e disse che nn gli sembrava rotto...questo mi ha fatto un altro movimento....ha messo una mano sulla coscia e con l'altra s'è portata verso l'esterno il piede e secondo lui era rotto...

comunque la depressione avanza sempre di piu..quanto piu mi descrivono come invasiva l'operazione che mi devono fa....non chiedo di tornare a giocare a calcio, di sciare e manco di correre (tranne se sto per perdere l'autobus :stordita: ), ma solo di non restare zoppo......incrocerò le dita....la cartilagine ha una lieve fibrillazione nulla di che..

viaggio 14-05-2011 19:29

Delfino da parte mia e penso di tutti un grosso in bocca al lupo e coraggio, ce la puoi fare

Fede 14-05-2011 19:38

Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 35153763)
oggi visita col prof Zorzi di Verona che visita anche a Roma na volta al mese....mi son fatto abbozzare un programam fisiatrico da perfezionare col fisiatra la settimana prossima...

intanto dato che le disgrazie vengono sempre in compagnia questo mi ha detto che (come presumevo del resto) anche l'angolo postero esterno è da rifà insomma me deve ifa il ginoccio.... e i tempio postoperatori so lunghetti....perchè le prime 3 settimane nn si fa fisioterapia attiva, la comincerei dopo 20 giorni... e le stampelle le lascio dopo un paio di mesetti o qualcosa di piu....primo mese a scarico, poi carico graduale....

MArgheritii fece un movimento per vedere se il PAPE fosse rotto o no, mi fece sdraiare a pancia in giu, e extraruotò le gambe prendendole dai piedi...e disse che nn gli sembrava rotto...questo mi ha fatto un altro movimento....ha messo una mano sulla coscia e con l'altra s'è portata verso l'esterno il piede e secondo lui era rotto...

comunque la depressione avanza sempre di piu..quanto piu mi descrivono come invasiva l'operazione che mi devono fa....non chiedo di tornare a giocare a calcio, di sciare e manco di correre (tranne se sto per perdere l'autobus :stordita: ), ma solo di non restare zoppo......incrocerò le dita....la cartilagine ha una lieve fibrillazione nulla di che..

un in bocca al lupo immenso anche da parte mia!!!!
Su, che e' un investimento per il futuro, altro che!!!

Stefano Landau 14-05-2011 23:44

Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 35153763)
oggi visita col prof Zorzi di Verona che visita anche a Roma na volta al mese....mi son fatto abbozzare un programam fisiatrico da perfezionare col fisiatra la settimana prossima...

intanto dato che le disgrazie vengono sempre in compagnia questo mi ha detto che (come presumevo del resto) anche l'angolo postero esterno è da rifà insomma me deve ifa il ginoccio.... e i tempio postoperatori so lunghetti....perchè le prime 3 settimane nn si fa fisioterapia attiva, la comincerei dopo 20 giorni... e le stampelle le lascio dopo un paio di mesetti o qualcosa di piu....primo mese a scarico, poi carico graduale....

MArgheritii fece un movimento per vedere se il PAPE fosse rotto o no, mi fece sdraiare a pancia in giu, e extraruotò le gambe prendendole dai piedi...e disse che nn gli sembrava rotto...questo mi ha fatto un altro movimento....ha messo una mano sulla coscia e con l'altra s'è portata verso l'esterno il piede e secondo lui era rotto...

comunque la depressione avanza sempre di piu..quanto piu mi descrivono come invasiva l'operazione che mi devono fa....non chiedo di tornare a giocare a calcio, di sciare e manco di correre (tranne se sto per perdere l'autobus :stordita: ), ma solo di non restare zoppo......incrocerò le dita....la cartilagine ha una lieve fibrillazione nulla di che..

Io prima dell'operazione avevo 10.000 dubbi. Mi sembrava una cosa terrificante....... alla fine è passata e devo dire che ne ho per ora ottenuto anche qualche vantaggio..........

Basta tener duro i primi mesi e seguire scrupolosamente i consigli che ti daranno.
Nel tuo caso la situazione è più difficile, ma ho visto persone uscirne da incidenti molto peggiori.

In bocca al lupo anche da parte mia. e pensa a tutti noi. Ricordo di Mitzy preoccupatissima perchè anche lei oltre al LCA aveva danneggiato altre strutture del ginocchio. Ora, dall'ultimo suo post sembrava felicissima di com'erano andate le cose.

viaggio 15-05-2011 09:57

Il problema delle nostre operazioni è che nessuno capisce la loro delicatezza e gli sforzi necessari per la ripresa;ci sono dei momenti in cui uno rimane da solo con i suoi pensieri e le sue paure e bisogna essere forti in quei momenti non perdere la speranza e lavorare sodo per ritornare come prima. Un abbraccio

gillu 15-05-2011 23:08

frequenta la mia stessa palestra un calciatore di serie D il quale in occasione di un contrasto di gioco si è frantumanto il crociato anteriore e disfatto parecchie strutture del ginocchio. Bene, è tornato a giocare (e considera che la serie D è dilettantismo solo a livello formale, in pratica sono professionisti con allenamenti cinque giorni a settimana). Ti deprimi per così poco Delfino?!?!!? Chessarà mai due mesi di stampelle... BALI DURI, come si dice qui in Piemonte!!!! Scherzi a parte tu ce l'avrai più dura di noi, ma alla fine quando tornerai al cento per cento vuoi mettere che soddisfazione?

gomma2408 16-05-2011 08:01

Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 35153763)
...
comunque la depressione avanza sempre di piu..quanto piu mi descrivono come invasiva l'operazione che mi devono fa....non chiedo di tornare a giocare a calcio, di sciare e manco di correre (tranne se sto per perdere l'autobus :stordita: ), ma solo di non restare zoppo......incrocerò le dita....la cartilagine ha una lieve fibrillazione nulla di che...

Questo mi sembra molto importante, e positivamente ;)
Infatti checchè se ne dica, la cartilagine danneggiata seriamente non la ripara nessuno a tutt'oggi, hai voglia a tecniche varie come impianti di cartilagine "allevata" in laboratorio, staminali, ecc.... ecc... ancora non ci siamo, sono tentativi e qualcosa fanno, ma a lungo termine nessuno risolve. Alla fine l'unica soluzione è la protesi quando l'artrosi non ti fa più andare avanti.....:rolleyes:
Quindi la cartilagine a posto o quasi è già un bell'inizio non da poco: ricordo che con la cartilagine seriamente danneggiata, puoi riparare tutto il resto, ma poi hai la difficoltà a fare qualsiasi tipoo di riabilitaizone perchè anche fare solo la cyclette ti farebbe gonfiare il ginocchio.....:rolleyes: e la faccenda allora sì che si fa dura.
Ma avendo la cart. + o - a posto la riabilitazione post operatoria potrà essere fatta senza impedimenti.

Il mio ortopedico i casi di LCA+LCP li tratta così: ricostruzone LCA (e menischi, ecc... come per il solo LCA) poi tutta la riabilitazione, e solo in seguito valutazione della lassità residua:
Dice, come mi aveva anticipato il mio fisioterapista, che operare il LCP può far recuperare il 30/40% della lassità del ginocchio dovuta dalla sua rottura, e non tanto più.... il resto è recuperato solo dalla muscolatura, quindi.... Inoltre con la rottura del LCP e LCA a posto o ricostruito, l'instabilità del ginocchio di solito non è elevata e può essere ridotto con esercizi in palestra....
Se avanzasse poi una instabilità non accettabile allora opererebbe, ma solo in una fase successiva, il LCP.
Questo se deve operare un soggetto che comunque "cammina", diciamo... ovvio se ha un ginocchio frantumato da un incidente stradale, e va operato d'urgenza, viene valutato caso per caso su come agire.

Comunque in ogni caso anche lui impianto autologo.... :rolleyes:

P.s.: ma quanti esperti interpelli???? non è che rischi di confonderti di più le idee??? (visto che i medici non ne dicono una uguale all'altra...... affidati a chi ti è sembrato più scrupoloso e meno sbrigativo o "facilone"... questo è un consiglio personalissimo, libero di pensare come vuoi, eh! ci mancherebbe.....:p ;) ;) )

gomma2408 16-05-2011 08:11

Quote:

Originariamente inviato da viaggio (Messaggio 35151564)
[......]

Piuttosto veniamo alla leg estension, nel centro di fisoterapia hanno sta benedetta macchina collegata al pc, l'altro giorno ho chiesto che angolo di lavoro usavano e mi hanno detto 0-90 con il peso più leggero. Tra me e me mi son chiesto "ma non affaticherà troppo il neo legamento? Tenete presente che quell'esercizio si fa dopo 2 mesi dall'operazione. Che ne pensate?Ci abbiamo un pò già discusso sul tema

Scusa, quale è la macchina collegata al PC? la leg extension? perchè per quella basta una leg graduata, con i blocchi in ext e flex.

Io ti posso dire che da quelloc he ho visto, in soggetti operati da numerosi ortopedici di "diversa" scuola, famosi e non, che sono venuti al centro in questi ultimi tre anni e mezzo, TUTTI semmai iniziavano da 30°-60° per poi finire a fare 0°-40° dopo almeno 3/4 mesi, poi 0°-60° al max, .... PER chi era operato... poi meno pesi metti più puoi fare una escursione elevata, ma quelli operati di LCA il passo successivo era la macchina ISOCINETICA che è nel movimento una leg extension e leg curl (fa resistenza sian in ext che in flex) e lì l'escursione si arriva a farla 0-120....... ;) ;) ;)

Ma di sicuro NESSUNO iniziava la leg ext arrivando subito a 0° di angolo al ginocchio...:rolleyes: .....

alex642002 16-05-2011 08:35

Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 35153763)
oggi visita col prof Zorzi di Verona che visita anche a Roma na volta al mese....mi son fatto abbozzare un programam fisiatrico da perfezionare col fisiatra la settimana prossima...

intanto dato che le disgrazie vengono sempre in compagnia questo mi ha detto che (come presumevo del resto) anche l'angolo postero esterno è da rifà insomma me deve ifa il ginoccio.... e i tempio postoperatori so lunghetti....perchè le prime 3 settimane nn si fa fisioterapia attiva, la comincerei dopo 20 giorni... e le stampelle le lascio dopo un paio di mesetti o qualcosa di piu....primo mese a scarico, poi carico graduale....

MArgheritii fece un movimento per vedere se il PAPE fosse rotto o no, mi fece sdraiare a pancia in giu, e extraruotò le gambe prendendole dai piedi...e disse che nn gli sembrava rotto...questo mi ha fatto un altro movimento....ha messo una mano sulla coscia e con l'altra s'è portata verso l'esterno il piede e secondo lui era rotto...

comunque la depressione avanza sempre di piu..quanto piu mi descrivono come invasiva l'operazione che mi devono fa....non chiedo di tornare a giocare a calcio, di sciare e manco di correre (tranne se sto per perdere l'autobus :stordita: ), ma solo di non restare zoppo......incrocerò le dita....la cartilagine ha una lieve fibrillazione nulla di che..

Quote:

Originariamente inviato da gomma2408 (Messaggio 35161006)
Questo mi sembra molto importante, e positivamente ;)
Infatti checchè se ne dica, la cartilagine danneggiata seriamente non la ripara nessuno a tutt'oggi, hai voglia a tecniche varie come impianti di cartilagine "allevata" in laboratorio, staminali, ecc.... ecc... ancora non ci siamo, sono tentativi e qualcosa fanno, ma a lungo termine nessuno risolve. Alla fine l'unica soluzione è la protesi quando l'artrosi non ti fa più andare avanti.....:rolleyes:
Quindi la cartilagine a posto o quasi è già un bell'inizio non da poco: ricordo che con la cartilagine seriamente danneggiata, puoi riparare tutto il resto, ma poi hai la difficoltà a fare qualsiasi tipoo di riabilitaizone perchè anche fare solo la cyclette ti farebbe gonfiare il ginocchio.....:rolleyes: e la faccenda allora sì che si fa dura.
Ma avendo la cart. + o - a posto la riabilitazione post operatoria potrà essere fatta senza impedimenti.

Il mio ortopedico i casi di LCA+LCP li tratta così: ricostruzone LCA (e menischi, ecc... come per il solo LCA) poi tutta la riabilitazione, e solo in seguito valutazione della lassità residua:
Dice, come mi aveva anticipato il mio fisioterapista, che operare il LCP può far recuperare il 30/40% della lassità del ginocchio dovuta dalla sua rottura, e non tanto più.... il resto è recuperato solo dalla muscolatura, quindi.... Inoltre con la rottura del LCP e LCA a posto o ricostruito, l'instabilità del ginocchio di solito non è elevata e può essere ridotto con esercizi in palestra....
Se avanzasse poi una instabilità non accettabile allora opererebbe, ma solo in una fase successiva, il LCP.
Questo se deve operare un soggetto che comunque "cammina", diciamo... ovvio se ha un ginocchio frantumato da un incidente stradale, e va operato d'urgenza, viene valutato caso per caso su come agire.

Comunque in ogni caso anche lui impianto autologo.... :rolleyes:

P.s.: ma quanti esperti interpelli???? non è che rischi di confonderti di più le idee??? (visto che i medici non ne dicono una uguale all'altra...... affidati a chi ti è sembrato più scrupoloso e meno sbrigativo o "facilone"... questo è un consiglio personalissimo, libero di pensare come vuoi, eh! ci mancherebbe.....:p ;) ;) )

Ha ragione Gomma,scusa Delfino:scegline uno e basta.

viaggio 16-05-2011 08:59

Guarda Gomma la macchina era la leg estension quando ho visto l'angolo son rimasto meravigliato (0-90) tieni presente che il tipo era fisicamente imponente (la famosa montagna umana) ed è operato quasi 2 mesi. Io son operato 55 giorni ed ancora non l'ho usata appena la userò vi riferirò l'angolazione. Comunque son rimasto meravigliato anche io dell'angolazione forse ha quella angolazione per l'assenza del peso?Mah.
Comunque domani vado in piscina, il fisioterapista mi ha detto vedrai che migliorerai velocemente grazie alla piscina. Io spero che mi aiuti nel passo visto che ancora tendo a poggiare sulla gamba sana e l'equilibrio è un po instabile (speriamo che le tavolette mi aiutino)

gomma2408 16-05-2011 10:15

Quote:

Originariamente inviato da viaggio (Messaggio 35161340)
....
Comunque son rimasto meravigliato anche io dell'angolazione forse ha quella angolazione per l'assenza del peso?Mah.
....

:confused: cioè? la leg-ext era senza peso del tutto? In quel modo mi sembra sostanzialmente inutile... cioè neanche 5 kg? (il minimo) cioè così alla leg che si allenerebbe? solo il movimento, ma per quello allora meglio la cyclette.... non capisco....:confused:
la leg ext ha senso quando ci riesci a caricare qualche kg (io ho iniziato da 15kg in su) perchè prima fai lo stesso movimento con la caviglia trattenuta da un elastico.... POI passi alla leg...... :rolleyes:

viaggio 16-05-2011 10:30

Sicuramente son io che non ho capito, quando inizierò io a farla vi riferirò con precisione. Per quanto riguarda me infatti sto usando gli elastici quindi la leg estension la uaserò tra qualche settimana e sarò più preciso.
Piuttosto gomma a te oggni tanto schioccava il ginocchio?A me schiocca quando forzo l'estensione ed ogni tanto quando cammino, il fisioterapista mi ha detto di non preoccuparmi è colpa di un pò di liquido che come si riassorbirà naturalmente farà sparire il fenomeno:confused:

alex642002 16-05-2011 10:51

Quote:

Originariamente inviato da viaggio (Messaggio 35162042)
Sicuramente son io che non ho capito, quando inizierò io a farla vi riferirò con precisione. Per quanto riguarda me infatti sto usando gli elastici quindi la leg estension la uaserò tra qualche settimana e sarò più preciso.
Piuttosto gomma a te oggni tanto schioccava il ginocchio?A me schiocca quando forzo l'estensione ed ogni tanto quando cammino, il fisioterapista mi ha detto di non preoccuparmi è colpa di un pò di liquido che come si riassorbirà naturalmente farà sparire il fenomeno:confused:

Gli "scrocchi" li ho anch'io..sul ginocchio sano.Il mio ortopedico mi ha detto di non preoccuparmi.Credo che siano bolle di gas che si formano,un pò come quando si fanno scrocchiare le dita :D

viaggio 16-05-2011 11:00

Meno male mi stavo già preoccupando, il mio fisioterapista invece ha detto che una volta ascigato il ginocchio scompariranno.......il fatto è che dopo l'operazione ogni minimo fenomeno del ginocchio ci mette in apprensione. Grazie per la tua spiegazione

gomma2408 16-05-2011 12:06

Quote:

Originariamente inviato da viaggio (Messaggio 35162042)
Sicuramente son io che non ho capito, quando inizierò io a farla vi riferirò con precisione. Per quanto riguarda me infatti sto usando gli elastici quindi la leg estension la uaserò tra qualche settimana e sarò più preciso.
Piuttosto gomma a te oggni tanto schioccava il ginocchio?A me schiocca quando forzo l'estensione ed ogni tanto quando cammino, il fisioterapista mi ha detto di non preoccuparmi è colpa di un pò di liquido che come si riassorbirà naturalmente farà sparire il fenomeno:confused:

mah, lo schioccare no....
però (a parte gli "scroci" articolari, che sono come dei crepitii, scricchiolamenti vari) a mezza "corsa" del ginocchio mi "tonfava" con un piccolo scatto soprattutto sotto carico, es. alla cyclette, ma era il menisco.... ormai non più "nuovo" e quando il ginocchio è un po' più "irritato" si fa sentire di più....
E poi in estensione mi "scrocchia" come se andasse leggermente fuori posto qualcosa ma non ginocchio sembrano dei tendini posteriormente dove passa/passava:D il semitendinoso.... ma anche lì più faccio esercizi (tipo in questo periodo che faccio palestra) meno lo sento.... anzi quasi del tutto scomparso.
E' anche per questi piccoli problemini che ogni tanto faccio un periodo di palestra riabilitativa con i pesi......:rolleyes:

viaggio 16-05-2011 12:14

invece a me con cyclette va tranquillo, ripeto schiocca quando forzo l'estensione ogni tanto e quando cammino anche li ogni tanto.Però da quando son stato operato non ho più la sensazione di instabilità che avevo prima e quella è una gran cosa!Probabilmente è dovuto anche il fatto che il ginocchio ancora non è elastico (io son stato operato con il rotuleo)

juninho85 16-05-2011 14:02

non sempre scompaiono,posso essere comunque sintomo di scarsa "articolarità" sull'arto,a prescindere che si abbiano avuto o meno traumi

viaggio 16-05-2011 14:42

da una ricerca su internet ho trovato che dipendono anche dalla scarsa forza della gamba e dalla atrofizzazione dei vari muscoli;dovrebbe sparire con il rafforzamento della stessa.Stasera intervisto il fisioterapista e poi girerò la domanda all'ortopedico

Fede 16-05-2011 15:27

eccomi a voi con l'ennesima ipocondria del momento:
sono due giorni che ho un dolore fisso all' altezza del ginocchio (laterale interno).
Mi capita spesso di sentire una resistenza durante la flessione, intorno ai 20 gradi, superati i quali il tutto diventa piu' gestibile (anzi, rispetto ai primi giorni sto guadagnando gradi su gradi).
Ho fatto caso che il ginocchio scatta (visibilmente), e la rotula sembra riposizionarsi subito dopo.
Non succede sempre, ma quando succede mi fa talmente impressione, da farmi tornare a camminare con la gamba tesa per un po'.
Come al solito vi rifaccio la domanda: "e' gia' capitato a qualcuno?!"
Ancora grazie

Delfino81 16-05-2011 23:12

e lo so boys visito troppi medici ormai ci sto prendendo gusto.... :D

Gomma, ma tu stesso mi dicesti che una buona fetta di chi si spacca i legamenti soffre anche di iperpressione o condrpatia.....


queste persone quindi fanno un programamriabilitativo post operatorio piu "soft" rispetto a chi si opera con cartilagine sana?

oppure devono proprio rinunciare a degli esercizi tipo cyclette, ecc?


Tutti gli orari sono GMT +1. Ora sono le: 18:30.

Powered by vBulletin® Version 3.6.4
Copyright ©2000 - 2024, Jelsoft Enterprises Ltd.
Hardware Upgrade S.r.l.