Hardware Upgrade Forum

Hardware Upgrade Forum (https://www.hwupgrade.it/forum/index.php)
-   Scienza e tecnica (https://www.hwupgrade.it/forum/forumdisplay.php?f=91)
-   -   Legamento crociato anteriore (https://www.hwupgrade.it/forum/showthread.php?t=498329)


alex642002 09-09-2010 09:39

Quote:

Originariamente inviato da Stefano Landau (Messaggio 33034738)
Su Roma so che opera Mariani credo a Villa Stweart, non so se li si può fare anche fisioterapia però e non so se è convenzionata.

No,solo a pagamento,o con l'assicurazione,se lo prevede.

Delfino81 09-09-2010 10:06

Quote:

Originariamente inviato da Carlsberg (Messaggio 33039396)
Grazie per le informazioni

Io purtroppo mi sono operato in una città diversa da quella in cui vivo (errore grossissimo mi sto rendendo conto), per cui devo fare tutto da solo

Per quanto riguarda Mariani, qui a Roma si dice che deve la sua fama alla reclame dell'operazione a Totti, ma di gente "non famosa" ne ha rovinata tantissima...qualcuno lo chiama addirittura "il macellaio"...


addirittura?? :eek: da "gossip" sta notizia! :D

quanto all'operarsi in un'altra città, non è un errore, dipende sempre da cosa ti offre al tua città...a Taranto il piu famoso ortopedico è anche il piu famoso macellaio, William Uzzi, so di gente che ha avuto problemi anche x una semplice asportazione o suturazione meniscale (che dovrebbe essere proprio na cazzata :doh: )...e di gente che fa turismo ospedaliero ce n'è parecchia...anzi, diciamo che in terronia sono pochi quelli che hanno al fortuna di operarsi nella propria città, l'importante è che il fisioterapista segua il protocollo del medico che cambia a seconda dell'operaz fatta

Carlsberg 09-09-2010 10:10

Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 33039133)
Ciao amico e "malvenuto" nel forum come si dice qua.... :D punto primo, non so quanto faccia bene l'amico tuo a prenderti x il culo, al di là delle battute, io credo che ci sia una "sorte" comune che unisce sia chi si opera sia chi non si opera..... ovvero dedicare molto tempo all'esercizio fisico....senza arrivare ai livelli di Rocky, ma bisogna dedicarsi un minimo..... l'ho visto su di me stesso che, con edue crociati lesionati (ant e post) quando facevo ginnastica, senza strafare am la facevo, nn mi dava alcun problema nelal vita quotidiana (lo sport non l'ho testato xche sn un po' cACAZZONE IO E NN HO VOLUTO FARE ALTRI MIRACOLI)...ORA CHE SN FUORI ALLENAMENTO (CHE MI SN RIPROMESSO DI RIPRENDER A OTTOBRE )a volte mi fa male pure se premo la frizione del'auto :doh:

Grazie per il malvenuto :cry:

:D

Guarda in realtà l'amico mio non fa nulla di nulla...gioca solo a calcio e finora non ha avuto problemi (è già qualche anno che gioca senza legamento). Magari è particolarmente fortunato lui, magari ha una conformazione del ginocchio che gli crea pochi problemi. Da sottolineare che anni fa si era operato, poi se l'è rotto nuovamente ed a quel punto ha deciso di non operarsi più.

Io vivo una situazione diversa da quella che descrivi tu: per quanto mi riguarda non è vero che quando mi alleno il ginocchio lo sento meglio, anzi nell'immediato si... ma nei successivi 2-3 giorni sento un dolore che mi impedisce di lavorarci all'allenamento successivo e l'istruttore dice che è normale perchè quando ci lavoriamo lo sforziamo. A me non sembra normale dopo quasi 1 anno dall'operazione.

A proposito: ma secondo te dopo quanto tempo uno non avrà più bisogno di fare allenamento per non avere problemi? Non mi immaginavo assolutamente tutto sto travaglio!!! Spero che prima o poi mi possa dimenticare di questo problema :mbe:

In realtà quello che ci rovina secondo me è la vita sedentaria: me ne sono reso conto quest'estate quando, in ferie, ho fatto una vita molto frenetica ed il ginocchio lo sentivo molto meglio. Ora che sono tornato alla vita sedentaria, ricominciano i dolori.


Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 33039133)
Ti chiedo anzitutto una cosa: perchè dici che il chiurgo è stato superficiale?
a mio parere il problema è un altro...l'amico tuo sicuramente sta messo meglio di te perchè ha avuto piu tempo da dedicare al rinforzo del quadricipite, mentre tu da quello che scrivi (prendila come una battuta, spero non ti offenderai ;) )hai fatto "furia francese e ritirata spagnola"...ovvero, di sicuro ti avrà giovato la fisioterapia a casa (molti li fanno da soli i primi esercizi isometrici, se ti sei fatto aiutare è di sicuro un punto a tuo favore), ottima almeno a livello quantitativo la terapia fatta in clinica, dalle 8 alle 13 so 5 ore:D (fammi capire, l'hai fatta a regime di ricovero? potrei chiederti come è stata a livello qualitativo e dove l'hai fatta, presso quale clinica?vivo anche io a Roma ecco xke :p )...ma poi tornato a lavoro ti sei arenato...questo è stato lo sbaglio secondo me!

dico che il chirurgo è stato superficiale perchè se ne è strafregato del post-operatorio, ha pensato solo a rimettermi in piedi... per il resto era impossibile parlarci e quando ci si riusciva era molto sfuggente e vago. Io credo invece che il chirurgo ti debba dare precise indicazioni anche nel post-operatorio, in funzione chiaramente delle esigenze del paziente ed io con lui ero stato chiaro sul fatto che sarei voluto tornare a praticare sport (calcio, in particolare).

per quanto riguarda la clinica, ho fatto tutto a villa sandra sulla portuense in day-ospital tutto in convenzione ;)

Ogni mattina 5 ore tra elettrostimolazione, massaggi, piegate:cry: , esercizi di propriocettività, magnetoterapia e via discorrendo. Le persone sono serie e qualificate. Per qualsiasi informazioni ti sia necessaria sono a tua disposizione ;)

si sono pienamente consapevole che il problema è stato essermi fermato una volta rientrato al lavoro, ma in mezzo a valanghe di stress e senza punti di riferimento su Roma è veramente difficile (sta città come ben sai ti offre talmente tanto che è difficilissimo orientarsi e soprattutto non farsi fregare..... )

Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 33039133)
le tempistiche per poter tornare a fare sport regolarmente sono (almeno) di 4 mesi....c'è chi necessita di un periodo riabilitativo maggiore sopecialmente x gli sport di contatto, ma 4 mesi dicaimo è il minimo sindacale..metnre tu mi par di capire ne abbia fatti solo al metà! secondo me il problema è stato proprio questo....ricorda amico mio, il lavoro è importante e nobilita l'uomo, ma la salute viene prima ancora...:sofico: .(e questo vorrei spiegarlo e vorrei che entrasse anche in testa ai miei concittadini tarantini, che in nome di un posto fisso si fanno avvelenare di diossina dall'ILVA, il centro siderurgico, soggiacendo al ricatto occupazionale....io ho preferito andarmene a farmi allattare dalla lupa ;) con tutti i disagi possibili di un fuorisede, ma preservando la salutem, scusa x questa divagazione off topic ;) )


nulla da eccepire sull'importanza della salute. devo dire che non riesco bene a bilanciare questi aspetti anche se parto sempre determinatissimo a risolvere i vari problemi di salute che si presentano, ma poi sbatto contro la carenza di tempo e sull'incapacità di muovermi nell'ambito della ricerca del giusto punto di riferimento sanitario (che sia medico di base, chirurgo o fisioterapista) che mi aiuti a risolvere il problema. Ad esempio soffro da anni anche della sindrome dell'intestino irritabile (sindrome da stress :doh:) ed ancora oggi sono in cerca dello specialista giusto dopo essermi fatto fregare fior di quattrini da emeriti ciarlatani (anche colpi di 300€ a visita da gente che si fa definire luminare)

il problema di fondo è che la sanità è diventato puro business e a lavorarci ci entra gente sempre più cinica che se ne strefrega del paziente ma che pensa solo alla via migliore per guadagnare di più... sono arrivato a pensarla così

Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 33039133)
ora come ora il consiglio che mi sentirei di darti, è di lasciar perdere palestre varie (alcune hanno come istruttori laureati ISEF, e non sono molte, tante hanno come istruttori gente che ha il brevetto di 1° livello di body building, nessuna ha laureati in fisioterapia, su questo ne puoi star sicuro) e farti un buon allenamento seguito da fisioterapisti qualificati.....


se mi chiedi centri specifici mi trovi un tantino in difficoltòà,x ke dal vivo non ho testato nulla qua a Roma (io facevo allenamento come te in palestra, ma quandio stavo ancora giu a Taranto, erano laureati ISEF con dei brevtti in riabilitazione, ma io stesso nn avevo grosse mire espansionistiche, data la mia sedentarietà mi bastava che nn mi desse problemi e cedimenti nella vita quotidiana, e infatti me lo sentivo na favola), però posso sia consigliarti come Stefano Villa Stuart ma anche il centro ISOKINETIC (una "holding" di centri di fisioterapia abbastanza radicata su tutto il territorio nazionale, il primo centro e credo il piu famoso sta a Bologna (si sn allenati molti calciatori operati al Rizzoli, tra cui Baggio mi pare e Casiraghi,poveraccio Casiraghi si distrusse il ginocchio, tt i legamnt completamente rotti, menisco, e fu intaccato anche un nervo, ve lo ricordate? :eek: )ma anche a Roma ce n'è uno molto grande in zona Flaminia..... questi due però nn sn convenzionati col servisio sanitario nazionale, se ne vuoi uno convensionato, ho ben sentito parlare da un amico del forum (Alex romano come te) il centro Salvetti che sta a Centocelle....ti lascio i link

http://www.villastuart.it/pages/fisi...latoriale.html

http://www.isokinetic.com/index.cfm?...da/centri/roma

http://www.fisiopoint.net/
(un altro vicino dove lavoro io, sembra molto organizzato, ma nn è convenzionato)

http://www.fktsalvetti.com/

e se ti informi ce ne saranno sicuramente altri...

X Danilson: in bocca al lupo, vedrai che andrà sempre migliorando...già ca tin a forz d scriv sop u computer vuol di che stai bene su! :D (ma forse mi confondo con un altro, mi ricordavo che ti fossi gia operato! :Prrr: )

x Stefano: scusa forse ti avrò gia fatto questa domanda (ultimamente prendo piu pillole di "Rincoglionil" la mattina :rolleyes: ),l'assicurazione tu ce l'avevi gia x il lavoro giusto? nn te la sei fatta appostoa x fa operazioen e fisioterapia....ma era diretta o indiretta?cioè hai antiicpato tu i soldi? x operaz e fisio? e poi ti sn stati rimnborsatio? ricordi che assicurzione fosse^??

quindi in ogni caso devo rivolgermi ad un centro? io pensavo di consultare qualche fisioterapista "privato" che mi desse indicazioni ed un piano di allenamento. ma forse è meglio fare come dici tu, anche se mi spaventa un pò l'aspetto economico visto che ci ho già investito una fortuna su questo benedetto ginocchio.

ma che significa che un centro fisioterapico è convenzionato? anche se ho già usufruito della convenzione a villa sandra posso usufruire anche di questa convenzione?

in tal caso proverò subito a telefonare ad uno dei centri convenzionati.

invece se volessi fare un visita da un chirurgo qui a Roma, avresti qualcuno da consigliarmi? (a parte mariani che fa parte dello "star-set", ma che mi dicono essere tutto fumo e niente arrosto)

Ti ringrazio tantissimo per le preziose informazioni ;)

Carlsberg 09-09-2010 10:15

Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 33039722)
addirittura?? :eek: da "gossip" sta notizia! :D

quanto all'operarsi in un'altra città, non è un errore, dipende sempre da cosa ti offre al tua città...a Taranto il piu famoso ortopedico è anche il piu famoso macellaio, William Uzzi, so di gente che ha avuto problemi anche x una semplice asportazione o suturazione meniscale (che dovrebbe essere proprio na cazzata :doh: )...e di gente che fa turismo ospedaliero ce n'è parecchia...anzi, diciamo che in terronia sono pochi quelli che hanno al fortuna di operarsi nella propria città, l'importante è che il fisioterapista segua il protocollo del medico che cambia a seconda dell'operaz fatta

riporto quanto si vocifera, non è esperienza diretta :D

si ma io avevo l'opportunità di operarmi anche a roma e se tornassi indietro non avrei il minimo dubbio. anche solo considerando il problema che per ogni visita dovevo andare fino a Prato e quando ancora non potevo guidare guidava la mia ragazza (che una volta ha spento per sbaglio la macchina in piena autostrada :eek: :D )

oltre a questo però, un chirurgo della stessa città in cui vivi ti può anche indirizzare per quanto riguarda un riferimento per la fisioterapia ;)

gomma2408 09-09-2010 10:24

ciao Carlsberg, ;) ben(mal)venuto (perchè era meglio non ti fosse successo niente....:p ) fra noi.

La fisioterapia è fondamentale, questo l'hai già capito da solo, però non è che se fai tre mesi due ore tre volte a settimana è uguale a un mese cinque ore tutti i giorni: il ginocchio così operato (se ci hai seguito avrai forse già letto in proposito qualcosa) ha bisogno del suo TEMPO indipendentemente dalla intensità della fisioterapia. I giocatori professionisti fanno prima perchè partono già da una condizione fisica eccezionale... da professionista appunto.
Te lo dico io che i primi TRE mesi (anzi quasi 4!!!) ha fatto fisioterapia per 3/4 ore al giorno per un minimo di 4 gg a settimana. Ebbene, dopo SEI MESI (dal 4° sono rientrato al lavoro, ma non ho mai smesso la fisio, facevo 3 sedute sett da 2 ore o poco più...) avevo un deficit del 36% alla gamba operata, questo a causa delle mie condizioni pre intervento e per l'a serie di infortuni patiti nel tempo. Non avevo molte speranze di far sparire i vari dolorini e soprattutto recuperare ancora (erano passati sei mesi e mezzo!!!!) però non mi sono arreso e a 10 mesi dall'operazione ho avuto in palestra un ulteriore balzo in avanti delle condizioni del ginocchio (senza aver variato più di tanto gli esercizi, solo cambiando numero di ripetizioni e numero di serie) fino a raggiungere lo zero % di differenza fra le due gambe!

Questo per dirti che non dovevi smettere, capisco il lavoro, ma intendo che se non occorre fare chissà che, ma anche solo isometria e stretching a casa per tre volte al giorno (es la mattina mezz'ora, e la sera un'altra mezz'ora..... comprandosi i pesi per le caviglie....)
Con quello mantenevi quello che avevi fatto.

Anche adesso non tipreoccupare che dolori vari e difficoltà sono dovute a scrso allenamento, vedrai se riprendi con costanza (non occorre una esagerata quantità, visto che ovvio dobbiamo lavorare per la maggior parte della giornata.....) noterai grossi miglioramenti, settimana dopo settimana.

Per i centri io non so a Roma cosa ci sia, però per farti un'idea i centri proprio specializzati sono attrezzati per il test isocinetico ed hanno la macchina apposita quindi, che è specifica per riabilitazioni e/o perizie legali, quindi chi ne è dotato sei SICURO che c'è gente competente.....
Per contro chi NON ce l'ha può benissimo essere bravo, ma ti devi appoggiare su altri fattori..... ad es. privilegia chi ha macchine con le gradazioni per le articolazioni (es. la leg extension con i blocchi in estensione e flessione) così capisci che quella palestra si è specializzata in riabilitazioni. E' importante questo perchè finchè ci sono i dolori il Terapista DEVE sapere a quali angoli farti lavorare.....dopo che stai bene poi fai di tutto come l'altro ginocchio, ma fino a quel momento ci vuole un minimo di asccortezza.

DOPO che hai capito come fare esercizi e serie, poi puoi andare in qualsiasi palestra, perchè gli esercizi te li fai da te: 10min di cyclette per riscaldarti, poi leg press, leg extension, leg curl, ercolina (o altra macchina per esterno coscia) , sono le più importanti per il ginocchio.....

Io sono sempre andato alla stessa palestra di riabilitazione, ma dal 4° mese in poi (da quando ho iniziato a correre su tapis) una volta imparato gli esercizi facevo tutto da me, non chiedevo niente.... ero autonomo.

Spero di essere stato almeno un minimo utile..... ciao!

Stefano Landau 09-09-2010 10:30

Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 33039133)
Ciao amico e "malvenuto" nel forum come si dice qua.... :D punto primo, non so quanto faccia bene l'amico tuo a prenderti x il culo, al di là delle battute, io credo che ci sia una "sorte" comune che unisce sia chi si opera sia chi non si opera..... ovvero dedicare molto tempo all'esercizio fisico....senza arrivare ai livelli di Rocky, ma bisogna dedicarsi un minimo..... l'ho visto su di me stesso che, con edue crociati lesionati (ant e post) quando facevo ginnastica, senza strafare am la facevo, nn mi dava alcun problema nelal vita quotidiana (lo sport non l'ho testato xche sn un po' cACAZZONE IO E NN HO VOLUTO FARE ALTRI MIRACOLI)...ORA CHE SN FUORI ALLENAMENTO (CHE MI SN RIPROMESSO DI RIPRENDER A OTTOBRE )a volte mi fa male pure se premo la frizione del'auto :doh:

Ti chiedo anzitutto una cosa: perchè dici che il chiurgo è stato superficiale?
a mio parere il problema è un altro...l'amico tuo sicuramente sta messo meglio di te perchè ha avuto piu tempo da dedicare al rinforzo del quadricipite, mentre tu da quello che scrivi (prendila come una battuta, spero non ti offenderai ;) )hai fatto "furia francese e ritirata spagnola"...ovvero, di sicuro ti avrà giovato la fisioterapia a casa (molti li fanno da soli i primi esercizi isometrici, se ti sei fatto aiutare è di sicuro un punto a tuo favore), ottima almeno a livello quantitativo la terapia fatta in clinica, dalle 8 alle 13 so 5 ore:D (fammi capire, l'hai fatta a regime di ricovero? potrei chiederti come è stata a livello qualitativo e dove l'hai fatta, presso quale clinica?vivo anche io a Roma ecco xke :p )...ma poi tornato a lavoro ti sei arenato...questo è stato lo sbaglio secondo me!

le tempistiche per poter tornare a fare sport regolarmente sono (almeno) di 4 mesi....c'è chi necessita di un periodo riabilitativo maggiore sopecialmente x gli sport di contatto, ma 4 mesi dicaimo è il minimo sindacale..metnre tu mi par di capire ne abbia fatti solo al metà! secondo me il problema è stato proprio questo....ricorda amico mio, il lavoro è importante e nobilita l'uomo, ma la salute viene prima ancora...:sofico: .(e questo vorrei spiegarlo e vorrei che entrasse anche in testa ai miei concittadini tarantini, che in nome di un posto fisso si fanno avvelenare di diossina dall'ILVA, il centro siderurgico, soggiacendo al ricatto occupazionale....io ho preferito andarmene a farmi allattare dalla lupa ;) con tutti i disagi possibili di un fuorisede, ma preservando la salutem, scusa x questa divagazione off topic ;) )

ora come ora il consiglio che mi sentirei di darti, è di lasciar perdere palestre varie (alcune hanno come istruttori laureati ISEF, e non sono molte, tante hanno come istruttori gente che ha il brevetto di 1° livello di body building, nessuna ha laureati in fisioterapia, su questo ne puoi star sicuro) e farti un buon allenamento seguito da fisioterapisti qualificati.....


se mi chiedi centri specifici mi trovi un tantino in difficoltòà,x ke dal vivo non ho testato nulla qua a Roma (io facevo allenamento come te in palestra, ma quandio stavo ancora giu a Taranto, erano laureati ISEF con dei brevtti in riabilitazione, ma io stesso nn avevo grosse mire espansionistiche, data la mia sedentarietà mi bastava che nn mi desse problemi e cedimenti nella vita quotidiana, e infatti me lo sentivo na favola), però posso sia consigliarti come Stefano Villa Stuart ma anche il centro ISOKINETIC (una "holding" di centri di fisioterapia abbastanza radicata su tutto il territorio nazionale, il primo centro e credo il piu famoso sta a Bologna (si sn allenati molti calciatori operati al Rizzoli, tra cui Baggio mi pare e Casiraghi,poveraccio Casiraghi si distrusse il ginocchio, tt i legamnt completamente rotti, menisco, e fu intaccato anche un nervo, ve lo ricordate? :eek: )ma anche a Roma ce n'è uno molto grande in zona Flaminia..... questi due però nn sn convenzionati col servisio sanitario nazionale, se ne vuoi uno convensionato, ho ben sentito parlare da un amico del forum (Alex romano come te) il centro Salvetti che sta a Centocelle....ti lascio i link

http://www.villastuart.it/pages/fisi...latoriale.html

http://www.isokinetic.com/index.cfm?...da/centri/roma

http://www.fisiopoint.net/
(un altro vicino dove lavoro io, sembra molto organizzato, ma nn è convenzionato)

http://www.fktsalvetti.com/

e se ti informi ce ne saranno sicuramente altri...

X Danilson: in bocca al lupo, vedrai che andrà sempre migliorando...già ca tin a forz d scriv sop u computer vuol di che stai bene su! :D (ma forse mi confondo con un altro, mi ricordavo che ti fossi gia operato! :Prrr: )

x Stefano: scusa forse ti avrò gia fatto questa domanda (ultimamente prendo piu pillole di "Rincoglionil" la mattina :rolleyes: ),l'assicurazione tu ce l'avevi gia x il lavoro giusto? nn te la sei fatta appostoa x fa operazioen e fisioterapia....ma era diretta o indiretta?cioè hai antiicpato tu i soldi? x operaz e fisio? e poi ti sn stati rimnborsatio? ricordi che assicurzione fosse^??

Quando sono stato assunto nella mia attuale ditta, come parte del contratto avevo due assicurazioni, una medica ed una sui punti di invalidità.

11 mesi dopo l'assunzione (assunto il 1 di febbraio 2008 mi sono rotto il legamento il 31-12-2008) mi sono rotto il legamento crociato.

All'inizio ho fatto tutta la trafila normale con la Mutua. Poi visto che i tempi si stavano allungando a dismisura, mi sono informato su come funzionava l'assicurazione e sono passato a fare tutto privatamente.

Andando in un centro non convenzionato ho dovuto anticipare tutte le spese sapendo poi di avere 250 € di franchigia e qualche spesa ospedaliera non riconosciuta. In totale mi è costato quindi su 320 € l'aver scelto un centro non convenzionato (più i mancati interessi dei soldi anticipati....meno male che avendo appena cambiato lavoro avevo incassato la liquidazione del precedente posto di lavoro da poco)
L'assicurazione mi ha così coperto tutte le spese sostenute da 100 gg prima a 100 gg dopo l'operazione.

Comunque operato il 16 Marzo - Incidente chiuso il 15 luglio, ora che ho girato tutta la documentazione all'assicurazione (Unisalute - gruppo Unipol) intorno a Ottobre mi hanno rimborsato una parte dell'importo (Mancavano dei documenti) e a novembre per il restante.

Quest'anno poi ho ricevuto pure il rimborso per i punti di invalidità.
Dato che dalla risonanza risultava che il legamento era gia lesionato hanno applicato una "Franchigia" anche li.
Il mio chirurgo mi parlava di circa 6 punti, loro ne hanno proposti 2,5 per un totale di 6433 €.

Alla fine così tra tutto il mio infortunio non mi è costato nulla e ho pagato pure un anno di palestra con Personal Trainer una volta alla settimana iniziata alla fine della Fisioterapia.

La cosa importante è che entrambe le assicurazioni erano state fatte prima dell'infortunio.

gomma2408 09-09-2010 10:34

Quote:

Originariamente inviato da Carlsberg (Messaggio 33039769)
Grazie per il malvenuto :cry:

:D

Guarda in realtà l'amico mio non fa nulla di nulla...gioca solo a calcio e finora non ha avuto problemi (è già qualche anno che gioca senza legamento). Magari è particolarmente fortunato lui, magari ha una conformazione del ginocchio che gli crea pochi problemi. Da sottolineare che anni fa si era operato, poi se l'è rotto nuovamente ed a quel punto ha deciso di non operarsi più.

Io vivo una situazione diversa da quella che descrivi tu: per quanto mi riguarda non è vero che quando mi alleno il ginocchio lo sento meglio, anzi nell'immediato si... ma nei successivi 2-3 giorni sento un dolore che mi impedisce di lavorarci all'allenamento successivo e l'istruttore dice che è normale perchè quando ci lavoriamo lo sforziamo. A me non sembra normale dopo quasi 1 anno dall'operazione.

A proposito: ma secondo te dopo quanto tempo uno non avrà più bisogno di fare allenamento per non avere problemi? Non mi immaginavo assolutamente tutto sto travaglio!!! Spero che prima o poi mi possa dimenticare di questo problema :mbe:

In realtà quello che ci rovina secondo me è la vita sedentaria: me ne sono reso conto quest'estate quando, in ferie, ho fatto una vita molto frenetica ed il ginocchio lo sentivo molto meglio. Ora che sono tornato alla vita sedentaria, ricominciano i dolori.




dico che il chirurgo è stato superficiale perchè se ne è strafregato del post-operatorio, ha pensato solo a rimettermi in piedi... per il resto era impossibile parlarci e quando ci si riusciva era molto sfuggente e vago. Io credo invece che il chirurgo ti debba dare precise indicazioni anche nel post-operatorio, in funzione chiaramente delle esigenze del paziente ed io con lui ero stato chiaro sul fatto che sarei voluto tornare a praticare sport (calcio, in particolare).

per quanto riguarda la clinica, ho fatto tutto a villa sandra sulla portuense in day-ospital tutto in convenzione ;)

Ogni mattina 5 ore tra elettrostimolazione, massaggi, piegate:cry: , esercizi di propriocettività, magnetoterapia e via discorrendo. Le persone sono serie e qualificate. Per qualsiasi informazioni ti sia necessaria sono a tua disposizione ;)

si sono pienamente consapevole che il problema è stato essermi fermato una volta rientrato al lavoro, ma in mezzo a valanghe di stress e senza punti di riferimento su Roma è veramente difficile (sta città come ben sai ti offre talmente tanto che è difficilissimo orientarsi e soprattutto non farsi fregare..... )




nulla da eccepire sull'importanza della salute. devo dire che non riesco bene a bilanciare questi aspetti anche se parto sempre determinatissimo a risolvere i vari problemi di salute che si presentano, ma poi sbatto contro la carenza di tempo e sull'incapacità di muovermi nell'ambito della ricerca del giusto punto di riferimento sanitario (che sia medico di base, chirurgo o fisioterapista) che mi aiuti a risolvere il problema. Ad esempio soffro da anni anche della sindrome dell'intestino irritabile (sindrome da stress :doh:) ed ancora oggi sono in cerca dello specialista giusto dopo essermi fatto fregare fior di quattrini da emeriti ciarlatani (anche colpi di 300€ a visita da gente che si fa definire luminare)

il problema di fondo è che la sanità è diventato puro business e a lavorarci ci entra gente sempre più cinica che se ne strefrega del paziente ma che pensa solo alla via migliore per guadagnare di più... sono arrivato a pensarla così



quindi in ogni caso devo rivolgermi ad un centro? io pensavo di consultare qualche fisioterapista "privato" che mi desse indicazioni ed un piano di allenamento. ma forse è meglio fare come dici tu, anche se mi spaventa un pò l'aspetto economico visto che ci ho già investito una fortuna su questo benedetto ginocchio.

ma che significa che un centro fisioterapico è convenzionato? anche se ho già usufruito della convenzione a villa sandra posso usufruire anche di questa convenzione?

in tal caso proverò subito a telefonare ad uno dei centri convenzionati.




Ad esempio il centro dove sono andato io non era convenzionato ma a parte i primi tre mesi in cui ho pagato mi sembra circa 1.200 euro di terapie (ha pagato l' assicurazione all'80%) DOPO mi facevano l'abbonamento mensile (SOLO per chi aveva fatto la prima parte di riabilitazione da loro, ovviamente) alla stessa palestra per 60 euro.... e ci potevo andare anche 5 ore al giorno tutti i giorni (per tutto l'orario di apertura....:D ) . Capisco che abitare in "provincia" ha i suoi bei vantaggi.... Nel mio caso si tratta (mi ci fanno andare anche ora se voglio a due anni e mezzo di distanza dall'operazione...) di un centro termale fisioterapico. Se tu per caso avessi qualche centro termale vicino, di solito hanno il centro riabilitativo per artrosi, reumatismi, e spesso anche per traumi sportivi.... e di solito sono anche ben attrezzati.
Una struttura così è più facile sia attrezzata di un fisioterapista "singolo" che lo fa nel suo studio..... ti fa al max il laser, e gli ultrasuoni.... poco più! Le macchine pesi specifiche (con gradazione, leg-press a elastici, ecc...) non ce l'hanno mai e per il costo e per lo spazio occupato.... li trovi solo in una palestra riabilitativa (e non in quelle generiche.....) ;)

gomma2408 09-09-2010 10:37

Quote:

Originariamente inviato da Danilson (Messaggio 33036260)
Ciao a tutti, scrivo dall' ospedale, sono stato operato oggi, tecnica rotuleo. Sotto anestesia una favola, quando é passata dei mali incredibili ogni tantopartono certe fitte assurde... sarà dura stanotte dormire! Ma nn ci arrendiamo. Tra l altro l ortopedico mi ha dato le foto dell interno ginocchio pre e post ricostruzione! Sono bellissime!

ciao....:D benvenuto!

le fitte ne sentirai per molto tempo....non ti preoccupare! mi raccomando i primissimi tempi metticela tutta, sono i più importanti! ;) ;)

alex642002 09-09-2010 10:38

Quote:

Originariamente inviato da Carlsberg (Messaggio 33039838)
riporto quanto si vocifera, non è esperienza diretta :D

si ma io avevo l'opportunità di operarmi anche a roma e se tornassi indietro non avrei il minimo dubbio. anche solo considerando il problema che per ogni visita dovevo andare fino a Prato e quando ancora non potevo guidare guidava la mia ragazza (che una volta ha spento per sbaglio la macchina in piena autostrada :eek: :D )

oltre a questo però, un chirurgo della stessa città in cui vivi ti può anche indirizzare per quanto riguarda un riferimento per la fisioterapia ;)

Malvenuto anche da me;)
Io credo siano solo voci.:blah: Ho diversi colleghi che si sono operati a Villa Stuart,e si sono trovati tutti benissimo.L'unico problema è che si aspettano il trattamento riservato a Totti e spesso non è così,perchè Mariani,non potendo ovviamente seguire tutti,si avvale di collaboratori,che sono comunque tutti seri e preparatissimi.

geronimo78 09-09-2010 11:00

x gomma

il dolore non è lancinante, è diverso da quello dell'infortunio! ci mancherebbe! riesco a camminare ma sento il ginocchio molto legato e fitta di dolore nell'estensione del passo. a volte sto meglio a volte sto peggio.
il chirurgo mi ha visto ieri dicendomi che il ginocchio è leggermente gonfio (che ci può stare), ma che il dolore 70 giorni dall'operazione non dovrebbe più esserci. mi ha detto di fare una risonanza per vedere quale sia il problema. mi consola il fatto che con lo stretching e un po di riscaldamento (ciclette) il dolore diminuisce quindi non dovrebbe essere un problema osseo (menisco), ma più probabilmente infiammazione del tendine rotuleo...anche se sono stato operato con semitendinoso...boh non ci si capisce niente. aspetto di fare l'esame diagnostico. NON VEDO L'ORA DI CORRERE RAGAZZIIIII

Delfino81 09-09-2010 11:26

Gomma ma secondo te dopo le 100 sedute di fisioterapia, se si ha impossibilità ad andare in palestra, e si continua a casa con un po' di isocinetica e streching, va bene lo stesso? io sento di alcuji che tornano a giocare dopo 5-6 mesi, la fisioterapia mi par di capire che te en paga 3 e mezzo (100 giorni corrispondono a quello, se uno ci va tt i giorni), poi di solito si finisce a pagamento? o si finisce "a casa"?

è normale come dice Carlsberg che i primi tempi quando alleni il ginocchio subito dopo ti fa piu male? in quei casi che si fa? si "assconda" il dlore, dunque fermandosi uno due giorni, o riducendo i carichi, o bisogna andargli incontro?

gomma2408 09-09-2010 11:42

Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 33040863)
Gomma ma secondo te dopo le 100 sedute di fisioterapia, se si ha impossibilità ad andare in palestra, e si continua a casa con un po' di isocinetica e streching, va bene lo stesso? io sento di alcuji che tornano a giocare dopo 5-6 mesi, la fisioterapia mi par di capire che te en paga 3 e mezzo (100 giorni corrispondono a quello, se uno ci va tt i giorni), poi di solito si finisce a pagamento? o si finisce "a casa"?

è normale come dice Carlsberg che i primi tempi quando alleni il ginocchio subito dopo ti fa piu male? in quei casi che si fa? si "assconda" il dlore, dunque fermandosi uno due giorni, o riducendo i carichi, o bisogna andargli incontro?

Secondo me è bene continuare la palestra. Da solo fai poche cose, l'isoCINETICA sarebbe l'ideale, :D ma ci vuole la macchina apposta che hanno poche palestre riabilitative, te intendevi l'isoMETRICA che invece andrebbe fatta sempre come coadiuvante agli altri esercizi.
Ribadisco che dopo i tre/quattro mesi di fisioterapia "seria", si è benissimo in grado di fare da soli gli esercizi presso una palestra "generica" che non avrà la macchina isocinetica (ideale per il ginocchio operato... insieme agli altri esercizi ai pesi) ma avrà tutte le altre macchine (leg extension., leg-press, leg-curl, ecc...) necessarie per fare gli esercizi da soli, continuando magari il programma dato negli ultimi periodi dalla palestra riabilitativa.
facendo abbonamento mensile di solito con 60 euro ce la si cava....... non c'è bisogno alcuno se non vi sono problemi particolari di pagare 40 euro a seduta......;)

gomma2408 09-09-2010 11:48

Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 33040863)

è normale come dice Carlsberg che i primi tempi quando alleni il ginocchio subito dopo ti fa piu male? in quei casi che si fa? si "assconda" il dlore, dunque fermandosi uno due giorni, o riducendo i carichi, o bisogna andargli incontro?

Il ginocchio fa più male, ovvio, ma se non è un dolore anomalo BISOGNA continuare, altrimenti i dolorini non spariranno mai. E' come in una tendinite, se osservi l'assoluto riposo, il tendine non guarisce..... nella fase acuta ci vuole il riposo, POI anche se vi è dolore vanno fatti esercizi mirati.... con movimento.... solo allora passa.
Ovvio bisogna capire di che natura è il dolore e questo lo fa solo il fisioterapista esperto... da noi possiamo solo cercare di capire questo: se il dolore è durante l'esercizio, per poi smettere poco tempo dopo aver smesso l'esercizio (tipo poche ore) allora è dolore da affaticamento e da post riabilitazione. In realtà dopo le sedute in palestra il ginocchio lo dobbiamo sentire stanco, anche leggermente dolorante, ma una volta messo a riposo dopo 2/3 ore lo dovremmo sentire ancora meglio (più slegato) rispetto all'inizio.
Se il dolore dura due giorni, va cambiato modo di fare gli esercizi (es. cambiando angoli di esercizio) E questo lo può dire solo il terapista.... ci dobbiamo affidare a loro..... e sperare che ci azzecchino!!!! :p

gomma2408 09-09-2010 11:52

Quote:

Originariamente inviato da geronimo78 (Messaggio 33040444)
x gomma

il dolore non è lancinante, è diverso da quello dell'infortunio! ci mancherebbe! riesco a camminare ma sento il ginocchio molto legato e fitta di dolore nell'estensione del passo. a volte sto meglio a volte sto peggio.
il chirurgo mi ha visto ieri dicendomi che il ginocchio è leggermente gonfio (che ci può stare), ma che il dolore 70 giorni dall'operazione non dovrebbe più esserci. mi ha detto di fare una risonanza per vedere quale sia il problema. mi consola il fatto che con lo stretching e un po di riscaldamento (ciclette) il dolore diminuisce quindi non dovrebbe essere un problema osseo (menisco), ma più probabilmente infiammazione del tendine rotuleo...anche se sono stato operato con semitendinoso...boh non ci si capisce niente. aspetto di fare l'esame diagnostico. NON VEDO L'ORA DI CORRERE RAGAZZIIIII

se fosse il rotuleo ti farebbe male in piegamento, non in estensione..... mi sembra strano...... ma dove ti fa male camminando quando estendi il ginocchio? dietro nel cavo popliteo (la "piega" :p del ginocchio....) ? Se sì potrebbero essere tante cose, il più delle volte è lo scarso stretching in estensione fatto (non bisogna stancarsi mai di farlo..... ) Un ragazzo per pigrizia addirittura venne dopo un mese dall'operazione che non estendeva la gamba che gli rimaneva a 20 gradi, neanche premendoci sopra con tutte e due le mani (dolore da urla!!!!) Dopo 20 gg la estendeva tutta......;)

Delfino81 09-09-2010 12:05

Quote:

Originariamente inviato da gomma2408 (Messaggio 33041041)
Secondo me è bene continuare la palestra. Da solo fai poche cose, l'isoCINETICA sarebbe l'ideale, :D ma ci vuole la macchina apposta che hanno poche palestre riabilitative, te intendevi l'isoMETRICA che invece andrebbe fatta sempre come coadiuvante agli altri esercizi.
Ribadisco che dopo i tre/quattro mesi di fisioterapia "seria", si è benissimo in grado di fare da soli gli esercizi presso una palestra "generica" che non avrà la macchina isocinetica (ideale per il ginocchio operato... insieme agli altri esercizi ai pesi) ma avrà tutte le altre macchine (leg extension., leg-press, leg-curl, ecc...) necessarie per fare gli esercizi da soli, continuando magari il programma dato negli ultimi periodi dalla palestra riabilitativa.
facendo abbonamento mensile di solito con 60 euro ce la si cava....... non c'è bisogno alcuno se non vi sono problemi particolari di pagare 40 euro a seduta......;)

ma una palestra riabilitativa che attrezzi ah in piu rispetto a una normale?

x Carlsberg: io di prof a Roma a parte MAriani avevo sentito parlare di MArgheritini (che credo sia stato in passato unn colaboratore di MAriani, ha scritto un libro insieme a lui sul crociato posteriore), che oopera al Qui si sana, poi di Fabbriciani (ormai anzianotto, ha quasi 70 anni) e Delcogliano del Gemelli, e Framncesco Bove che xo nn so dove opera.

gomma2408 09-09-2010 12:25

Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 33041322)
ma una palestra riabilitativa che attrezzi ah in piu rispetto a una normale?
.

Praticamente tutti.... :D :p .. io intendo per "normali" quelle palestre dove si fanno pesi, ecc.... ;)
cioè magari qualcuno è lo stesso ma è la versione per riabilitazione.... la leg extension, pressa, leg-curl, hanno i blocchi in estensione e flessione, cioè il peso si muove solo nel range di utilizzo che devi fare, senza fare ulteriori sforzi. All'inizio ad es. per chi si opera di LCA la leg extension, dopo averla fatta con un elastico alla caviglia, passi ai pesi ma il movimento di sforzo deve essere indicativamente solo fra 30-60 gradi, per poi arrivare nel tempo a fare uno 0-30 o 0-40 gradi (con 0 gradi = completa estensione....) perchè fra 0-30 si ritiene sia quando è sotto sforzo maggiormente il LCA ed all'inizio occorre non sollecitarlo, ma al tempo stesso rinforzare il quadricipite.
Poi ci sono vari macchinari specifici: fra tutti, la macchina isocinetica (cercate su google e la vedete fate prima che se ve la spiego io che non sono bravo a rendere l'idea a chi non l'ha mai vista.....) oppure prima di arrivare alla leg press si fa la pressa ad elastici, che è computerizzata, (la mia si chiamava Vector...) oltre a tutte le cose necessarie nei primi tre mesi che le palestre normali non hanno o non usano così di frequente (e spesso non c'è neanche il posto per utilizzarle: tavolette di freeman, tappeto elastico (stabilità su una gamba sola)
Queste le principali.
Ma poi dopo tre/quattro mesi si possono usare anche quelle "normali", però ovvio se uno ha la possibilità di continuare con quelle specifiche, ben venga..... (soprattutto la isocinetica....)

;)

Delfino81 09-09-2010 13:00

Quote:

Originariamente inviato da gomma2408 (Messaggio 33041544)
Praticamente tutti.... :D :p .. io intendo per "normali" quelle palestre dove si fanno pesi, ecc.... ;)
cioè magari qualcuno è lo stesso ma è la versione per riabilitazione.... la leg extension, pressa, leg-curl, hanno i blocchi in estensione e flessione, cioè il peso si muove solo nel range di utilizzo che devi fare, senza fare ulteriori sforzi. All'inizio ad es. per chi si opera di LCA la leg extension, dopo averla fatta con un elastico alla caviglia, passi ai pesi ma il movimento di sforzo deve essere indicativamente solo fra 30-60 gradi, per poi arrivare nel tempo a fare uno 0-30 o 0-40 gradi (con 0 gradi = completa estensione....) perchè fra 0-30 si ritiene sia quando è sotto sforzo maggiormente il LCA ed all'inizio occorre non sollecitarlo, ma al tempo stesso rinforzare il quadricipite.
Poi ci sono vari macchinari specifici: fra tutti, la macchina isocinetica (cercate su google e la vedete fate prima che se ve la spiego io che non sono bravo a rendere l'idea a chi non l'ha mai vista.....) oppure prima di arrivare alla leg press si fa la pressa ad elastici, che è computerizzata, (la mia si chiamava Vector...) oltre a tutte le cose necessarie nei primi tre mesi che le palestre normali non hanno o non usano così di frequente (e spesso non c'è neanche il posto per utilizzarle: tavolette di freeman, tappeto elastico (stabilità su una gamba sola)
Queste le principali.
Ma poi dopo tre/quattro mesi si possono usare anche quelle "normali", però ovvio se uno ha la possibilità di continuare con quelle specifiche, ben venga..... (soprattutto la isocinetica....)

;)

eheh ma infatti io credo sia molto difficile trovare palestre attrezzate come un centro di riabilitazione...nel mio piccolo, che n sn mai stato un grande sportivo, di palestre ne ho girate piu di qualcuna.. x il fatto che ho sempre fatto sport a singhiozzi, tipo 3-4-5- mesi poi lasciavo, spesso x motivi di intensificazione degli studi universitari sotto gli esami piu difficili (e magari interrompevo x un mese o piu e poi mi scocciavo a riprendere :doh: :D )poi magari quella palestra cambiava gestione o ne apriva un'altra, (o magari si rinnovava) e mi riiscrivevo (spesso offrivano promozioni che nn facevano pagare la quota di iscrizione, ecco xke me la potevo giostrare di piu :sofico: ), in tutto questo mettici anche la mia vita di emigrante, tarantino, studente a Macerata, lavoratore a Roma, in ognuna di queste città almeno un paio di palestre ne ho girate, a TA anche di piu)...beh il max che ho visto è stata la leg extensione e la leg press a gradazioni cm hai detto, ma la makkina isoinetica mai vista, e neanke tante altre amkkine ek si vdonio nei centri di riabilitazione....

a me l'ultimo prof che mi ha visitato mi ah addirittura detto che, dopo un intervento radicale di ricostruzione crociao anteriore e posteriore, dopo i primi 4 mesi di fisioterapia mirata, se nn ho mire agonistiche ma max la paritlla con gli amici, (che manco so se torenrei a fare :rolleyes: ) basta anche ginnastica fai da te, ovvero 10-15 minuti di cyclette al giorno (magari con resistenza sempre crescente), gli stessi esercizi isometrici che mi ha prescritto anche ora x tenere su il tono del quadicipite, e stretching....nn so se possa aver ragione....ovvio se invece vuoi giocare a livelloa gonistico la palestra post operatoria e post fisioterapia è d'obbligo. :)

geronimo78 09-09-2010 13:22

nel camminare ho dolore in estensione nella parte sotto la rotula concentrato più nella parte interna.
a parte questo l'estensione completa l'avevo raggiunta già dopo 10-15 gg dall'operazione.

se invece fletto quando faccio fisioterapia ho dolore soprattutto dietro dopo 120°-125° circa.

il popliteo si è un problema è sempre dolorante...con lo stretching che faccio più volte al giorno limito la rigidità
allora pensi che non possa essere infiammazione del rotuleo?

gomma2408 09-09-2010 13:45

Quote:

Originariamente inviato da geronimo78 (Messaggio 33042279)
nel camminare ho dolore in estensione nella parte sotto la rotula concentrato più nella parte interna.
a parte questo l'estensione completa l'avevo raggiunta già dopo 10-15 gg dall'operazione.

se invece fletto quando faccio fisioterapia ho dolore soprattutto dietro dopo 120°-125° circa.

il popliteo si è un problema è sempre dolorante...con lo stretching che faccio più volte al giorno limito la rigidità
allora pensi che non possa essere infiammazione del rotuleo?

se è sotto la rotula certo dovrebbe essere il rotuleo... però il rotuleo fa male più quando carichi il peso sull'arto, anche a gamba flessa, anzi a gamba completamente estesa se appoggi il peso sull'arto, senti il medesimo dolore???? se sì, stai tranquillo che il rotuleo non c'entra.... in questa occasione non sarebbe sotto sforzo, semmai può essere problema a qualche menisco??? boh, non so.... se invece ti fa male mentre fa lo sforzo per estendere la gamba (es. il movimento della leg-extension) allora potrebbe essere il rotuleo...

:confused:

geronimo78 09-09-2010 14:19

boh...inutile fare troppe congetture! tanto vale aspettare la RM! incrociate le dita! vi faccio sapere
:muro:

gomma2408 09-09-2010 14:36

Quote:

Originariamente inviato da geronimo78 (Messaggio 33042989)
boh...inutile fare troppe congetture! tanto vale aspettare la RM! incrociate le dita! vi faccio sapere
:muro:

ah, addirittura sei costretto a rifare la RMN? vabbè almeno hai un elemento in più per vedere cosa è.... magari è solo una piccola infiammazione (garda capitano eccome...) a me dopo 2 mesi e mezzo gonfiò il ginocchio come tre gg dopo l'operazione e non ho mai capito perchè.... troppo lavoro??? :confused: il bello però è che poi dopo 10gg è passato tutto.... (e mi sono riposato solo 3/4gg e poi di nuovo sotto anche se con carichi molto ridotti....) ;)

Danilson 10-09-2010 19:05

ciao a tutti, vi aggiorno sulla mia situazione!

dimesso oggi, presento vastissimi ematomi un po ovunque, il ginocchio risulta essere molto gonfio e mi risulta impossibile muovere la gamba senza aiuti esterni o con le mie stesse braccia. col kinetec arrivo a 60 gradi, in estensione mi mancano una decina di gradi .. oggi la fisioterapista spingeva con le mani, un male allucinante...

a livello di dolori mi fa davvero molto male! spero sia tutto normale

lunedi inizio la fisioterapia, speriamo bene al momento sto veramente soffrendo e mi sembra davvero tutto impossibile

ma so che mi sbaglio

fatemi forza voi pionieri dell ' lca :D

Stefano Landau 10-09-2010 22:27

Quote:

Originariamente inviato da Danilson (Messaggio 33055843)
ciao a tutti, vi aggiorno sulla mia situazione!

dimesso oggi, presento vastissimi ematomi un po ovunque, il ginocchio risulta essere molto gonfio e mi risulta impossibile muovere la gamba senza aiuti esterni o con le mie stesse braccia. col kinetec arrivo a 60 gradi, in estensione mi mancano una decina di gradi .. oggi la fisioterapista spingeva con le mani, un male allucinante...

a livello di dolori mi fa davvero molto male! spero sia tutto normale

lunedi inizio la fisioterapia, speriamo bene al momento sto veramente soffrendo e mi sembra davvero tutto impossibile

ma so che mi sbaglio

fatemi forza voi pionieri dell ' lca :D

Tutto normale!
Per il discorso ematomi.... ne vedrai di tutti i colori ! :D
Dovrebbero uscirti dei lividi in zona polpaccio ...... almeno e' quello che è capitato a me. Però io sono stato operato con il g+s. Se non ricordo male nel tuo caso con il rotuleo ed in quel caso la situazione potrebbe essere un po' differente.
Per i dolori, passati i primi 10 giorni la situazione migliora (io sono andato avanti 10 giorni ad Aulin........senza di quello, quando ho provato a ridurlo, dopo 5 giorni, alzandomi in piedi, con le stampelle ovviamente, mi sembrava di avere un gatto appeso al ginocchio con le unghie...........o quasi)
Poi la situazione è migliorata.

I Primi giorni sono i più difficili, comunque è una strada lunga, ma tutta in discesa, ogni giorno vedrai dei piccoli miglioramenti, accompagnati da nuovi dolorini conseguenza di miglioramenti della mobilità. E così via.

Sempre nei primi giorni potrebbe essere normale avere qualche linea di febbre.

L'operazione con il rotuleo presenta una ripresa nell'immediato più lenta, seguita però dalla possibilità di iniziare prima a far sport.

Devi seguire con estrema precisione quanto ti hanno detto alla dimissione e soprattutto fare bene tutti gli esercizi che ti avranno dato da fare. (Io con il g+s dovevo fare isometria 4 volte al giorno già dal giorno dopo l'operazione, però non ho mai visto ne tutori ne kinetek) nel tuo caso non so come sia il protocollo riabilitativo.....
Comunque se torni indietro (dal 16 marzo 2009 in poi, la data della mia operazione) ricordo che c'era qualcun'altro operato con il rotuleo e quindi li ti puoi fare un'idea sul decorso post-operatorio anche per il rotuleo.
Giusto per darti dei riferimenti :
a Pag 46 siamo al 29 Gennaio 2009 e a Pagina 52 siamo al 4 di marzo 2009.


Forza! che alla fine si torna come prima o (come nel mio caso..... Meglio di prima) bisogna soprattutto impegnarsi molto i primi 3-4 mesi. Che sono i più importanti.
Io poi con l'allenamento che mi sono fatto facendo fisioterapia, ho proseguito con un anno di palestra (con Personal Trainer una volta alla settimana) e mi ritrovo adesso ad essere allenato come non lo sono mai stato. A 44 anni faccio cose che a 20 anni non mi sognavo neppure!

Ciao e Malvenuto (come si dice da queste parti) nel nostro gruppo!
Stefano

Danilson 12-09-2010 21:42

ti ringrazio molto! il ginocchio va meglio, e domani comincio ad andare dal fisioterapista

qualcuno ha avuto esperienza di nausea persistente nel post operatorio? da quando sono tornato a casa a volte ho degli episodi di nausea davvero fastidiosa, ho pensato che fosse qualche farmaco, ma mi sa che è il fatto che sono chiuso in casa ed immobilizzato (fatico anche a mangiare) .. abituato io come ero a fare mille attività! vediamo se domani cominciando a muovermi mi passa

Stefano Landau 13-09-2010 13:06

Quote:

Originariamente inviato da Danilson (Messaggio 33070229)
ti ringrazio molto! il ginocchio va meglio, e domani comincio ad andare dal fisioterapista

qualcuno ha avuto esperienza di nausea persistente nel post operatorio? da quando sono tornato a casa a volte ho degli episodi di nausea davvero fastidiosa, ho pensato che fosse qualche farmaco, ma mi sa che è il fatto che sono chiuso in casa ed immobilizzato (fatico anche a mangiare) .. abituato io come ero a fare mille attività! vediamo se domani cominciando a muovermi mi passa

Io un po' di nausea (Poca) l'ho avuta subito dopo la prima cena dopo l'operazione.
In pratica sono rientrato in camera alle 18. Poco dopo mi hanno portato la cena, dicendomi comunque di mangiare il meno possibile per via degli effetti dell'anestesia (Spinale selettiva)
Dopo cena mi è venuta in effetti un po' di nausea, ma non ricordo quanto è durata.
La mattina dopo comunque stavo già bene.

Nel tuo caso se hai ancora nausea Giorni dopo l'operazione non so cosa possa essere. Io di solito vengo preso in giro dagli amici perchè alle cene sono uno di quelli che mangia di più senza avere il minimo problema..........
Però tra avere nausea per 2 o 3 ore dopo l'operazione o 2 o 3 giorni non penso sia solo la differenza di "Robustezza" dello stomaco, anche se magari è proprio quello! Io solitamente non ricevo mai 'Segnali' dallo stomaco, per cui è molto difficile che sento la fame come mi accorgo di aver mangiato troppo quando mi manca il fiato ed ho le pulsazioni a 120, quindi più che sazio oramai sono ingolfato........., quindi anche la nausea magari la noto molto meno per lo stesso motivo.

Danilson 13-09-2010 14:12

ce l'ho di mattina, appena sveglio, e fino ieri mi veniva random anche durante la giornata!

stamattina la ho avuto durante la colazione, ma adesso sto bene, secondo me è tutto lo strapazzo generale che mi ha un po sbattuto e specialmente il non fare niente!

infatti oggi che ho iniziato la fisio e mi sento benissimo! il ginocchio è in ottime condizioni, flessione quasi 70 gradi, estensione problematica ma con le mani riescono a farmelo arrivare a zero! dolori ci sono ma si sopportano .. poi mi han fatto elettrostimolazione! seconda sessione domani .. va tutto bene e sono felicissimo!

direi che adesso come dicevi tu, è tutto in discesa :D

Delfino81 13-09-2010 14:30

Quote:

Originariamente inviato da Danilson (Messaggio 33055843)
ciao a tutti, vi aggiorno sulla mia situazione!

dimesso oggi, presento vastissimi ematomi un po ovunque, il ginocchio risulta essere molto gonfio e mi risulta impossibile muovere la gamba senza aiuti esterni o con le mie stesse braccia. col kinetec arrivo a 60 gradi, in estensione mi mancano una decina di gradi .. oggi la fisioterapista spingeva con le mani, un male allucinante...

a livello di dolori mi fa davvero molto male! spero sia tutto normale

lunedi inizio la fisioterapia, speriamo bene al momento sto veramente soffrendo e mi sembra davvero tutto impossibile

ma so che mi sbaglio

fatemi forza voi pionieri dell ' lca :D

Ciao ma levami una curiosità (domanda che rivvolgo anche a Stefano ed altri)...ma quando dite che ti risulta impossibile muovere la gamba cosa vuol dire? che te la senti come un peso morto, cm se nn risponde ad alcuno stimolo? (tipo quando diciamo che "si addormenta" questa o quelal parte del corpo)...o nn riesci a muoverla x il troppo dolore? :mc: xke ad esempio come dice Stefano io so che subito dopo ti dicono di fare esercizi isometrici, e anche di piegare il ginocchio x quanto ti è possibile! se nn riesci proprio a muoverla sti esercizi di isometria (dove devi cm sollevare l'arto anche se disteso sul letto) come c***o li fai? :D

cmq in bocca al lupo, e credimi, ti sto invidiando, nn è no scherzo...almeno il grosso l'hai passato e lo sati passando ora, poi è tutta in discesa....io invece x colpa di questa precarietà del c***o nn posso nemeno programmare una fottutissima operazione, cosi almeno mi leverei il pensiero na volta x tutte (un po' cm gli esami all'università, io andavo alle 6 di amttina x mettermi in lista il prima possibile, odiavo dover aspettare all'ultimo :D )....

una domanda x gli amici romani (Carlsberg, Alex e se ce n'è qualke altro, ma x ora mi ricordos olo di voi due)...conoscete o avetemai sentito parlare qua nelal capitale del prof Fabrizio MArgheritini? :mbe: so che ah scritto un liro con MAriani sul crociato posteriore, dovrebbe essere credo della scuola di MAriani, xo ho sentito che opera anche in convenzione col SSN....ci siamo mandati un paio di mails e forse la mai prox tapap ortopedica sarà lui.... (che bello spendere 150 euro a botta x sentirmi sempre dire cose diverse :D )....dev'essere abbastanza giovane questo qua , non piu di 45 anni, e cm Caraffa, a sentire al mia situazione (ovvio che x email puo darmi sl un conasiglio) mi opererebbe un legamento e rinforzerebbe l'altro (non ho capito cosa c***o intendono quando parlano di "rinforzo", cioè nn è na ricostruzione? mah!) però x il rinforzo nn userebbe il sintetico...

Caraffa (facente parte della scuola di Perugia del prof Cerulli che li usa in alcuni casi) , pur ammettendo di usarli il meno possibile, quando si tratta di ricostruzione completa, specie nei soggetti al di sotto dei 40 anni) l'avrebeb usato nel mio caso per il famoso rinforzo del posteriore, in quanto facendolo aderire a numerose fibre rimaste, sarebbe stato di facilissima "colonizzazione"...

MArgheritini invece mi ha detto "Andrea se ci vedremo Le illustrerò tutti gli svantaggi del sintetico in qualsiasi forma lo si usi, pensi che in Francia dove producono i LARS sn paradossalemnte vietati x legge"), e quindi parlerebbe sempre di rotuleo + gr-st ...con la fisioteraapia un po' piu lunga e SICURAMENTE qualche dolorino in piu di Danilson con un ginocchio mezzo smontato davanti e da dietro!:doh: (se ti puo consolare in questi momenti difficili :D )...sn proprio tt ste teorie che mi mettono in disorientamento, nn so che pesce pigliare e che strada seguire..secondo n'amico mio a sentire tt sti pareri faccio male mi devo buttare su uno, quelo che (a prescidnere dalle tecniche utilizzate di cui nn potrei capirci molto, mi ispira piu fiducia umanamente) e andare da lui....finora chi mi ha trasmesso piu fiducia è stato Caraffa, ma qualke altro parere lo voglio sentire (dato ke x ora è l'unica cosa ke posso fa)...voi ek dite?


permettetemi di dirlo ancora una volta, vi prego: MALEDETTO CALCETTO! :mad:

gomma2408 13-09-2010 15:55

Penso che quando si parli di "non farcela a muovere la gamba" ci si riferisca al fatto che, essendo gonfia, indebolita e dolorante, si fa una fatica immane anche solo ad alzarla..... è in quel momento che un pochino aiuta se si è fatta la ginnastica preoperatoria.
La mattina dopo l'intervento quando l'ortopedico è venuto da noi il mio compagno di stanza non ce la faceva ad alzarla, nonostante fosse quasi del tutto sgonfia.... io con la gamba come un pallone aerostatico :D con molti sforzi ma ce lho fatta ad alzarla (tesa) ed anche a tenerla un po' di secondi in posizione.... merito della ginnastica preoperatoria che avevo fatto. Nel proseguire dei giorni la riabilitazione mi è risultata sempre più facile che ad altri che non avevano osservato solo riposo.

Sembra strano ma non è una sensazione di insensibilità come quando è "addormentata" o anestetizzata, la sensibilità c'è, semplicemente sembra di non avere più il muscolo per fare quel movimento....
Poi invece al piegarla è proprio il dolore che limita il movimento, ma anche a quel che ho visto io il fisioterapista piegava i ginocchi fino a che il paziente di turno urlava letteralmente.... io a casa mi sono preparato ben benino e l'avevo piegato in 15 gg fino ad arrivare col tallone al gluteo ad una distanza di 10cm circa, quindi già moltissimo, in quanto l'ortopedico mi aveva detto testuali parole "in flessione non si romperà mai niente, non avere paura...." e così andato dal fisioterapista ho patito meno (un po' comunque lo stesso:rolleyes: )

Questo è tutto normale e non deve spaventare perchè poi il recupero è visibile settimana dopo settimana.... se non giorno dopo giorno, e quindi questo rincuora molto! ;)

alex642002 13-09-2010 15:58

Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 33075490)
una domanda x gli amici romani (Carlsberg, Alex e se ce n'è qualke altro, ma x ora mi ricordos olo di voi due)...conoscete o avetemai sentito parlare qua nelal capitale del prof Fabrizio MArgheritini?

..secondo n'amico mio a sentire tt sti pareri faccio male mi devo buttare su uno, quelo che (a prescidnere dalle tecniche utilizzate di cui nn potrei capirci molto, mi ispira piu fiducia umanamente) e andare da lui....

Io non l'ho mai sentito:confused:
Quoto comunque il consiglio del tuo amico:)

Danilson 13-09-2010 16:50

Non muoverla nel senso che la gamba è come se non avesse piu' muscolatura in grado di fargli fare movimenti, o se preferisci, come se qualcosa di molto pesante fosse posizionato sopra .. credo cmq sia il quadricipite, non si riesce ad alzare e si fa una fatica immane a far ruotare la gamba per intero

credo sia dovuto al deficit muscolare (poca preparazione atletica prima di essere operati) e anche al fatto che l'arto è traumatizzato da trapani seghe cavi e viti .. cmq il giorno dopo migliori, è molto importante tentare cmq di muoverla, col primo giorno di fisioterapia ti sembra gia' di aver superato tutto

il grosso è davvero superare l'intervento (che in sè ti assicuro essere una passeggiata di salute) e sopratutto i giorni di ospedale e di inattività, dopo rinasci

alex642002 13-09-2010 19:38

Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 33075490)
Ciao ma levami una curiosità (domanda che rivvolgo anche a Stefano ed altri)...ma quando dite che ti risulta impossibile muovere la gamba cosa vuol dire? che te la senti come un peso morto, cm se nn risponde ad alcuno stimolo? (tipo quando diciamo che "si addormenta" questa o quelal parte del corpo)...o nn riesci a muoverla x il troppo dolore?

Io ad esempio non riuscivo a fare l'iperestensione,che naturalmente ho.Semplicemente i muscoli non rispondono.

Stefano Landau 13-09-2010 23:19

Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 33075490)
Ciao ma levami una curiosità (domanda che rivvolgo anche a Stefano ed altri)...ma quando dite che ti risulta impossibile muovere la gamba cosa vuol dire? che te la senti come un peso morto, cm se nn risponde ad alcuno stimolo? (tipo quando diciamo che "si addormenta" questa o quelal parte del corpo)...o nn riesci a muoverla x il troppo dolore? :mc: xke ad esempio come dice Stefano io so che subito dopo ti dicono di fare esercizi isometrici, e anche di piegare il ginocchio x quanto ti è possibile! se nn riesci proprio a muoverla sti esercizi di isometria (dove devi cm sollevare l'arto anche se disteso sul letto) come c***o li fai? :D

cmq in bocca al lupo, e credimi, ti sto invidiando, nn è no scherzo...almeno il grosso l'hai passato e lo sati passando ora, poi è tutta in discesa....io invece x colpa di questa precarietà del c***o nn posso nemeno programmare una fottutissima operazione, cosi almeno mi leverei il pensiero na volta x tutte (un po' cm gli esami all'università, io andavo alle 6 di amttina x mettermi in lista il prima possibile, odiavo dover aspettare all'ultimo :D )....

una domanda x gli amici romani (Carlsberg, Alex e se ce n'è qualke altro, ma x ora mi ricordos olo di voi due)...conoscete o avetemai sentito parlare qua nelal capitale del prof Fabrizio MArgheritini? :mbe: so che ah scritto un liro con MAriani sul crociato posteriore, dovrebbe essere credo della scuola di MAriani, xo ho sentito che opera anche in convenzione col SSN....ci siamo mandati un paio di mails e forse la mai prox tapap ortopedica sarà lui.... (che bello spendere 150 euro a botta x sentirmi sempre dire cose diverse :D )....dev'essere abbastanza giovane questo qua , non piu di 45 anni, e cm Caraffa, a sentire al mia situazione (ovvio che x email puo darmi sl un conasiglio) mi opererebbe un legamento e rinforzerebbe l'altro (non ho capito cosa c***o intendono quando parlano di "rinforzo", cioè nn è na ricostruzione? mah!) però x il rinforzo nn userebbe il sintetico...

Caraffa (facente parte della scuola di Perugia del prof Cerulli che li usa in alcuni casi) , pur ammettendo di usarli il meno possibile, quando si tratta di ricostruzione completa, specie nei soggetti al di sotto dei 40 anni) l'avrebeb usato nel mio caso per il famoso rinforzo del posteriore, in quanto facendolo aderire a numerose fibre rimaste, sarebbe stato di facilissima "colonizzazione"...

MArgheritini invece mi ha detto "Andrea se ci vedremo Le illustrerò tutti gli svantaggi del sintetico in qualsiasi forma lo si usi, pensi che in Francia dove producono i LARS sn paradossalemnte vietati x legge"), e quindi parlerebbe sempre di rotuleo + gr-st ...con la fisioteraapia un po' piu lunga e SICURAMENTE qualche dolorino in piu di Danilson con un ginocchio mezzo smontato davanti e da dietro!:doh: (se ti puo consolare in questi momenti difficili :D )...sn proprio tt ste teorie che mi mettono in disorientamento, nn so che pesce pigliare e che strada seguire..secondo n'amico mio a sentire tt sti pareri faccio male mi devo buttare su uno, quelo che (a prescidnere dalle tecniche utilizzate di cui nn potrei capirci molto, mi ispira piu fiducia umanamente) e andare da lui....finora chi mi ha trasmesso piu fiducia è stato Caraffa, ma qualke altro parere lo voglio sentire (dato ke x ora è l'unica cosa ke posso fa)...voi ek dite?


permettetemi di dirlo ancora una volta, vi prego: MALEDETTO CALCETTO! :mad:

Quote:

Originariamente inviato da gomma2408 (Messaggio 33076315)
Penso che quando si parli di "non farcela a muovere la gamba" ci si riferisca al fatto che, essendo gonfia, indebolita e dolorante, si fa una fatica immane anche solo ad alzarla..... è in quel momento che un pochino aiuta se si è fatta la ginnastica preoperatoria.
La mattina dopo l'intervento quando l'ortopedico è venuto da noi il mio compagno di stanza non ce la faceva ad alzarla, nonostante fosse quasi del tutto sgonfia.... io con la gamba come un pallone aerostatico :D con molti sforzi ma ce lho fatta ad alzarla (tesa) ed anche a tenerla un po' di secondi in posizione.... merito della ginnastica preoperatoria che avevo fatto. Nel proseguire dei giorni la riabilitazione mi è risultata sempre più facile che ad altri che non avevano osservato solo riposo.

Sembra strano ma non è una sensazione di insensibilità come quando è "addormentata" o anestetizzata, la sensibilità c'è, semplicemente sembra di non avere più il muscolo per fare quel movimento....
Poi invece al piegarla è proprio il dolore che limita il movimento, ma anche a quel che ho visto io il fisioterapista piegava i ginocchi fino a che il paziente di turno urlava letteralmente.... io a casa mi sono preparato ben benino e l'avevo piegato in 15 gg fino ad arrivare col tallone al gluteo ad una distanza di 10cm circa, quindi già moltissimo, in quanto l'ortopedico mi aveva detto testuali parole "in flessione non si romperà mai niente, non avere paura...." e così andato dal fisioterapista ho patito meno (un po' comunque lo stesso:rolleyes: )

Questo è tutto normale e non deve spaventare perchè poi il recupero è visibile settimana dopo settimana.... se non giorno dopo giorno, e quindi questo rincuora molto! ;)


Confermo quanto dice Gomma. La gamba sembra pesantissima. La mattina dopo l'operazione mi hanno fatto andare in bagno mettendomi su una sedia a rotelle. Uscito dal bagno sono rimasto seduto per un po'. Ad un certo punto da solo sono tornato a letto (che era un po' alto)
Seduto sul letto è stata un'impresa alzare la gamba per appoggiarla sul letto. Anche perchè in quel momento avevo paura di rovinare qualche cosa forzando dei movimenti. (ho sentito anche qualche schiocco.......)

Poi e' arrivato il medico che mi ha controllato la medicazione e tolto i drenaggi, quindi poco dopo è arrivato il fisioterapeuta che mi ha fatto fare i primi esercizi, compresa appunto l'isometria e la distensione della gamba.

I primi movimenti sembravano quasi impossibili da fare. Sentivo una grande tensione nella gamba, che sentivo anche molto pesante. Superate le prime Paure di far danni e qualche dolore iniziale, sono riuscio a completare gli esercizi che mi avevano dato da fare.

Da li è stato sempre più facile. Come dicevo un percorso in discesa. Lungo, molto lungo.
All'inizio per fortuna i miglioramenti arrivano veloci, di giorno in giorno, poi ogni due o tre giorni, poi di settimana in settimana......... man mano che si migliora lo si fa sempre più lentamente.

Bisogna solo tener duro e fare quello che prescrivono i medici o i fisioterapeuti.
Non bisogna nemmeno strafare con il rischio di creare un'infiammazione che mi obbliga ad uno stop temporaneo della fisioterapia! Con conseguente piccola regressione.......

Delfino81 14-09-2010 00:23

graziemille x le risposte.....cme è una cosa curiosisima cm il muscolo non rsponda per poche ore di operazione ..va beh che ha dovuto sopportare trapani seghe e viti, però al di là del dolore, che fine fa? misteri del corpo umano....

a me la cosa che mi potrebbe aiutare psicologicamente, è il fatto che rispetto alla quasi totalità delle persone che si operano, il cui traguardo luminoso è quello di tornare a fare sport (c'è chi ci smania letteralmente a tornare a calcare un campo di calcio e ha tt il mio rispetto ;)) , il mio traguardo personale invece è molto piu "umile", sarebbe quello di tornare ad avere una normale vita di relazione, uscire, guidae, fare le scale, e nn sentir dolore quando pigio la frizione dell'auto nel traffico romano (cosa che ripeto, prima nn mi dava problemi ora si, ecco xke voglio e devo cmq rimettermi a ricostruire una buona muscolatura di rinforzo, se nn voglio continuare ad avere seccature)...e quindi è un traguardo raggiungibile in tempi minori (seppur un po' maggiori rispetto a ki si opera di solo LCA, dato ke qua c'è pure d rinforzare il LCP)

questo xo potebbe avere un risvolto negativo, e cioè quello di adagiarmi troppo passati i primi due mesi (i piu tosti), mentre invece cm ben sappiamo il "minimo sindacale" di impegno costante dev'essere almeno di 4 mesi....ma anche dopo credo che tra un ginocchio operato e abbandnato a se stesso e un ginocchio operato, e tentuo sempre sotto costante alenamento la differenza c'è e si sente....la scelta A sarebbe cm dicemmo na palestra co attrezzi di un certo livello, anche propri del settore fisioterapico, la scelta B na palestra normale, la scelta C quella x i piu "scalzacani" cm me almeno un po' di cyclette e isometria al giorno il ke nn guasterebbe, spero dolo di nn dover fare la D cioè di fottermene completamwnte :sofico: xke credo che qualke dolorino lo tornerei ad accusare (Gomma mi dicesti proprio tu che quando nn lo alleni ti fa piu male ad accovacciarti ad esempio, e piccole cose del genere)...

cmq nell'ltima sua mail il prof Margheritini mi diceva che i sintomi da me descritti (nn cedimenti, ma si dolore in alcuni movimenti) sono già patognomonici (ehh?? :eek: :) )se nn di un' artrosi (là me so un po'spaventato), almeno di un sovraccarico. il sovraccarico è da interpretare un po' come l'iperpressione femororotulea (ne parlammo mi pare ;)) , una "potenziale artrosi"? cm un qualcosa di silente che prima o poi esce fuori piu o meno lentamente?

ah sempre di sto prof ho letto un articolo che riguardava la ricostruzione combinata del pivot centrale che dei legamenti collaerali che nn si riostuiscono quasi mai...lui diceva che quando bisogna ricostruire anche i legamenti collaterali (mediale o esterno), per certi versi sarebbe ancora meglio affidarsi alla tecnica a cielo aperto...nn sembra il mio caso x fortuna, (il colalterale mediale a me pure si lesionò ma si ècicatrizzato)ma giust x curiosità scientifica (ormai mi dletto a farmi na cultura :p )...quando operavano a cielo aperto, a parte la bruttura estetica di una lunga cicatruce, i tempi di recupero erano molto molto maggiori? :rolleyes:

buona notte a tutti! :mc:

gomma2408 14-09-2010 12:52

Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 33080360)
graziemille x le risposte.....cme è una cosa curiosisima cm il muscolo non rsponda per poche ore di operazione ..va beh che ha dovuto sopportare trapani seghe e viti, però al di là del dolore, che fine fa? misteri del corpo umano....

......

(Gomma mi dicesti proprio tu che quando nn lo alleni ti fa piu male ad accovacciarti ad esempio, e piccole cose del genere)...

......
...quando operavano a cielo aperto, a parte la bruttura estetica di una lunga cicatruce, i tempi di recupero erano molto molto maggiori? :rolleyes:


Scusa ma ho cancellato buona parte del tuo post nel mio "quote" solo per evidenziare qualche punto....

La risposta della gamba penso sia dovuta ad una reazione neurologica ben precisa, oltre che da minore forza fisica. Cioè quando si ha un trauma, con dolore, mi sono convinto che automaticamente il sistema nervoso reagisce cercando proprio di limitare le possibilità di effettuare movimenti con l'arto leso. Questo potrebbe accadere facilmente perchè l'apparato muscolare, nervoso, funziona attraverso la produzione e trasformazione di numerose tipologie di proteine, ecc... (non so da un punto di vista medico/scientifico come si chiamano, ma vedi le varie sostanze in circolo che fanno "funzionare il tutto" e ti spaventi dal numero di trasformazioni chimiche che avvengono all'interno del nostro corpo per bruciare energia e far funzionar ei muscoli...) ed in qualche modo per "difesa" il corpo umano (il suo sistema nervoso centrale) può inibire o rallentare questo processo per salvaguardare la parte di sè che è in difficoltà.
E' per questo che poi molto bisogna "allenare" in palestra anche dal punto di vista propriocettivo, si allena propsio il sistema nervoso a recepire i segnali e a mandarne di corretti all'articolazione ed a tutta la gamba.... e non basta soltanto rafforzare la muscolatura, altrimenti uno con una gamba con diametro al quadricipite di 60 cm starebbe SEMPRE E COMUNQUE meglio dopo una operazione di uno più esile e meno muscoloso, ed invece non è così.
Quando diciamo che la risposta è SOGGETTIVA penso ci riferiamo involontariamente proprio a questa componente... neurologica, diciamo, (per semplificare, non so se il termine è corretto ma cerco di farmi capire)

Altro punto: certo, se non mi alleno con gli esercizi 8ormai sono mesi non ne faccio, ad esempio....) il ginocchio lo piego del tutto più difficoltosamente, ho più dolorini, ecc.... anche se nella vita normale non ho problemi.... però se mi mettessi a fare ora isometrica con i classici 5 kg alla caviglia, farei fatica, mentre quando la facevo ero arrivato ad un punto che era come bere un bicchiere d'acqua.... (e non è uno degli esercizi più pesanti, ma è uno fra quelli fondamentali.....)


Ultimo punto:
conosco una persona che si era operata oltre 30 anni fa di LCA, a "cielo aperto" nel senso che la cicatrice davanti al ginocchio ce l'ha bella lunga e non vi era l'artroscopia in chirurgia ma solo a livello diagnostico (operazione con rotuleo, ovviamente....) il ginocchio gli era rimasto molto più grande dell'altro a causa dell'ispessimento della capsula articolare (fatto dovuto all'invasività dell'operazione, niente telecamere, ecc....ma proprio a cielo aperto). Smise di giocare pallone, ma i tempi furono lo stesso molto lunghi, oltre due mesi immobilizzato con tutore (se penso che oggi il giorno dopo fai gli esercizi.....:D ) e poi fisioterapia (molto blanda, data la tecnica di allora si aveva paura di rompere il nuovo legamento.,...)
Ebbene DUE MESI FA ha fatto la protesi di ginocchio (ha circa 60 anni, anzi qualcuno meno......)

Le cose (per fortuna nostra) sono cambiate molto...... ;)

mitzy 14-09-2010 20:24

Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 33010049)
I rischi seppur minimi sn quelli di un possibile rigetto...sono pur sempre rischi perchè è sempre un corpo estraneo al ns organismo che "potrebbe" non accettare...sn minimi però in quanto i tendini sn strutture privilegiate rispetto agli organi (tipo il trapianto di un rene) , non sn vascolarizzati, e tra l'altro il rischio di rigetto è ridotto al minimo in quanto da quando escono dal corpo del donatore defunto (e che Iddio benedica semrpe queste persone!) e si rendono disponibiliad entrare in un nuovo organismo, subiscono un trattamento conservativo a nn so quanti gradi sotto lo zero, il tutto anche x eliminare la possibilità x il ricevente di "importare" malattie del donatore (anche questo rischio possibile, ma presente in percentulenell'ordine di decimali!)...
riguardo il fatto che la riabilitazione sia piu breve, c'è tutt una dottrina dietro a dissertarci su....perch+è vero è che non viene "smontatao" nessun pezzo dal proprio corpo in quanto si prende dall'esterno, ma è anche vero che questo tendine esterno, proprio x i trattamenti subiti (poraccio, tenuto al gelo x nn so quanto tempo :D )e anche per il fatto che
è esterno al ns corpo, pur se nn da problemi di rigetto, deve un attimino "ambientarsi"....

come disse Gomma (questo è stato insegnamento suo, poi confermatomi anche dall'ultimo ortopedico visitato), il neolegamento (che alla fine è sempre un tendine)deve col tempo essere rivestito di cellule e tessuto
sinoviale che gli diano una "parvenza" delegamento precedente, originario....(altrimenti spotemmio frci im piantare pure un lacciodi scarpe:D )

questo si chiama processo di colonizzazione e ha una stretta relazione con la fisioterapia post operatoria... proprio xke x un tendine esterno ci vuole piu tempo...

dunque, ricapitolando, (chen gli amici del forum mi scusino ma nn ho il dono delal sintesi :D )

considerando in modo presente, ma cm variabile "marginale" il rischio di rigetto o importare malatti,e lo snodo della questione su cui si dibatte la dottrina, è proprio quello esposto su....alal fine la conclusione diciamo alla quale sn pervenuti quasi ttti è cjhe:

col trapianto autologo si ha il problema di indebolire la gamba con un autoprelòioevo (dunque possibili doloretti residui ecc) ma il pregio dia vere un tendine proprio che sicuramente "attecchirà" prima...

al contrario, col trapianto omologo, si ha ilvantaggiodi nn indebolire la gamba in quanto si ha un "pezzo di ricambio"( a volte soffermiamoci come dice ski anche a ringraziare chi fornisce questi pezzi di ricambio, xke nn si parla di
carburatori auto ma di componenti umane:rolleyes: il cinismo della mia espressione è puramente x esprimere meglio il concetto!) da introdurre, ma lo svantaggio che potrebbe occorrere una fisioterapia piu lunga specie x chi voglia prestazioni estremem e brillanti del suo ginocchio....la maggior parte degli ortopedici ricorre semrpe al trapianto autologo....



riamne un MIO PARERE PERSONALE, NN SN MEDICO Nè STUDENTE DI MEDICINA, però diciamo che l'autologo èconsigliato ai soggetti piu giovani che hanno tempo da dedicare alal terapia e vogliono "tornare in campo"..l'omologo (cosi cm il sintetico)
dovrebbe essere comnsigliato a chi ha oltre 40 anni, si preoccupa piu di tornare presto in ufficio che nn a fare la partitella con gli amici....ma ripeto, resta un parere personale...se invece volessi dare un consiglio all'amica mitzy le direi di
nn sentire solo un ortopedico, ma senti piu campane, hai la "fortuna" come me di poter condurre una egregia vita quotidiana, e nn hai fretta (almeno cosi mi pare) di riscendere in "campo",(nn so manco se tu abbia qulche sport da inseguire o ti opererestic m me solo cm "investimento" x nn incorrere in possibili artrosi future)...

secondo me un buon ortopedico dovrebbe saper operare in tutti i modi e illustrare al paziente tutti i vantaggi e svantaggi delll possibili soluzioni....ma io sn l'esempio vivente che cosi non è....pensa cara mitzy cheproprio sul mio caso (che nn ho nessun campop che mi aspetta:D ) ho rtaccolto una "encicolpedia" di letterautra ortopedica.....dato che i legamenti coinvbolti anche se nn rotti sn 2 (anteriore e posteriore) olgnun o mi consiglias una strada e nn mi paventa altre soluzioni...

c'è chi mi consiglia un trapianto doppiamente autologo (rotuleo x uno e gr + st x l'altro)...

c'è chi mi consiglia un trapianto sempre autologo, ma prendendo unlegamento dalla gamba controlaterale (ovvero quella sana, x nn prenderne due dalla stessa)

c'è chi mi consiglia un trapianto misto autologo-omologo, ovvero un legmento da me e lp'0altro da donatore...

chi mi ricostruirebbe solo l'anteriore (che x altro ha una lassità minima,quelo che sta messo peggio è il posteriore) sopperendo al cassetto posteriroe con tanta ginnastica (secondo me chi dice cosi è xke il posteriore NON LO SA OPERARE , :D purtroppo anche in campo chirurgico spesso diventa quasi na catena di montaggio tutti operano l'anteriroe, e quando si presenta un caso tantino piu "complesso", (e c'è ancora di peggio, pensiamo a chi si stroppia na gamba dopo incidente stradale), pretendono di operare cm fanno sempre...

e chi mi ricostruirebbe quelloc he sta messo peggio (ovvero i, posteriore), rmettendo sull'amnteriore solo un supporto sintetico (in questo caso poichè le fibre del legamento anteriroe ce ne stanno e pure parecchie, il sintetico si puo fare xke verrebeb avvolto molto facilmente dal tessuto din oviale dalle fibre sane rimaste)...

in tutto questo, a differenza dell'amico Danilson che vuole toranre a giocare a calcetto, giuro che se uno mi lancerà anche solo una palla, lo azzannerò come na cagna pitbull che ha il ciclo.....:D sarebbe esagerato dire che ho perso la gioia di vivere per sto fatto, ma tutti sti pareri discordanti mi mettono ansia, ogni ortopedico che sento critica i pareri altrui e segue il suo cm migliore, e in testa ho sl una gran confusione, a cui vorrei poter porre fine na volta x tutte....io sarei x rotuleo e gr +stma mi chiedo, poi saranno cazzi amari con al fisioterapia??bohh! va beh, intanto mi scuso x lamia solita prolissità! e vi auguro una buona settimana!

Cari compagni di sventura :D ,
Eccomi qui con le ultime news.
Mi ha rivisto il mio specialista e mi sono decisa a farmi operare..... ('era ora!!!' qualcuno come Stefano o Gomma o Alex dirà ... :rolleyes: )

Mi ha ribadito che nel mio caso l'autograft non é possibile per la vasta cicatrice del mediale che é in zona tendine da espiantare e trapiantare.

Rimangono aperte le due strade del trapianto da donatore (allograft) o di un nuovo tipo di legamento sintetico (Lars)
( http://www.youtube.com/watch?v=nBbiwQTFJzc )
Lui mi consiglia caldamente quest'ultima soluzione perché ha tempi di recupero velocissimi. Pensate che oggi in ambulatorio c'era un giocatore di rugby professionista operato 40 giorni fa contemporaneamente alle due ginocchia con questa tecnica: dovevate vederlo!!!!! Niente cicatrici, camminava normalmente sulle sue gambe e fra un mese riprende la sua attività da giocatore professionista!!!
Ho deciso quindi di procedere con la tecnica LARS in quanto mi fido ciecamente del mio specialista ... :)

Vi farò sapere presto!

Delfino81 17-09-2010 10:35

Quote:

Originariamente inviato da mitzy (Messaggio 33088443)
Cari compagni di sventura :D ,
Eccomi qui con le ultime news.
Mi ha rivisto il mio specialista e mi sono decisa a farmi operare..... ('era ora!!!' qualcuno come Stefano o Gomma o Alex dirà ... :rolleyes: )

Mi ha ribadito che nel mio caso l'autograft non é possibile per la vasta cicatrice del mediale che é in zona tendine da espiantare e trapiantare.

Rimangono aperte le due strade del trapianto da donatore (allograft) o di un nuovo tipo di legamento sintetico (Lars)
( http://www.youtube.com/watch?v=nBbiwQTFJzc )
Lui mi consiglia caldamente quest'ultima soluzione perché ha tempi di recupero velocissimi. Pensate che oggi in ambulatorio c'era un giocatore di rugby professionista operato 40 giorni fa contemporaneamente alle due ginocchia con questa tecnica: dovevate vederlo!!!!! Niente cicatrici, camminava normalmente sulle sue gambe e fra un mese riprende la sua attività da giocatore professionista!!!
Ho deciso quindi di procedere con la tecnica LARS in quanto mi fido ciecamente del mio specialista ... :)

Vi farò sapere presto!

Ciao Mitzy, innanzitutto complimenti x la tua saggia e coraggiosa decisione (alla fine anche se la traumatologia sn diventate operazioni di routine, un pizzico di coraggio ci vuole sempre ;) ), potresti dirmi il nome del tuo specialista? xke la tecnica LARS è utilizzata non molto da tutti....

un paio di domande...

1) scusa forse ne avrai parlato qualke pagina fa, ma nn ricordo! :doh: la cicatrice del mediale di cui parli a cosa ti riferisci? del menisco mediale o del collaterale mediale? ma x valutare la grandezza di questa cicatrice l'ortopedico cosa ha fatto? ha leto la risonanza (mi pare un po' strano giudicare una icatrice dalla risonanza, deve esse davvero in gamba in questo caso) o ti ha fatto un'artroscopia ispettiva?

2)il legamento LARS è quello che vorrei scegliere anche io x il rinforzo di uno dei due crociati....n ho ben capito se nel mo caso è preferibile rinforzare il posteriore xke il lars meglio si adatta a questo, e sosttuire l'anteriore, o viceversa....tra i due quello che sta messo un po' peggio è il LCP da quanto mi dissero.... anche qua sentire piu campane mi ha messo una gran confusione nella capoccia....

il prof Caraffa mi ha detto che addirittura il LARS è indicatissimo nel mio caso, in quanti sia che va a rinforzare il LCP o il LCA,cmq aderisce alle fibre rimaste sane del legamento, e dunque il famoso processo di "colonizzazione" di tesuto sinoviale, sarebbe molto piu veloce e "completo rispetto alla ricostruzione completa con LARS (veloce anche quella come giustamente ti hanno detto)..... poi un altrommi ha detto che i LARS che sn prodotti in Francia, smpre in Francia sn vietati (mi sembra un po' un'assurdità cmq), lasciandomi con la frase sibillina "immagini il perchè"... alla fine ho sentito di gente operata con i LARSche sta benone, l'unico punto interrogativo è che nn si hano studi per sapere se sono "eterni" o cm qualsiasi compontne protesica, possono subir deterioramentei tali da sostituirli....(è una tecnica reintrodotta da pochi anni!)

ioso che sn garantiti x oltre venti milioni di cicli dove il "ciclo" x una volta nn sn le fastidiossissime mestruazioni delle femminucce (fastidiose x la donan e x ki el sta intorno in quelmperiodo :D ahahah) ma può essere inteso come un'unità di misura che corrisponde all'usura anche a livello millesimale he la struttura risente x ogni movimento..... oltre 20 milioni di cicli equivale a un'ottima tenuta di almeno 15-20 x uno sportivo di alto livello.....e poi non si sa che succede, x il fatto che gli studi nn arrivano a tanto (lo sapremo tra10 anni in chi si è operato 5 anni fa) il tuo specialista ti ha parlato della possibilità di un reimpianto del LARS a distanza di tempo?sperando di non averti confuso le idee, cercando io stesso chiarezza :D ti abbraccio e ti rinnovo l'in bocca al lupo!

mitzy 17-09-2010 13:37

Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 33113548)
Ciao Mitzy, innanzitutto complimenti x la tua saggia e coraggiosa decisione (alla fine anche se la traumatologia sn diventate operazioni di routine, un pizzico di coraggio ci vuole sempre ;) ), potresti dirmi il nome del tuo specialista? xke la tecnica LARS è utilizzata non molto da tutti....

un paio di domande...

1) scusa forse ne avrai parlato qualke pagina fa, ma nn ricordo! :doh: la cicatrice del mediale di cui parli a cosa ti riferisci? del menisco mediale o del collaterale mediale? ma x valutare la grandezza di questa cicatrice l'ortopedico cosa ha fatto? ha leto la risonanza (mi pare un po' strano giudicare una icatrice dalla risonanza, deve esse davvero in gamba in questo caso) o ti ha fatto un'artroscopia ispettiva?

2)il legamento LARS è quello che vorrei scegliere anche io x il rinforzo di uno dei due crociati....n ho ben capito se nel mo caso è preferibile rinforzare il posteriore xke il lars meglio si adatta a questo, e sosttuire l'anteriore, o viceversa....tra i due quello che sta messo un po' peggio è il LCP da quanto mi dissero.... anche qua sentire piu campane mi ha messo una gran confusione nella capoccia....

il prof Caraffa mi ha detto che addirittura il LARS è indicatissimo nel mio caso, in quanti sia che va a rinforzare il LCP o il LCA,cmq aderisce alle fibre rimaste sane del legamento, e dunque il famoso processo di "colonizzazione" di tesuto sinoviale, sarebbe molto piu veloce e "completo rispetto alla ricostruzione completa con LARS (veloce anche quella come giustamente ti hanno detto)..... poi un altrommi ha detto che i LARS che sn prodotti in Francia, smpre in Francia sn vietati (mi sembra un po' un'assurdità cmq), lasciandomi con la frase sibillina "immagini il perchè"... alla fine ho sentito di gente operata con i LARSche sta benone, l'unico punto interrogativo è che nn si hano studi per sapere se sono "eterni" o cm qualsiasi compontne protesica, possono subir deterioramentei tali da sostituirli....(è una tecnica reintrodotta da pochi anni!)

ioso che sn garantiti x oltre venti milioni di cicli dove il "ciclo" x una volta nn sn le fastidiossissime mestruazioni delle femminucce (fastidiose x la donan e x ki el sta intorno in quelmperiodo :D ahahah) ma può essere inteso come un'unità di misura che corrisponde all'usura anche a livello millesimale he la struttura risente x ogni movimento..... oltre 20 milioni di cicli equivale a un'ottima tenuta di almeno 15-20 x uno sportivo di alto livello.....e poi non si sa che succede, x il fatto che gli studi nn arrivano a tanto (lo sapremo tra10 anni in chi si è operato 5 anni fa) il tuo specialista ti ha parlato della possibilità di un reimpianto del LARS a distanza di tempo?sperando di non averti confuso le idee, cercando io stesso chiarezza :D ti abbraccio e ti rinnovo l'in bocca al lupo!


Grazie per i complimenti, ma sono dell'idea che sia una giusta cosa, essendo in buona forma e non avendo particolari problemi di salute - mal di schiena lombare a parte - ridare al mio ginocchio la sua piena funzionalità cosa che in qualche modo potrà giovare anche alla schiena.

In breve la mia storia: 1/2/2009: dopo una caduta sciando nella nebbia + totale mi rompo completamente il legamento crociato anteriore, mi procuro una distorsione di 3°-4° grado del legamento collaterale mediale e anche, leggermente, una rottora a decorso obliquo, verso il corno posteriore, del menisco mediale .
Il mio specialista (che mi ha seguito dall'inizio) era tentato ad operare addirittura il collaterale mediale da tanto era conciato.... Alla fine ha optato per l'immobilizzo del ginocchio per un po' per permettere la cicatrizzazione del mediale.

Dopo un mese e mezzo però non riuscivo ad estendere il ginocchio.
In artroscopia me l'hanno quindi sbloccato, hanno pulito il suo interno e hanno confermato quanto emerso dalla RMN.

1) Cicatrice del legamento collaterale mediale: vista la gravità della lesione é ovvio che la cicatrice sia vasta, cosa comunque ben visibile nelle due risonanze che ho fatto. Inoltre ora il legamento tiene abbastanza bene. Ecco perché non vuole andare ad operare in prossimità di quella zona per l'espianto.

2) Per il LARS il mio specialista mi ha detto che viene molto usato per la ricostruzione del posteriore. Dà ottimi risultati. Molto meno dolore e il recupero é velocissimo. Mi ha sì detto che non é eterno e che non ci sono studi a lungo termine sottolineando che comunque dal '99, anno in cui ha iniziato ad utilizzarlo, non ha mai registrato casi di rottura o usura.
Il mio specialista mi ha detto ribadito che, anche nel caso che fra una quindicina d'anni lo si dovesse sostituire, la tecnica in artroscopia é così 'semplice' che 'il gioco vale la candela'.....E poi io non sono una sportiva professionista....

Per quanto riguarda il fatto che il LARS non sia approvato in alcune nazioni, forse la cosa é vera. Mi pare che negli USA la FDA non l'abbia ancora approvato anche perché avevano avuto seri problemi con la PRIMA generazione di legamenti artificiali 20 anni fa (controlla qui http://www.epicski.com/forum/thread/...and-experience)

D'altro canto, documentandomi in internet su vari siti internazionali non ho trovato NESSUNO, e ripeto NESSUNO dei trapiantati che abbia avuto problemi con questa tecnica.

Riassumendo: sono sempre più convinta di farlo, mi sono messa in nota e non ho paura. Credo che sarà molto meno 'tosto' dell'autotrapianto.

Per il nominativo dello specialista te l'ho mandato con un messaggio privato in piattaforma.

A presto! Ciao ciao

Player13 17-09-2010 14:25

info
 
Ciao a tutti, sono nuovo del forum, mi sono rotto il crociato anteriore giocando a calcio. Dovrei scegliere se operarmi con Cerulli a Perugia (ricostruzione in artroscopia usando il tendine rotuleo) o qui a Londra dove vivo da un buon dottore che opera giocatori di calcio e rugby (ricostruzione in artroscopia usando l'hamstring - penso intenda il gracile)
Fisioterapisti a Londra mi hanno detto che usando il rotuleo la riabilitazione e' piu' veloce, ma a lungo termine, per quanto riguarda la performance della gamba in generale, e' meglio usare l'hamstring....

Qualche consiglio/opinione a riguardo?
Grazie!

mitzy 17-09-2010 15:22

Quote:

Originariamente inviato da Player13 (Messaggio 33116316)
Ciao a tutti, sono nuovo del forum, mi sono rotto il crociato anteriore giocando a calcio. Dovrei scegliere se operarmi con Cerulli a Perugia (ricostruzione in artroscopia usando il tendine rotuleo) o qui a Londra dove vivo da un buon dottore che opera giocatori di calcio e rugby (ricostruzione in artroscopia usando l'hamstring - penso intenda il gracile)
Fisioterapisti a Londra mi hanno detto che usando il rotuleo la riabilitazione e' piu' veloce, ma a lungo termine, per quanto riguarda la performance della gamba in generale, e' meglio usare l'hamstring....

Qualche consiglio/opinione a riguardo?
Grazie!

Ciao Player!
E' una questione da tanto tempo molto discussa in questo forum ! Se dai un'occhiata alle pagine indietro penso che ti chiarirai un po' le idee.
In bocca al lupo! :D

alex642002 17-09-2010 16:05

Quote:

Originariamente inviato da mitzy (Messaggio 33088443)
Cari compagni di sventura :D ,
Eccomi qui con le ultime news.
Mi ha rivisto il mio specialista e mi sono decisa a farmi operare..... ('era ora!!!' qualcuno come Stefano o Gomma o Alex dirà ... :rolleyes: )

Mi ha ribadito che nel mio caso l'autograft non é possibile per la vasta cicatrice del mediale che é in zona tendine da espiantare e trapiantare.

Rimangono aperte le due strade del trapianto da donatore (allograft) o di un nuovo tipo di legamento sintetico (Lars)
( http://www.youtube.com/watch?v=nBbiwQTFJzc )
Lui mi consiglia caldamente quest'ultima soluzione perché ha tempi di recupero velocissimi. Pensate che oggi in ambulatorio c'era un giocatore di rugby professionista operato 40 giorni fa contemporaneamente alle due ginocchia con questa tecnica: dovevate vederlo!!!!! Niente cicatrici, camminava normalmente sulle sue gambe e fra un mese riprende la sua attività da giocatore professionista!!!
Ho deciso quindi di procedere con la tecnica LARS in quanto mi fido ciecamente del mio specialista ... :)

Vi farò sapere presto!

Oh!Era ora!Hai fatto la scelta giusta!In bocca al lupo,ti verremo a trovare magari! Ciao!;)


Tutti gli orari sono GMT +1. Ora sono le: 00:40.

Powered by vBulletin® Version 3.6.4
Copyright ©2000 - 2024, Jelsoft Enterprises Ltd.
Hardware Upgrade S.r.l.