Hardware Upgrade Forum

Hardware Upgrade Forum (https://www.hwupgrade.it/forum/index.php)
-   Amministrazione e Configurazione Server (https://www.hwupgrade.it/forum/forumdisplay.php?f=153)
-   -   SERVER VM e Thin Client (https://www.hwupgrade.it/forum/showthread.php?t=2949530)


Mauro Pedrotti 17-10-2021 12:26

SERVER VM e Thin Client
 
Salve a tutti,
mi ritrovo a voler variare la situazione attuale interna della mia azienda a livello hardware. Ho circa 10 postazioni PC Windows 10/Windows 2000 XP con 3 persone in azienda disposti su 2 piani.

1 PC Segreteria (Excel, posta e-mail,ecc.)
2-3 PC Grafici con programmi corel, photoshop, ecc. lavori 2D Autocad e Rhino 3D basso livello.
4-5-6 PC RIP programmi varie versioni di rippaggio file gestione plotter
7-8 PC NUC con macro a riconoscimento immagini (non si può interferire una volta lanciati per problemi di funzionamento maro) queste diventeranno 3 postazioni.
9 PC con programma di mailing list... potrebbe girarci altro ma preferisco tenerlo solo per fare quello, visto che sui NUC non posso spostarlo.
10 File Server Windows Server 2016 salvano e pescano dati tutti i PC.
11 PC Windows 2000 con collegata con stampante e plotter da taglio cavo parallelo.
12 NAS x i backup (alcuni incrementali, altri mirror ma settimanali, solo giornaliero quello della segreteria) da tutti i PC sopra esposti.

Avrei pensato di realizzare un server con Proxmox e la virtualizzazione di diverse postazioni però ora mi sorge il dubbio di alcune problematiche.

La scelta a basso costo dei thin client da collegare, ho visto alcuni che costano 300-400 Euro quasi come un PC e a quel punto la spesa inizia a non valere più la candela.
Per le postazioni grafiche e la segreteria (attualmente 3 monitor) mi serviranno con uscita dual monitor 4K (gli altri anche solo HD e single monitor).
Possibilità/(necessità ?) di collegare le chiavi USB dei programmi RIP al solo SERVER per la loro esecuzione o posso lasciarle collegate sui singoli thin client ?

E' forse opportuno lasciare qualche PC nella situazione attuale ed eventualmente andare per gradi ? :muro:

L'eventuale blocco totale dell'azienda in caso di server KO è un altro fattore che mi preoccupa non poco.

jamba_ITA 17-10-2021 18:52

Quote:

Originariamente inviato da Mauro Pedrotti (Messaggio 47596555)
Salve a tutti,
mi ritrovo a voler variare la situazione attuale interna della mia azienda a livello hardware. Ho circa 10 postazioni PC Windows 10/Windows 2000 XP con 3 persone in azienda disposti su 2 piani.

1 PC Segreteria (Excel, posta e-mail,ecc.)
2-3 PC Grafici con programmi corel, photoshop, ecc. lavori 2D Autocad e Rhino 3D basso livello.
4-5-6 PC RIP programmi varie versioni di rippaggio file gestione plotter
7-8 PC NUC con macro a riconoscimento immagini (non si può interferire una volta lanciati per problemi di funzionamento maro) queste diventeranno 3 postazioni.
9 PC con programma di mailing list... potrebbe girarci altro ma preferisco tenerlo solo per fare quello, visto che sui NUC non posso spostarlo.
10 File Server Windows Server 2016 salvano e pescano dati tutti i PC.
11 PC Windows 2000 con collegata con stampante e plotter da taglio cavo parallelo.
12 NAS x i backup (alcuni incrementali, altri mirror ma settimanali, solo giornaliero quello della segreteria) da tutti i PC sopra esposti.

Avrei pensato di realizzare un server con Proxmox e la virtualizzazione di diverse postazioni però ora mi sorge il dubbio di alcune problematiche.

La scelta a basso costo dei thin client da collegare, ho visto alcuni che costano 300-400 Euro quasi come un PC e a quel punto la spesa inizia a non valere più la candela.
Per le postazioni grafiche e la segreteria (attualmente 3 monitor) mi serviranno con uscita dual monitor 4K (gli altri anche solo HD e single monitor).
Possibilità/(necessità ?) di collegare le chiavi USB dei programmi RIP al solo SERVER per la loro esecuzione o posso lasciarle collegate sui singoli thin client ?

E' forse opportuno lasciare qualche PC nella situazione attuale ed eventualmente andare per gradi ? :muro:

L'eventuale blocco totale dell'azienda in caso di server KO è un altro fattore che mi preoccupa non poco.

A grandi linee è quello che vorrei fare io.
in una prima fase potresti evitare di acquistare i thin client e continuare ad utilizzare gli attuali pc come thin client. Un server su cui girano 10 os (siete in tre quindi non credo contemporaneamente) ha bisogno di parecchie risorse. Investi più che altro su quello.
Dovresti accertarti se la porta parallela può creati qualche problema…

Kaya 18-10-2021 10:09

Io personalmente non sono più un grande fan delle postazioni Thinclient..
In primis le postazioni "grafiche" risentirebbero di alcune problematiche prestazionali sulla scheda video (e via che dovresti fare dei GPU passthrought)

Se proprio vuoi organizzare io farei
VM:
Server files
Sostiuirei poi il pc win 2000 con un printer server LPT, e farei la condivisione sul server files
i due PC nuc e il pc con mailing list.

Per il resto lascerei pc (ricorda anche poi che con i thin client c'è tutta la gestione di webcam, smart card, audio e chi più ne ha più ne metta che ti fa impazzire).

Ricorda anche che le licenze windows 10 che hai su i NUC NON puoi migrarle, ma devi comprare licenze retail

Black"SLI"jack 18-10-2021 15:25

la virtualizzazione delle postazioni di lavoro, soprattutto nel momento in cui si hanno anche device particolare ad esse collegate, diventa un bel problema.

partendo dal fatto che i thin-client non sono proprio a basso costo, bisogna anche distinguere, se sono con windows a bordo (che principalmente sono quelli maggiormente gestibili), oppure i cosidetti zero, che montano una distro linux ridotta all'osso, che permette di collergarsi in rdp ad vm, oppure di accedere ai sistemi di virtualizzazioni vdi, come VMware Horizon, o Citrix.

senza poi entrare nel discorso delle prestazioni cpu/gpu lato host. perché si stai usando un thin-client, ma cpu e gpu (virtualizzata sulla gpu, principalmente), ricade sul host che ospita le vm.

quando ci si collega in rdp, però eventuali stampanti locali non vengono viste dalla vm, infatti con Citrix e Horizon, c'è tutta la parte di gestione/redirect dei device locali verso la vm. Ovvio che tali soluzioni sono completamente fuori budget. ricollegandomi a quanto scritto poco sopra, il multi-monitor dei thin-client non funziona su rdp, funziona sui sistemi VDI, dove sulle vm ci sono gli agent appositi.

la questione di usare una soluzione singolo server con proxmox, unraid, vmware esxi (c'è la versione free), o altri e virtualizzare tutto li sopra, porta ad una questione da non sottovalutare. se muore il server, tutte quelle vm, non sono accessibili e quindi attività ferma. in tutti i casi di attività commerciale, se non si vuole avere problemi, conviene avere i server fisici ridondati.

Kaya 19-10-2021 09:26

Quote:

Originariamente inviato da Black"SLI"jack (Messaggio 47598261)
ricollegandomi a quanto scritto poco sopra, il multi-monitor dei thin-client non funziona su rdp,

Questa cosa non è strettamente vera. Se l'host è un windows 10 il multimonitor funziona anche via RDP.

Comunque concordo, noi abbiamo Horizon e circa 90 client..è un bagno di sangue se non hai una persona che ci sta costantemente dietro...

Black"SLI"jack 19-10-2021 10:00

per funzionare, funziona. il problema è che non è il massimo dell'ottimizzazione e soprattutto dal punto di vista prestazionale. anche con Horizon e Citrix se alla fine non si hanno GPU lato server per l'accelerazione grafica sono dolori, nel multi monitor.
Ne so qualcosa dato che installo/configuro/gestisco varie infrastrutture VDI (sia Horizon che Citrix), con e senza GPU. Senza contare tutto ciò che è legato alla gestione delle vdi stesse e sono tanti mal di capo :asd: .

Resto dell'idea che per l'altro utente, considerando l'insieme dei pc/server, i costi finali, alla fine gli convenga mantenere il tutto fisico come adesso, ma andando semplicemente a cambiare le macchine più vecchie ed eventualmente consolidare più servizi sulle macchine server.

Resta di fatto obbligatorio, fare backup, anche di tipo bare metal delle macchine critiche. Ci sono software anche gratuiti che permettono di farlo, come Veeam Windows Agent (basta registrarsi sul sito). Manca la parte di application aware, per avere un backup application-consistant. Però almeno c'è un backup totale della macchina fisica ed è possibile ripristinarla in toto, ad esempio dopo una rottura del disco rigido.

lemming 21-10-2021 12:48

Cerca di calcolare quale è il tuo budget poi se ci stai dentro allora si può discutere.

Ricorda che la virtualizzazione dei dekstop è estremamente costosa, finiresti per pagare le licenze software anche 2 volte: quella del thinclient (che costano almeno 400 euro l'uno) e quella sul desktop virtuale. Senza contare le licenze del virtualizzatore.

La virtualizzazione dei desktop più economica è quella di usare Windows server Remote Desktop Session Host (senza citrix). Qui finiresti per usare un solo tipo di sistema operativo es. Windows Server 2019 o 2022. In questo caso prenderai una licenza di windows standard + una CAL RDS per ogni utente che userà il server. Poi dovrai fornire un terminale o un pc (anche di fascia bassa) come un NUC (per esempio NUC8i3BEK o NUC8i3BEH) con monitor, tastiera, mouse e cuffie a tutti gli utenti.

Le workstation dovrai tenerle fisiche. I costi per virtualizzare le workstation sono veramente alti. Nel caso gli utenti delle workstation debbano lavorare remotamente allora è meglio dotarli di un portatile professionale (mobile workstation).


Tutti gli orari sono GMT +1. Ora sono le: 20:34.

Powered by vBulletin® Version 3.6.4
Copyright ©2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
Hardware Upgrade S.r.l.