Hardware Upgrade Forum

Hardware Upgrade Forum (https://www.hwupgrade.it/forum/index.php)
-   Scienza e tecnica (https://www.hwupgrade.it/forum/forumdisplay.php?f=91)
-   -   Legamento crociato anteriore (https://www.hwupgrade.it/forum/showthread.php?t=498329)


Delfino81 21-11-2011 14:01

Quote:

Originariamente inviato da gomma2408 (Messaggio 36394498)
buongiorno a tutti, come state?

io venerdì ci ho dato sotto con l'isocinetica, i valori ancora non sono al top e il ginocchio (o meglio il tendine al quadricipite....) ha accusato un po' la fatica, un pochino si era gonfiato lato esterno subito sopra l'attaccatura della rotula :rolleyes:

Mi vergogno un po' a dirlo, perchè ormai sono over40, :rolleyes: , ma avrei voglia di tornare in palestra a giocare a pallavolo.... vediamo se fra altri 15gg ce la farò!
Mi stanno facendo pressioni dalla squadra del mio paese che milita in serie D, e non perchè sono in pochi (anzi, la rosa è di 16 giocatori) e quindi questo mi fa piacere, devo ammetterlo..... :rolleyes: chissà, fino all'anno scorso andava tutto bene (cioè fino a maggio 2011 in realtà) quindi qualche speranza ce l'ho...

Un salutone a tutti ;)


P.S. off topic: il bimbo dei miei amici sta molto meglio, domani va vicino Lecco per un mesetto a fare riabilitazione per l'uso della mano dx e per la parola, non ha evidentissimi problemi ma solo qualche difficoltà risolvibile. Certo posteriormente ha una cicatrice con circa una 40ina di punti.... e altre due minori alla sommità del cranio.... l'ha passata davvero grossa!:rolleyes: )
fine off topic

povero piccolo, mi spiace davvero! e meno male che alla fine si puo dire ch la cosa si sia risolta bene!

quanto a te gomma il mio opiu grosso in bocca al liupo x tornare a calcare i campi di pallavolo! secondo me ce la puoi fare, hai una bella grinta e coglia di fare, magari ne avessi io la metà! :D

il freddo di questi giorni, mi ha fatto venire in mente una domanda: tempo fa si parlaa del miglior periodo per operarsi con le varie opinioni a riguardo, e motli dissero autunno (io gioco forza mi dovrò operare in autunno), ma ripensandoci se uno davveo potesse scegliere sarebbe meglio la primavera non trovate?
farebbe ancora quel freschetto necessario verso marzo aprile che nn ti fa sudare a camminare con le stampelle, e nè se devi mindossare tutore e calza elastica ti fa diventare la gamba come una porchetta (operarsi in piena estate nn dev'essere facile secondo me), pero almeno la fisioterapia la si farebbe incontro al caldo......farsi fisioterapia e ginnastica in pieno inverno non è peggio, secondo voi?d'inverno siamo tutti un po piu "incriccati"! :D (infatti i traumi e le contratture muscolari avvengono piu d'inverno, ci vuole piu riscaldamento, ecc)

laraa 21-11-2011 15:37

Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 36396699)
il freddo di questi giorni, mi ha fatto venire in mente una domanda: tempo fa si parlaa del miglior periodo per operarsi con le varie opinioni a riguardo, e motli dissero autunno (io gioco forza mi dovrò operare in autunno), ma ripensandoci se uno davveo potesse scegliere sarebbe meglio la primavera non trovate?
farebbe ancora quel freschetto necessario verso marzo aprile che nn ti fa sudare a camminare con le stampelle, e nè se devi mindossare tutore e calza elastica ti fa diventare la gamba come una porchetta (operarsi in piena estate nn dev'essere facile secondo me), pero almeno la fisioterapia la si farebbe incontro al caldo......farsi fisioterapia e ginnastica in pieno inverno non è peggio, secondo voi?d'inverno siamo tutti un po piu "incriccati"! :D (infatti i traumi e le contratture muscolari avvengono piu d'inverno, ci vuole piu riscaldamento, ecc)

certo che ti fai proprio un sacco di ..... mentali eh :sofico: muoversi con le stampelle non è come dover sopportare un'ingessatura, col caldo, mica si suda a stampellare ;) meglio che ti fai ginnastica riabilitativa in inverno, Delphy così ti riscaldi un po' ed eviti del tutto le contratture :p

P.S. per chi si fosse preoccupato come me per gambagigia, l'ho sentita qualche giorno fa, ma è un po' presa...

ciao ciao

alex642002 21-11-2011 17:58

Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 36396699)
povero piccolo, mi spiace davvero! e meno male che alla fine si puo dire ch la cosa si sia risolta bene!

quanto a te gomma il mio opiu grosso in bocca al liupo x tornare a calcare i campi di pallavolo! secondo me ce la puoi fare, hai una bella grinta e coglia di fare, magari ne avessi io la metà! :D

il freddo di questi giorni, mi ha fatto venire in mente una domanda: tempo fa si parlaa del miglior periodo per operarsi con le varie opinioni a riguardo, e motli dissero autunno (io gioco forza mi dovrò operare in autunno), ma ripensandoci se uno davveo potesse scegliere sarebbe meglio la primavera non trovate?
farebbe ancora quel freschetto necessario verso marzo aprile che nn ti fa sudare a camminare con le stampelle, e nè se devi mindossare tutore e calza elastica ti fa diventare la gamba come una porchetta (operarsi in piena estate nn dev'essere facile secondo me), pero almeno la fisioterapia la si farebbe incontro al caldo......farsi fisioterapia e ginnastica in pieno inverno non è peggio, secondo voi?d'inverno siamo tutti un po piu "incriccati"! :D (infatti i traumi e le contratture muscolari avvengono piu d'inverno, ci vuole piu riscaldamento, ecc)

Quote:

Originariamente inviato da laraa (Messaggio 36397476)
certo che ti fai proprio un sacco di ..... mentali eh :sofico: muoversi con le stampelle non è come dover sopportare un'ingessatura, col caldo, mica si suda a stampellare ;) meglio che ti fai ginnastica riabilitativa in inverno, Delphy così ti riscaldi un po' ed eviti del tutto le contratture :p

P.S. per chi si fosse preoccupato come me per gambagigia, l'ho sentita qualche giorno fa, ma è un po' presa...

ciao ciao

Quoto totalmente Lara!:D Ma che idee ti vengono in mente?:confused:
A parte che quando si decide di operarsi la stagione migliore è l'ultimo problema,e il primo è cercare di uscirne nel minor tempo possibile(rispettando i tempi di recupero ovviamente),ma l'autunno è proprio il periodo ottimale invece per me:non fa caldo,non si suda,ci sono meno problemi d'igiene ecc.e meno rosicamenti nello stare in casa mentre gli altri magari vanno a divertirsi:non trovi?;)

alex642002 21-11-2011 18:02

Quote:

Originariamente inviato da gomma2408 (Messaggio 36394498)
P.S. off topic: il bimbo dei miei amici sta molto meglio, domani va vicino Lecco per un mesetto a fare riabilitazione per l'uso della mano dx e per la parola, non ha evidentissimi problemi ma solo qualche difficoltà risolvibile. Certo posteriormente ha una cicatrice con circa una 40ina di punti.... e altre due minori alla sommità del cranio.... l'ha passata davvero grossa!:rolleyes: )
fine off topic

Sono contento per il bimbo dei tuoi amici,che sentirai sicuramemte come un nipotino.Alla sua età poi cicatrici e cose varie ..credo che si vedranno poco o nulla in futuro.Soo di gomma a quell'età.:)

Delfino81 21-11-2011 19:23

Quote:

Originariamente inviato da alex642002 (Messaggio 36398589)
Quoto totalmente Lara!:D Ma che idee ti vengono in mente?:confused:
A parte che quando si decide di operarsi la stagione migliore è l'ultimo problema,e il primo è cercare di uscirne nel minor tempo possibile(rispettando i tempi di recupero ovviamente),ma l'autunno è proprio il periodo ottimale invece per me:non fa caldo,non si suda,ci sono meno problemi d'igiene ecc.e meno rosicamenti nello stare in casa mentre gli altri magari vanno a divertirsi:non trovi?;)

e lo so che di seghe mentali me en faccio fin troppe! :D dicevo cosi perche pensavo che con l'inverno i dolori muscolari fossero di piu! tutto là! :D

Stefano Landau 22-11-2011 07:56

Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 36399210)
e lo so che di seghe mentali me en faccio fin troppe! :D dicevo cosi perche pensavo che con l'inverno i dolori muscolari fossero di piu! tutto là! :D

Autunno Inverno (più inverno direi) se proprio bisogna vedere è il periodo migliore. Del resto è il periodo del letargo, (per alcuni animali) quello in cui ci si muove di meno solitamente...... così da fare la parte finale della fisioterapia in primavera. In quella stagione si dovrebbe essere naturalmente più predisposti a lavorar bene.......

E comunque come dicono tutti in ogni caso il periodo è il minore dei problemi.
L'unica considerazione da fare è che ad agosto e durante le vacanze di natale molti centri sono chiusi, in quei periodi potrebbe essere difficile farsi seguire adeguatamente. (però possono andar bene per la fisioterapia a casa le prime settimane dopo l'operazione)

gomma2408 22-11-2011 10:01

grazie a tutti per il sostegno....
e bene per gambagigia che è tutto a posto! (grazie laraa dell'ggiornamento...)

certo il periodo migliore per me è l'autunno, o comunque l'inverno diciamo, anche meglio: così quando si torna a correre per strada dopo 4-5 mesi si può fare anche fuori con una temperatura accettabile e con il tempo decente... invece che il solo tapis roulant.
Per contro, starsene in palestra a fare pesi e macchine con fuori l'estate e le giornate lunghe per me è proprio deprimente.... quindi.... preferisco l'inverno per queste cose! ;)
Con gli esercizi ieri ci ho dato dentro con l'isocinetica ed infatti oggi il tendine è dolorante alla pressione ed un po' gonfio...:mad: oggi ghiaccio e riposo... domani starò molto leggero.

Sono in attesa del rientro del mio fisioterapista per fare la tecar (o diatermia) per vedere se sarà di aiuto come dicono... speriamo, ancora 15gg di attesa.

Intanto ho trovato una bella spiegazione per questo trattamento:

Diatermia: il trasferimento energetico, tramite onda elettromagnetica può avvenire con diverse modalità: a) per concatenamento di conduttori di prima o seconda specie con un campo elettromagnetico variabile (legge di Faraday-Noimann); b) per effetto antenna; c) per proiezione; d) per contatto capacitivo e resistivo. L’effetto antenna è quello sfruttato negli apparecchi per Marconi e Radar terapia, la Magnetoterapia sfrutta l’effetto Farady-Noimann mentre per proiezione si propaga la radiazione elettromagnetica degli apparecchi per Laserterapia.
Il modello fisico cui fa riferimento la diatermia resistiva e capacitiva è quello del condensatore. Questo è un dispositivo costituito da due elementi conduttori affacciati e separati da un sottile isolante. A causa dell’attrazione reciproca tra cariche di segno opposto si ha un aumento della densità di carica in prossimità di ciascun elemento, ciò avviene quando questi siano collegati ad un generatore elettrico di differenza di potenziale. Nella zona trattata si avrà quindi un movimento e richiamo ionico con attivazione metabolica ed effetto termico endogeno in stretta relazione con le correnti di spostamento che dalla periferia si concentrano nella zona sottostante all’elettrodo isolato.

(fonte:fisiocentermultimedica.com)

ciao a tutti....

Delfino81 22-11-2011 10:11

Quote:

Originariamente inviato da Stefano Landau (Messaggio 36401340)
Autunno Inverno (più inverno direi) se proprio bisogna vedere è il periodo migliore. Del resto è il periodo del letargo, (per alcuni animali) quello in cui ci si muove di meno solitamente...... così da fare la parte finale della fisioterapia in primavera. In quella stagione si dovrebbe essere naturalmente più predisposti a lavorar bene.......

E comunque come dicono tutti in ogni caso il periodo è il minore dei problemi.
L'unica considerazione da fare è che ad agosto e durante le vacanze di natale molti centri sono chiusi, in quei periodi potrebbe essere difficile farsi seguire adeguatamente. (però possono andar bene per la fisioterapia a casa le prime settimane dopo l'operazione)

quello è vero ma credo che i centri piu grossi, tipo la physioclinic di Milano o altri centri grossi a Roma, sono aperti ancheee ad Agosto e anche durante le ferie di NAtale (ovviamente tranne i giorni rossi sul calendario, euqllo è ovvio)

comunque una domanda in tutta sincerità, TORNANDO ALLA PARANOIA :D LAra purtroppo ha colto nel segno! :muro: io credo che mi sto imparanoiando un casino.....sono mesi ormai che mi documento, mi procuro email di medici e fisioterapisti vari, mi informo sulle possibili complicanze, ecc e diciamo che la depressione derivante dal ginocchio ha ormai capitalizzato l'80 % dei miei pensieri....qualche giorno fa, son capitato su questo sito e mi sono documentato e fatto ricerche una ad una su tutte le complicanze chirurgiche riportate :rolleyes: :help:

http://it.wikipedia.org/wiki/Legamen...ato_posteriore


voi stavate messi cosi male? spero di no! :D fino a dv arrivava la vs ansia? :mbe:

gomma2408 22-11-2011 10:59

Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 36402302)
quello è vero ma credo che i centri piu grossi, tipo la physioclinic di Milano o altri centri grossi a Roma, sono aperti ancheee ad Agosto e anche durante le ferie di NAtale (ovviamente tranne i giorni rossi sul calendario, euqllo è ovvio)

comunque una domanda in tutta sincerità, TORNANDO ALLA PARANOIA :D LAra purtroppo ha colto nel segno! :muro: io credo che mi sto imparanoiando un casino.....sono mesi ormai che mi documento, mi procuro email di medici e fisioterapisti vari, mi informo sulle possibili complicanze, ecc e diciamo che la depressione derivante dal ginocchio ha ormai capitalizzato l'80 % dei miei pensieri....qualche giorno fa, son capitato su questo sito e mi sono documentato e fatto ricerche una ad una su tutte le complicanze chirurgiche riportate :rolleyes: :help:

http://it.wikipedia.org/wiki/Legamen...ato_posteriore


voi stavate messi cosi male? spero di no! :D fino a dv arrivava la vs ansia? :mbe:

Se ti fai prendere da queste cose :D mi sa che davvero non ti basta più il semplice ortopedico....:ciapet: o comunque quello viene dopo!!! :D :D :D
Prendila a ridere, eh, è una battuta.... che prende spunto dai tuoi discorsi però!!!:ciapet:

Innanzitutto quelle presunte "complicanze" che te hai postato sono delle ovvietà che in quanto tali perdono del tutto significato:
Viene riportato il rischio di contrarre l'HIV !!!!!
Ma allora c'è anche il rischi di contrarre una qualche forma di epatite, o che so io, la febbre gialla!!! :rolleyes: ahahahahahah!!!!!
E' logico che siano POSSIBILI quelle complicanze, ma bisogna vedere quanto sono PROBABILI..... eleancarle tutte, arrivando all'assurdo potresti elencare anche che operandoti di ginocchio potresti avere una complicanza in camera di ospedale perchè caschi andando al bagno con le stampelle!!!
Se non ti operavi non ti sarebbe successo.... no?
Anche se leggi un foglietto di qualche medicina DA BANCO (per non parlare quelle che necessita no di prescrizione medica) c'è di tutto di più, mettono anche il singolo caso verificatosi su 1miliardo !!!!! ;)

Quindi è fuorviante.... più da seguire sono i rischi SPECIFICI che ognuno di noi affronta e che dipendono dalla propria condizione fisica e/o dalla propria struttura, e dal proprio danno articolare. E quello lo dice solo il medico cui ci si affida....... ;) ecco perchè meglio uno che "perde" tempo a spiegarci come avviene l'operazione e quali rischi possiamo avere personalmente (per come è messo il NOSTRO ginocchio) che uno che dice "si opera e tutto si risolve"!
Almeno per me....;)
Mi sembra una elencazione fuorviante insomma

Delfino81 22-11-2011 13:03

Quote:

Originariamente inviato da gomma2408 (Messaggio 36402714)
Se ti fai prendere da queste cose :D mi sa che davvero non ti basta più il semplice ortopedico....:ciapet: o comunque quello viene dopo!!! :D :D :D
Prendila a ridere, eh, è una battuta.... che prende spunto dai tuoi discorsi però!!!:ciapet:

Innanzitutto quelle presunte "complicanze" che te hai postato sono delle ovvietà che in quanto tali perdono del tutto significato:
Viene riportato il rischio di contrarre l'HIV !!!!!
Ma allora c'è anche il rischi di contrarre una qualche forma di epatite, o che so io, la febbre gialla!!! :rolleyes: ahahahahahah!!!!!
E' logico che siano POSSIBILI quelle complicanze, ma bisogna vedere quanto sono PROBABILI..... eleancarle tutte, arrivando all'assurdo potresti elencare anche che operandoti di ginocchio potresti avere una complicanza in camera di ospedale perchè caschi andando al bagno con le stampelle!!!
Se non ti operavi non ti sarebbe successo.... no?
Anche se leggi un foglietto di qualche medicina DA BANCO (per non parlare quelle che necessita no di prescrizione medica) c'è di tutto di più, mettono anche il singolo caso verificatosi su 1miliardo !!!!! ;)

Quindi è fuorviante.... più da seguire sono i rischi SPECIFICI che ognuno di noi affronta e che dipendono dalla propria condizione fisica e/o dalla propria struttura, e dal proprio danno articolare. E quello lo dice solo il medico cui ci si affida....... ;) ecco perchè meglio uno che "perde" tempo a spiegarci come avviene l'operazione e quali rischi possiamo avere personalmente (per come è messo il NOSTRO ginocchio) che uno che dice "si opera e tutto si risolve"!
Almeno per me....;)
Mi sembra una elencazione fuorviante insomma

ti capsico, e infatti mi sa che se continuo cosi dovrò recarmi altro che da ortopedici, ma da psichiatri proprio! :D ripeto purtroppo il mio è un discorso ansioso che mi porto dietro da sempre, anche un compito in classe a scuola o un esame complementare all'università (compreso diritto canonico :D ) mi mandavano in paranoia! è una brutta cosa davvero! e un po è anche diminuita rispetto al passato!

p.s. la diatermina nn l'avevo mais enrtita, io a fisi facevo l'ipertermia e devo dire che aveva effetti benefici.....ma credo si tratti completamente di un'altra cosa!

gomma2408 22-11-2011 14:02

Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 36403667)
ti capsico, e infatti mi sa che se continuo cosi dovrò recarmi altro che da ortopedici, ma da psichiatri proprio! :D ripeto purtroppo il mio è un discorso ansioso che mi porto dietro da sempre, anche un compito in classe a scuola o un esame complementare all'università (compreso diritto canonico :D ) mi mandavano in paranoia! è una brutta cosa davvero! e un po è anche diminuita rispetto al passato!

p.s. la diatermina nn l'avevo mais enrtita, io a fisi facevo l'ipertermia e devo dire che aveva effetti benefici.....ma credo si tratti completamente di un'altra cosa!

si sono due cose diametralmente opposte.
Una scalda dall'esterno, (l'ipertermia) l'altra dall'interno (diatermia). Di solito la diatermia è considerata un passo avanti all'ipertermia... in quanto consente molta più modulazione (profondità, tipologia di trattamento, ecc...) però non ne so un gran che.
Per una spiegazione più esauriente, riporto quanto esposto in un forum (li sì) di veri fisioterapisti/medici.....
(non ci dovrebbero essere problemi visto che è stato scritto in risp su un forum pubblico...)

L’ipertermia è quell’elettromedicale che grazie all’aumento improvviso della temperatura (esogena) consente, non solo nei casi in presenza di metastasi (vorrei ricordare che non siamo medici), ma anche in fisioterapia (argomento più idonea a noi) di ottenere dei risultati.
In fisioterapia tale strumento è efficace, non tanto perché produce calore, quanto per gli effetti che il calore determina, come l’aumento diretto del flusso ematico e l’aumento del flusso indiretto causato dalla richiesta di ossigeno da parte dei tessuti trattati; tale aumento di sangue favorisce l’incremento delle normali difese immunitari e stimola la rigenerazione dei tessuti.

La diatermia, oltre a produrre gli effetti termici (endogeni) come per l’ipertermia, attraverso il flusso elettro-magnetico, indipendentemente dalla temperatura, consente alle cellule il rilascio di 2 sostanze come le endorfine ed il cortisolo.
Tutti noi sappiamo che le endorfine hanno un effetto antalgico, mentre il cortisolo è un ormone agisce come antinfiammatorio; l’azione di tutti questi elementi permetti quindi di togliere il dolore, sfiammare, eliminare i liquidi grazie al movimento molecolare, ossigenare i tessuti e rigenerarli.


;)

gomma2408 22-11-2011 15:46

comunque ci risiamo :muro: :
a distanza ESATTA di 24 ore dall'attività in palestra (ieri ci ero andato alle 16.30 infatti uscendo prima dal lavoro) il ginocchio è bello GONFIO :mad: :cry: sopra la rotula..... come sempre più che il ginocchio è il tendine del quadricipite ... vado a casa e ghiaccio... e allungamenti.... (NON del quadricipite che non ce la faccio.... ma dei flessori.... maremma!!!!!!!!:muro: :muro: :muro: )
Incomincio a disperarmi! :(

Delfino81 22-11-2011 15:51

Quote:

Originariamente inviato da gomma2408 (Messaggio 36404965)
comunque ci risiamo :muro: :
a distanza ESATTA di 24 ore dall'attività in palestra (ieri ci ero andato alle 16.30 infatti uscendo prima dal lavoro) il ginocchio è bello GONFIO :mad: :cry: sopra la rotula..... come sempre più che il ginocchio è il tendine del quadricipite ... vado a casa e ghiaccio... e allungamenti.... (NON del quadricipite che non ce la faccio.... ma dei flessori.... maremma!!!!!!!!:muro: :muro: :muro: )
Incomincio a disperarmi! :(

caro, scusa, ogni tanto mi perdo, questo èm il ginocchio SANO o quello OPERATO? :mbe:

ma hai prenotato una visita dallortopedico?

alex642002 22-11-2011 20:14

Quote:

Originariamente inviato da gomma2408 (Messaggio 36402200)
grazie a tutti per il sostegno....
e bene per gambagigia che è tutto a posto! (grazie laraa dell'ggiornamento...)

certo il periodo migliore per me è l'autunno, o comunque l'inverno diciamo, anche meglio: così quando si torna a correre per strada dopo 4-5 mesi si può fare anche fuori con una temperatura accettabile e con il tempo decente... invece che il solo tapis roulant.
Per contro, starsene in palestra a fare pesi e macchine con fuori l'estate e le giornate lunghe per me è proprio deprimente.... quindi.... preferisco l'inverno per queste cose! ;)
Con gli esercizi ieri ci ho dato dentro con l'isocinetica ed infatti oggi il tendine è dolorante alla pressione ed un po' gonfio...:mad: oggi ghiaccio e riposo... domani starò molto leggero.

Sono in attesa del rientro del mio fisioterapista per fare la tecar (o diatermia) per vedere se sarà di aiuto come dicono... speriamo, ancora 15gg di attesa.

Intanto ho trovato una bella spiegazione per questo trattamento:

Diatermia: il trasferimento energetico, tramite onda elettromagnetica può avvenire con diverse modalità: a) per concatenamento di conduttori di prima o seconda specie con un campo elettromagnetico variabile (legge di Faraday-Noimann); b) per effetto antenna; c) per proiezione; d) per contatto capacitivo e resistivo. L’effetto antenna è quello sfruttato negli apparecchi per Marconi e Radar terapia, la Magnetoterapia sfrutta l’effetto Farady-Noimann mentre per proiezione si propaga la radiazione elettromagnetica degli apparecchi per Laserterapia.
Il modello fisico cui fa riferimento la diatermia resistiva e capacitiva è quello del condensatore. Questo è un dispositivo costituito da due elementi conduttori affacciati e separati da un sottile isolante. A causa dell’attrazione reciproca tra cariche di segno opposto si ha un aumento della densità di carica in prossimità di ciascun elemento, ciò avviene quando questi siano collegati ad un generatore elettrico di differenza di potenziale. Nella zona trattata si avrà quindi un movimento e richiamo ionico con attivazione metabolica ed effetto termico endogeno in stretta relazione con le correnti di spostamento che dalla periferia si concentrano nella zona sottostante all’elettrodo isolato.

(fonte:fisiocentermultimedica.com)

ciao a tutti....

Grazie per il ripasso di Fisica II ;)

alex642002 22-11-2011 20:16

Quote:

Originariamente inviato da gomma2408 (Messaggio 36404965)
comunque ci risiamo :muro: :
a distanza ESATTA di 24 ore dall'attività in palestra (ieri ci ero andato alle 16.30 infatti uscendo prima dal lavoro) il ginocchio è bello GONFIO :mad: :cry: sopra la rotula..... come sempre più che il ginocchio è il tendine del quadricipite ... vado a casa e ghiaccio... e allungamenti.... (NON del quadricipite che non ce la faccio.... ma dei flessori.... maremma!!!!!!!!:muro: :muro: :muro: )
Incomincio a disperarmi! :(

Tieni duro Gomma nostro!:) :vicini:

laraa 23-11-2011 08:52

Quote:

Originariamente inviato da alex642002 (Messaggio 36406945)
Tieni duro Gomma nostro!:) :vicini:

gomma2408
comunque ci risiamo :
a distanza ESATTA di 24 ore dall'attività in palestra (ieri ci ero andato alle 16.30 infatti uscendo prima dal lavoro) il ginocchio è bello GONFIO sopra la rotula..... come sempre più che il ginocchio è il tendine del quadricipite ... vado a casa e ghiaccio... e allungamenti.... (NON del quadricipite che non ce la faccio.... ma dei flessori.... maremma!!!!!!!! )
Incomincio a disperarmi!

FORZA GOMMAAAAA:sofico:

laraa 23-11-2011 08:58

Quote:

Originariamente inviato da gomma2408 (Messaggio 36404163)
si sono due cose diametralmente opposte.
Una scalda dall'esterno, (l'ipertermia) l'altra dall'interno (diatermia). Di solito la diatermia è considerata un passo avanti all'ipertermia... in quanto consente molta più modulazione (profondità, tipologia di trattamento, ecc...) però non ne so un gran che.
Per una spiegazione più esauriente, riporto quanto esposto in un forum (li sì) di veri fisioterapisti/medici.....
(non ci dovrebbero essere problemi visto che è stato scritto in risp su un forum pubblico...)

L’ipertermia è quell’elettromedicale che grazie all’aumento improvviso della temperatura (esogena) consente, non solo nei casi in presenza di metastasi (vorrei ricordare che non siamo medici), ma anche in fisioterapia (argomento più idonea a noi) di ottenere dei risultati.
In fisioterapia tale strumento è efficace, non tanto perché produce calore, quanto per gli effetti che il calore determina, come l’aumento diretto del flusso ematico e l’aumento del flusso indiretto causato dalla richiesta di ossigeno da parte dei tessuti trattati; tale aumento di sangue favorisce l’incremento delle normali difese immunitari e stimola la rigenerazione dei tessuti.

La diatermia, oltre a produrre gli effetti termici (endogeni) come per l’ipertermia, attraverso il flusso elettro-magnetico, indipendentemente dalla temperatura, consente alle cellule il rilascio di 2 sostanze come le endorfine ed il cortisolo.
Tutti noi sappiamo che le endorfine hanno un effetto antalgico, mentre il cortisolo è un ormone agisce come antinfiammatorio; l’azione di tutti questi elementi permetti quindi di togliere il dolore, sfiammare, eliminare i liquidi grazie al movimento molecolare, ossigenare i tessuti e rigenerarli.


;)

Allora, sfrutto i miei esperti :D io HO UN PROBLEMA ! da un mese e forse più...mi deve esser successo in palestra facendo gli adduttori (interno cosce) anche se non era la prima volta che li facevo ma forse ho caricato un po' di più...da allora mi fa male il nervo-tendine-muscolo che parte praticamente dall'inguine all'interno coscia, il fisioterapista mi ha soltanto detto di non far più gli adduttori e di tener fatto stretching allungando esternamente la gamba, ma non è più passato :( e anzi, mi fa male anche con altri movimenti, ad es. alzando la gamba non propriamente diritta o comunque quando meno me l'aspetterei...mi consigliate qualche esercizio, magari meglio scaldare invece che usar il ghiaccio? o di rivolgermi a un ortopedico o fisioterapista?

Grazie soci!

gomma2408 23-11-2011 10:28

Quote:

Originariamente inviato da laraa (Messaggio 36409056)
Allora, sfrutto i miei esperti :D io HO UN PROBLEMA ! da un mese e forse più...mi deve esser successo in palestra facendo gli adduttori (interno cosce) anche se non era la prima volta che li facevo ma forse ho caricato un po' di più...da allora mi fa male il nervo-tendine-muscolo che parte praticamente dall'inguine all'interno coscia, il fisioterapista mi ha soltanto detto di non far più gli adduttori e di tener fatto stretching allungando esternamente la gamba, ma non è più passato :( e anzi, mi fa male anche con altri movimenti, ad es. alzando la gamba non propriamente diritta o comunque quando meno me l'aspetterei...mi consigliate qualche esercizio, magari meglio scaldare invece che usar il ghiaccio? o di rivolgermi a un ortopedico o fisioterapista?

Grazie soci!

è difficile da far passare perchè è una fascia muscolare che nel movimento lavora di continuo, e non si riesce a farla riposare anche se non si fanno esercizi.
Io farei solo leggerissimo allungamento, e cercare di non fare sforzi prolungati (tipo andare in bici). Se è sulla coscia, si potrebbe applicare anche un cerotto riscaldante (NON medicinale... parlo solo di dispositivi automedicali senza bisogno di ricetta e inoltre NON medicina, non si sa se si può essere allergici o meno e sopratutto per ste cose serve il medico...).
Potrebbe essere benissimo uno stiramentino da affaticamento....;)

gomma2408 23-11-2011 10:29

Quote:

Originariamente inviato da alex642002 (Messaggio 36406933)
Grazie per il ripasso di Fisica II ;)

:D :D :D :sofico: :sofico: :sofico:

gomma2408 23-11-2011 10:35

Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 36405002)
caro, scusa, ogni tanto mi perdo, questo èm il ginocchio SANO o quello OPERATO? :mbe:

ma hai prenotato una visita dallortopedico?

eh, sì che ti perdi..... me l'avevi già fatta questa domanda!!!! :sofico: :D :D :D

Intanto per punizione :D puoi andare a rileggere il mio post n° 6639 a pag 332 e il 6766 a pag 339.... ;)

Comunque sì, è la gamba SANA che adesso mi dà fastidio, e propio non mi hai seguito se non ti ricordi che sono andato dal mio ortopedico.... che mi ha cazziato 8se si può dire) per bene!!! (infatti vi ho tediato un po' tutti con questi miei problemi... era un periodo che eri più assente però! ;) )

ciaoooooooo

P.S.: aggiornamento:

oggi dopo il ghiaccio di ieri sera, notevole miglioramento, il tendine appena fa uno sforzo superiore a quello che sopporta, provoca un vasto gonfiore alla borsa sovrarotulea.... e parte gonfiando il tendine al margine più esterno all'attaccatura della rotula. Come fare per far guarire quella parte li??? :confused:
Se osservo il riposo, non va bene, perchè perde elasticità e dopo basta molto meno per farlo gonfiare, se ci lavoro si affatica e gonfia lo stesso....
ma ......:mad: :mad: :mad: :mad: :muro: :muro: :muro:

laraa 23-11-2011 16:14

Quote:

Originariamente inviato da gomma2408 (Messaggio 36409813)
eh, sì che ti perdi..... me l'avevi già fatta questa domanda!!!! :sofico: :D :D :D

Intanto per punizione :D puoi andare a rileggere il mio post n° 6639 a pag 332 e il 6766 a pag 339.... ;)

Comunque sì, è la gamba SANA che adesso mi dà fastidio, e propio non mi hai seguito se non ti ricordi che sono andato dal mio ortopedico.... che mi ha cazziato 8se si può dire) per bene!!! (infatti vi ho tediato un po' tutti con questi miei problemi... era un periodo che eri più assente però! ;) )

ciaoooooooo

P.S.: aggiornamento:

oggi dopo il ghiaccio di ieri sera, notevole miglioramento, il tendine appena fa uno sforzo superiore a quello che sopporta, provoca un vasto gonfiore alla borsa sovrarotulea.... e parte gonfiando il tendine al margine più esterno all'attaccatura della rotula. Come fare per far guarire quella parte li??? :confused:
Se osservo il riposo, non va bene, perchè perde elasticità e dopo basta molto meno per farlo gonfiare, se ci lavoro si affatica e gonfia lo stesso....
ma ......:mad: :mad: :mad: :mad: :muro: :muro: :muro:

ehe devi riuscir a trovare la giusta VIA DI MEZZO...procurati un navigatore superaggiornato !!!:p

Fede 23-11-2011 16:49

Scusate la luunga latitanza, ma tra una cosa e l'altra non ho mai avuto tempo da dedicare ad un aggiornamento della mia singolare situazione.
Mi auguro che per tutti voi la strada sia in discesa, e che non ci siano casi analoghi al mio...
Inanzitutto non vorrei che i "compagni crociati" neo arrivati si mettessero le mani nei capelli, perchè, indubbiamente, appartengo a quella minoranza davvero ristretta di coloro ai quali "qualcosa è andato storto".
Piccola premessa: non ho rotto solo un legamento: ho fatto una bella marmellata tra crociato/menischi/piatto tibiale/collaterale e condili femorali.
Ad oggi, a sette mesi dall' intervento, non corro, non salto, non vado in bicicletta (come vorrei), ma quantomeno cammino benino.
Non vi sto ad elencare le innumerevoli risonanze, le elettromiografie...
Per tagliare corto e' risultata, ma solo all' ennesima elettromiografia, una sofferenza del nervo femorale.
In breve mi ritrovo con un muscolo biafrano, e uno normale.
Fletto ed estendo attivamente (non con poco dolore, lo ammetto), ma non appena provo a mettere anche un solo kg sulla gamba, la situazione precipita, e il dolore diventa inibente per il corretto svolgimento dell' esercizio.
La cosa che più mi fa rabbia è che in passato ero arrivato ad affrontare la leg machine con ben 15 kg sulla gamba malata...
...poi, da un giorno all' altro, dopo aver fatto quei maledetti salti per il controllo la situazione è precipitata, rimanendo invariata, a meno di qualche piccolo miglioramento, sino a oggi.
Sono ormai due settimane che mi nutro quotidianamente di "GT" (ormai chiamo Gamba Tesa in questo modo amichevole), di tapis roulant, e di nuoto, e di miglioramenti netti manco l'ombra.
Che palle, in bocca a lupo a voi!!!!




Alla faccia di chi dopo 6 mesi si scorda l'intervento...

gambagigia 23-11-2011 20:42

:fiufiu: :fiufiu: :fiufiu:

Ciao belli!!!!
Ci sono, ci sono.... ;)
Nessun disastro ha toccato la mia zona.
Scusate ma ho avuto qualche problema famigliare che mi ha un pò distratta...in realtà un giretto ogni tanto l'ho fatto, ma solo per dare una sbirciatina...:cool:

Accidenti Gomma, non so se mi sono persa qualcosa ma come è venuto fuori st'acciacco nuovo? Solo con la palestra?:(

Laraa, non so se ho ben localizzato il dolore di cui parli: dall'inguine all'interno coscia non capisco bene cosa potrebbe essere...a parte un fascio muscolare lì non c'è altro.Credo. Grazie per esserti preoccupata di me....:friend:

Un saluto a Fede, per quel che mi riguarda nuovo "compagno" ;)

Gli aggiornamenti circa il mio ginocchio non sono felicissimi...allo scadere del sesto mese dall'operazione, ovvero quando in teoria avrei potuto fare tutto
("Tra sei mesi potrai fare tutto ciò che facevi prima"), ho provato a tirare le somme: i miglioramenti ci sono stati, soprattutto negli ultimi due mesi, ma io ancora sento di camminare in maniera non simmetrica, corro zoppicando sul tapis roulant, sento i muscoli della gamba operata fortemente deficitari.
Ho corso due volte per strada: in discesa non se ne parla, nemmeno in leggera discesa: fa malissimo il polpaccio, tanto da zoppicare ed essere costretta a camminare, in salita nessun problema, in pianura tutto ok....alla sera e alla notte però son dolori...Non gonfia non si scalda ma fa male tutto il comparto muscolare distale della coscia sia anteriore che posteriore-non è acido lattico, quello lo conosco bene-
Si aggiunga che l'istruttore della palestra dove vado non mi ha ancora fatto la scheda...e io sto andando un pò a braccia....ma non vuol dire che faccia le cose correttamente.
Così mi sono decisa ad andare da un medico di medicina sportiva, uno molto noto nell'ambiente podistico che scriveva (o scrive, boh) su alcune riviste specializzate...insomma uno affidabile....e pensavo che questa visita sarebbe servita a tranquillizzarmi, che mi dicesse che era tutto a posto che dovevo avere pazienza lavorare con calma etc
Invece mi ha richiesto una rmn di controllo ipotizzando un problema al menisco laterale cui sarebbero legati tutti i miei dolori, ha parlato di iniezioni di acido ialuronico, mi ha detto di buttare via il tapis roulant che per i recuperi non va bene, di fare la pressa bipodalica e non monopodalica ("Non avere fretta, tanto ci vogliono almeno altri sei mesi perchè tu recuperi la forma), di pedalare e nuotare. In attesa della risonanza sospendere le corse su strada.

:muro: :muro: :eek:


Tanti baci, crociati.

alex642002 23-11-2011 21:37

Quote:

Originariamente inviato da gambagigia (Messaggio 36414457)
:fiufiu: :fiufiu: :fiufiu:

Ciao belli!!!!
Ci sono, ci sono.... ;)
Nessun disastro ha toccato la mia zona.
Scusate ma ho avuto qualche problema famigliare che mi ha un pò distratta...in realtà un giretto ogni tanto l'ho fatto, ma solo per dare una sbirciatina...:cool:

Accidenti Gomma, non so se mi sono persa qualcosa ma come è venuto fuori st'acciacco nuovo? Solo con la palestra?:(

Laraa, non so se ho ben localizzato il dolore di cui parli: dall'inguine all'interno coscia non capisco bene cosa potrebbe essere...a parte un fascio muscolare lì non c'è altro.Credo. Grazie per esserti preoccupata di me....:friend:

Un saluto a Fede, per quel che mi riguarda nuovo "compagno" ;)

Gli aggiornamenti circa il mio ginocchio non sono felicissimi...allo scadere del sesto mese dall'operazione, ovvero quando in teoria avrei potuto fare tutto
("Tra sei mesi potrai fare tutto ciò che facevi prima"), ho provato a tirare le somme: i miglioramenti ci sono stati, soprattutto negli ultimi due mesi, ma io ancora sento di camminare in maniera non simmetrica, corro zoppicando sul tapis roulant, sento i muscoli della gamba operata fortemente deficitari.
Ho corso due volte per strada: in discesa non se ne parla, nemmeno in leggera discesa: fa malissimo il polpaccio, tanto da zoppicare ed essere costretta a camminare, in salita nessun problema, in pianura tutto ok....alla sera e alla notte però son dolori...Non gonfia non si scalda ma fa male tutto il comparto muscolare distale della coscia sia anteriore che posteriore-non è acido lattico, quello lo conosco bene-
Si aggiunga che l'istruttore della palestra dove vado non mi ha ancora fatto la scheda...e io sto andando un pò a braccia....ma non vuol dire che faccia le cose correttamente.
Così mi sono decisa ad andare da un medico di medicina sportiva, uno molto noto nell'ambiente podistico che scriveva (o scrive, boh) su alcune riviste specializzate...insomma uno affidabile....e pensavo che questa visita sarebbe servita a tranquillizzarmi, che mi dicesse che era tutto a posto che dovevo avere pazienza lavorare con calma etc
Invece mi ha richiesto una rmn di controllo ipotizzando un problema al menisco laterale cui sarebbero legati tutti i miei dolori, ha parlato di iniezioni di acido ialuronico, mi ha detto di buttare via il tapis roulant che per i recuperi non va bene, di fare la pressa bipodalica e non monopodalica ("Non avere fretta, tanto ci vogliono almeno altri sei mesi perchè tu recuperi la forma), di pedalare e nuotare. In attesa della risonanza sospendere le corse su strada.

:muro: :muro: :eek:


Tanti baci, crociati.

Bentornata,Gigia.Mi/ci sei mancata :) Spero tutto bene in famiglia.Mi dispiace per questi problemi che hai ora.:(

Fede 23-11-2011 22:25

Quote:

Originariamente inviato da gambagigia (Messaggio 36414457)
Gli aggiornamenti circa il mio ginocchio non sono felicissimi....

Piacere di conoscerti, gambagigia...
Ma porca miseria: sto tale e quale a te, e di mesi ne sono passati 7!!!
Forse un pochettino peggio,ma e' una magra consolazione!
Che dirti...
in bocca al lupo

Stefano Landau 23-11-2011 23:24

Quote:

Originariamente inviato da gomma2408 (Messaggio 36409813)
eh, sì che ti perdi..... me l'avevi già fatta questa domanda!!!! :sofico: :D :D :D

Intanto per punizione :D puoi andare a rileggere il mio post n° 6639 a pag 332 e il 6766 a pag 339.... ;)

Comunque sì, è la gamba SANA che adesso mi dà fastidio, e propio non mi hai seguito se non ti ricordi che sono andato dal mio ortopedico.... che mi ha cazziato 8se si può dire) per bene!!! (infatti vi ho tediato un po' tutti con questi miei problemi... era un periodo che eri più assente però! ;) )

ciaoooooooo

P.S.: aggiornamento:

oggi dopo il ghiaccio di ieri sera, notevole miglioramento, il tendine appena fa uno sforzo superiore a quello che sopporta, provoca un vasto gonfiore alla borsa sovrarotulea.... e parte gonfiando il tendine al margine più esterno all'attaccatura della rotula. Come fare per far guarire quella parte li??? :confused:
Se osservo il riposo, non va bene, perchè perde elasticità e dopo basta molto meno per farlo gonfiare, se ci lavoro si affatica e gonfia lo stesso....
ma ......:mad: :mad: :mad: :mad: :muro: :muro: :muro:

Ho paura che dovrai fare un po' l'equilibrista...... trovare una via di mezzo che non ti affatichi troppo ma non puoi nemmeno stare fermo.
E' quello che era successo a me con il rotuleo quando ho iniziato a correre. Appena ha iniziato a farmi male mi hanno fatto fare l'ellittica per 10 giorni....... Forza! dopo tutto quello che hai passato questa dovrebbe essere una "passeggiata"!


Un grosso in bocca al lupo anche a fede e a gambagigia.

Tenete presente che l'ortopedico dice che dopo 6 mesi si può lentamente tornare a fare quello che si faceva prima.
Io con una semplice rottura del crociato anteriore destro a 5 mesi dall'operazione ho fatto qualche semplice camminata in montagna (non più di 400-500 metri di discesa con le racchette da trekking) e a 7 mesi quando ho fatto il tour della Giordania il ginocchio quando camminavo troppe ore mi dava ancora fastidio.
Questo partendo da una buona base muscolare (per la ginnastica fatta prima dell'intervento) e con un ginocchio molto poco coinvolto dall'incidente. Quindi in condizioni Ideali
Quindi non scoraggiatevi e lavorate. I miglioramenti arriveranno anche per voi. Magari un po' più lentamente.

Più realisticamente nella mia situazione (quindi con la sola rottura del LCA) i mesi dopo i quali uno torna a poter fare tutto (ma con calma e senza esagerare).....sono 9 o 10.
Poi con l'impegno si può anche arrivare ad essere meglio di prima (se come nel mio caso prima si era troppo sedentari.......)

gambagigia 24-11-2011 07:16

Quote:

Originariamente inviato da Fede (Messaggio 36415068)
Piacere di conoscerti, gambagigia...
Ma porca miseria: sto tale e quale a te, e di mesi ne sono passati 7!!!
Forse un pochettino peggio,ma e' una magra consolazione!
Che dirti...
in bocca al lupo

Ciao Fede!
La differenza tra me e te sembra essere solo il punto di partenza: il mio ginocchio confrontato con il tuo era sano....!!!!
Io avevo una lesione parziale dell'LCA che hanno ricostruito e una lesione del menisco laterale che la rmn non segnalava e di cui si sono accorti durante l'artroscopia.
E io che pensavo di essere in forma per la stagione sciistica....non riesco nemmeno a correre, altro che.
Tra l'altro mi sta uscendo un fastidio sempre più insistente all'anca sn (lato operato)....si vede che camminare storta per dei mesi porta sconquassi anche lì...oltre che sconquassare là dove non batte il sole....;)

Saluti a tutti.

alex642002 24-11-2011 07:57

Quote:

Originariamente inviato da Fede (Messaggio 36415068)
Piacere di conoscerti, gambagigia...
Ma porca miseria: sto tale e quale a te, e di mesi ne sono passati 7!!!
Forse un pochettino peggio,ma e' una magra consolazione!
Che dirti...
in bocca al lupo

Sì,ma tu non hai idea di quello che riesce a fare lei però:D

alex642002 24-11-2011 08:00

Quote:

Originariamente inviato da gambagigia (Messaggio 36415828)
Tra l'altro mi sta uscendo un fastidio sempre più insistente all'anca sn (lato operato)....si vede che camminare storta per dei mesi porta sconquassi anche lì...oltre che sconquassare là dove non batte il sole....;)

Saluti a tutti.

Occhio all'anca Gigia!:eek: Lì sono veramente guai seri,e tu lo sai sicuramente meglio di me..stacci attenta:)

gomma2408 24-11-2011 08:53

Quote:

Originariamente inviato da alex642002 (Messaggio 36415999)
Occhio all'anca Gigia!:eek: Lì sono veramente guai seri,e tu lo sai sicuramente meglio di me..stacci attenta:)

concordo in pieno... un problema all'anca proprio è da evitare, anche se solo da sbagliata postura (e non da trauma) può dare altri fastidi importanti!

@gambagigia: grazie del conforto, ma il mio problema alla gamba sana non è derivato da "sola" palestra, :rolleyes: ma anzi dopo un periodo di riposo!

Avevo avuto qualche fastidio piccolo giocando a fine stagione, ma non mi impediva di giocare e recuperare per l'allenamento successivo (do norma dopo due giorni....) finita la stagione, e passato oltre un mese in cui non ho fatto nè palestra ne' altro, come sono andato a saltare un pochettino (niente di che rispetto alle partite che facevo o agli allenamenti) è venuto fuori questo problema, che se fosse stato alla gamba operata avrei dato colpa all'interruzione di allenamento, mentre invece è a quella sana, e quella operata va benissimo (pur con i doloretti sporadici vari)

E rispondendo a Stefano landau mi viene da considerare che l'equilibrista lo sto già facendo da giugno/luglio, da quando è venuto fuori il problema: inizio la fisio in palestra, va tutto bene, come incomincio a fare qualcosa di più tipo accennare a saltare o usare la macchina isocinetica il gin gonfia e ricomincio da zero!!!! :mad: :muro:
Ed il fatto è che questio esercizi li faccio veramente come niente fosse, solo che il giorno dopo mi gonfia il ginocchio e fa malee per altri 10gg non cammino! :muro:
Sto aspettando che torni il mio fisioterapista perchè mi dia ulteriori indicazioni e mi faccia la tecarterapia (diatermia)......:muro:

gomma2408 24-11-2011 10:17

@ Gambagigia,

tanto per ricordare io dopo 6 mesi di fisio intensa (primi 4 mesi a casa dal lavoro esercizi la mattina e la sera 4 ore al centro minimo) al test avevo ancora un deficit del 36% nella forza massimale.
Invece di demoralizzarmi (oddio, ho avuto un primo momento un po' di dubbio...) ho continuato e dopo altri 3 mesi al test ho fatto lo 0% di deficit;)
Quindi i sei mesi sono una statistica, e anche se si è molto sportivi non è detto si ritorni in quel tempo ai livelli precedenti, ma occorre perseverare....
Un programma però lo devi avere, i test alla macchina isocinetica servono, al di là delle sensazioni, per evidenziare strumentalmente dove e come è situata la carenza muscolare... (flessori/estensori, una debolezza al quadricipite può essere dovuta a un eccessivo lavoro ai flessori, e non a una carenza del muscolo, la cosa e gli esercizi per recuperare sarebbero un po' diversi, oppure puoi avere nessun deficit di forza da 30-0 gradi e invece averlo fra 30-60 gradi di flessione, ecc.....) e "mirare" il lavoro di conseguenza. ;)
Guarda me, facendo solo potenziamento senza andare a mirare il nocciolo del problema, neanche la gamba sana mi guarisce...... figuriamoci una gamba operata! :rolleyes:

The Gold Bug 24-11-2011 10:47

Buongiorno a tutti, ci sono anche io tra quelli che dopo sei mesi il ginocchio non va, nche per colpa mia che ho fatto poco e niente negli ultimi tempi.
Dovrei andare al controllo dei sei mesi ma ho paura che mi dica che mi devo rioperare :( Sono pieno di dolori e faccio fatica a camminare, ci sono dei giorni in cui riesco a estendere meglio la gamba e a camminare meglio, ma improvvisamente mi vengono delle fitte ai lati del ginocchio, sia internamente che esternamente........ tendiniti menischi infiammazioni nervi muscoli ...ci ho rinunciato a capire che caxxo c'ha sto ginocchio, tanto ho idea che non lo saprò mai :cry:

gomma2408 24-11-2011 11:01

Quote:

Originariamente inviato da The Gold Bug (Messaggio 36417112)
Buongiorno a tutti, ci sono anche io tra quelli che dopo sei mesi il ginocchio non va, nche per colpa mia che ho fatto poco e niente negli ultimi tempi.
Dovrei andare al controllo dei sei mesi ma ho paura che mi dica che mi devo rioperare :( Sono pieno di dolori e faccio fatica a camminare, ci sono dei giorni in cui riesco a estendere meglio la gamba e a camminare meglio, ma improvvisamente mi vengono delle fitte ai lati del ginocchio, sia internamente che esternamente........ tendiniti menischi infiammazioni nervi muscoli ...ci ho rinunciato a capire che caxxo c'ha sto ginocchio, tanto ho idea che non lo saprò mai :cry:

si riesce a stare discretamente bene (e alle volte non basta, vedi me e gambagigia... o anche laraa... sono già tre esempi qui sul forum, su una decina di utenti "attivi" sono un buon 30%) dopo sei mesi di riabilitazione SOLO SE per questi sei mesi si è COSTANTI e anche con doloretti vari non ci si arrende e non ci si ferma praticamente MAI, come hanno fatto oltre a me sia gambagigia che laraa.... e nonostante tutto abbiamo o abbiamo avuto i nostri problemini lo stesso. Io li ho passati (per lo meno al gin operato) ma perchè operato ormai nel lontano 2008.
Se nei sei mesi non sei stato costante, è come se tu avessi fatto il 30% del lavoro che avresti dovuto.... nonostante sia passato del tempo, purtroppo era quasi inevitabile non aver problemi di alcun genere...:muro:
ALMENO tre mesi di fila costanti, il che non vuol dire di fisioterapia tutti i giorni, ma COSTANZA appunto, anche tre volte a settimana, per pochissime ore, ma SENZA INTERROMPERE mai, (a meno di problemi che non portino il medico a darti lui lo STOP) vanno fatti, altrimenti la fisio serve a ben poco, e i problemi rimangono purtroppo

gambagigia 24-11-2011 12:55

:doh:
Lo so, Gomma, che un programma è necessario ma che cosa devo fare, minacciare l'istruttore?
Per di più mi è capitato di sentirgli dire un paio di boiate solenni...e dunque ora la fiducia è in picchiata. Speravo che Migliorini mi desse dritte pratiche, e lo ha fatto. Ultimamente stavo seguendo i tuoi consigli circa il numero di serie e ripetizioni (in sostanza doppie sulla gamba malata) ma in realtà non vedo grossi miglioramenti di forza. Due mesi fa spingevo alla pressa 50kg con difficoltà (la gamba tremava e andava a scatti) ora li spingo in scioltezza, d'accordo, ma non mi sembra un grande traguardo....e tra l'altro la fatica si fa sentire in modo diverso rispetto al normale: non ci sono i classici dolori muscolari da lavoro, ma piuttosto, molto semplicemente, si spegne. Alla pressa non arriva il momento in cui mi devo fermare perchè i muscoli urlano (normale) ma mi fermo perchè perchè non c'è più forza, stop, la gamba gigia non spinge più. Fine della forza. BOH.

Tornando all'istruttore gli farò vedere il foglio scritto dal medico, peccato che però che io non mi senta seguita in modo adeguato: mi sono fatta l'idea che sia un pò un banfone e parli un pò a sproposito....

Caro Alex...l'unica cosa che posso fare per preservare l'anca è al momento non correre e dunque non caricarla. Spero che sti strani rumori passino, ma francamente comincio ad avere dei dubbi.

Ho anche valutato l'idea di cambiare approccio psicologico.
Voglio dire: basta col pensare "Ma quand'è che riuscirò a correre?"
Non pensarci più, decidere che tanto è inverno e fa freddo e si correrà in primavera. Nel frattempo darmi ad attività ben tollerate,magari un bel corso di nuoto (a proposito oggi 100 vasche...:winner: ), in questo modo riproverò tra tre mesi senza torturarmi....
Stessa cosa vale per lo sci, attività che mi pare poco ipotizzabile nell'inverno entrante. Basta stressarmi circa quando potrò fare la prima gita...decidere che quest'anno non si scia.
E l'anno prossimo la musica, se proprio la sfiga non mi perseguita, dovrebbe essere diversa.
Tra l'altro, prendetemi pure per scema, ma io mi sto proprio un pò stressando. Sabato scorso in palestra dopo 5 minuti di zoppicamento sul tapis mi è salito un magone ingestibile, ho spento tutto e me ne sono andata a frignare sotto la doccia. Lo so che sembro una stupida ragazzina, però è così: vedere il corpo che non segue la testa....mi fa fare fatica.
Ha sempre ubbidito, il mio corpo e ora cosa fa? Si ribella?!?:nera:

...eh, già, avete ragione...quanta fragilità....;)

gomma2408 24-11-2011 14:03

tutto condivisibile cara gambagigia....;) come non quotarti su queste sensazioni..... ti capisco.... io poi :D vedo che oltre alla testa, anche la gamba oeprata mi verrebbe dietro.... e quella sana che fa? crolla lei!!!! senza traumi (capirei avessi avuto che so, una distorisione, un pur piccolo stiramentino....) per di più!
Capisco quindi il tuo sconforto nel vedere che non riesci dove vorresti... però, se due mesi fa 50kg li facevi tremando e con fatica, vuol dire che il tuo peso era di 35-40kg, e se adesso li fai in scioltezza, allora vuol dire che sei almeno a 60kg.... Le serie andrebbero strutturate (e qui ecco l'importanza sul fatto che ti diano un "programmino", anche a parità di esercizi e di macchine, ma anche solo su un'idea di come "progredire" senza far danni...) in modo che fai un tot di ripetizioni eseguendo il gesto perfettamente , anche se con fatica, ma che non riusciresti a fare due ripetizioni in più di quelle della serie.....
Cioè sicuramente sono cose che sai, però lo ripeto anche per altri che non hanno mai fatto palestra e fanno sedute un po' da "autodidatti":
se con 50kg fai serie da 10 ripetizioni (cioè "alzate" con la pressa..) in scioltezza, e vuol dire che arriveresti senza problemi anche a 15, vuol dire che devi alzare un poco il peso, tipo a 55kg, fino a un peso in cui fai BENE 10ripetizioni ma all'undicesima già non la faresti più così bene.
Se viceversa NON riesci a fare 10 ripetizioni bene, allora vuol dire che i kg dovrebbero essere 45, o meno finchè non riesci a farne bene 10.

Questo vale in genere,ma NON sempre si fanno 10 rip a serie.... si inizia di solito con 15 per poi scendere, fino a 8 (e quindi a parità di lavoro fatto dalla gamba ogni volta si riesce ad alzare più kg facendo meno ripetizioni) in questo modo perchè con 15 alleni di più la resistenza, e con 8 o 6 la FORZA, che COINVOLGONO FIBRE MUSCOLARI DIFFERENTI e quindi differentemente vanno allenate!
POI si passa alle serie piramidali, dove fai 5 giri di macchine facendo le serie 12-10-8-6-10, o simili..... per allenare nella stessa seduta sia forza che resistenza... La palestra che va fatta è questa, è varia, non è da semplice incremento di massa muscolare (che non conta niente ai fini dell'attività che si vuol tornare a fare, anzi spesso è controproducente..... solo se si è in ipotono si ricerca la massa, ma si è proprio nei primissimi mesi)

Se la gamba gigia non risponde ad un certo punto più, vuol dire semplicemente che è stanca, ma non stanca perchè hai lavorato tanto, ma perchè ha una debolezza in qualche comparto che gli "toglie" potenza oltre un certo punto.
E' la medesima cosa che succede a me, anche se in condizioni diverse:
alle macchine arrivo dopo diverse sedute che tutto va bene e ai kg maxx che ho sempre fatto, poi se faccio qualcosa tipo saltare, anche senza stancarmi, la gamba a me gonfia , e poi NON Ha più assolutamente forza, anche se non ha dolori da stiramento, ecc.... e questo perchè è un problema tendineo. Se provassi a correre la gamba mi va proprio "giù", pur non avendo dolori particolari (se non quelli derivanti dalla mancanza di "sostegno " della gamba...)

Con lo stretching come va? bisogna essere molto più elastici di prima, magari te già lo eri, visto che corri e fai nuoto su nuoto.... a proposito, ma in 100 vasche la gamba non perde forza? te la trascini?

gambagigia 24-11-2011 15:58

Grazie al cielo nel nuoto le gambe hanno un'importanza relativa!!!!
Nel nuoto amatoriale, intendo...probabilmente la Pellegrini ha due cosce così, ma io mi posso permettere di nuotare senza stancare la gamba operata.

Pensa che domenica mattina ho corso 45 min tranquilla tranquilla (tanto più di quello la mia gamba non fa...un cambio di ritmo sarebbe impensabile, dorme come un ghiro....quando prende il ritmo và, ma la risposta brillante non fa parte delle sue caratteristiche in questo momento)....e nel pomeriggio ho nuotato poco più di un'ora, 80 vasche.:cool: :sofico:

Alla sera era stanca, la piccina...dolori muscolari di tutti i tipi...ma non ha gonfiato nè si è scaldata.

Per mia fortuna nuotare non mi affatica le gambe. Anche lì sento chiaramente una differenza di potenza e potenzialità, per esempio quando faccio le vasche di sole gambe con la tavoletta fatico ad andare dritta...e questo significa che una gamba spinge più dell'altra, ma anche che una è più abile dell'altra...è proprio il movimento che non i riesce simmetrico! Allora mi concentro e la cosa migliora...lasciatemi dire, però, che due maroni.....quando nuoto devo essere cocentrata, quando corro devo essere concentrata, quando cammino pure....e lo credo che poi esco di testa!!!!!:D :D

gambagigia 24-11-2011 16:18

[quote=gomma2408;36418708]tutto condivisibile cara gambagigia....;) come non quotarti su queste sensazioni..... ti capisco.... io poi :D vedo che oltre alla testa, anche la gamba oeprata mi verrebbe dietro.... e quella sana che fa? crolla lei!!!!



Drogati di endorfine.....:)
La carenza continua!!!!

alex642002 24-11-2011 20:14

Quote:

Originariamente inviato da gambagigia (Messaggio 36419607)
Grazie al cielo nel nuoto le gambe hanno un'importanza relativa!!!!
Nel nuoto amatoriale, intendo...probabilmente la Pellegrini ha due cosce così, ma io mi posso permettere di nuotare senza stancare la gamba operata.

Pensa che domenica mattina ho corso 45 min tranquilla tranquilla (tanto più di quello la mia gamba non fa...un cambio di ritmo sarebbe impensabile, dorme come un ghiro....quando prende il ritmo và, ma la risposta brillante non fa parte delle sue caratteristiche in questo momento)....e nel pomeriggio ho nuotato poco più di un'ora, 80 vasche.:cool: :sofico:

Alla sera era stanca, la piccina...dolori muscolari di tutti i tipi...ma non ha gonfiato nè si è scaldata.

Per mia fortuna nuotare non mi affatica le gambe. Anche lì sento chiaramente una differenza di potenza e potenzialità, per esempio quando faccio le vasche di sole gambe con la tavoletta fatico ad andare dritta...e questo significa che una gamba spinge più dell'altra, ma anche che una è più abile dell'altra...è proprio il movimento che non i riesce simmetrico! Allora mi concentro e la cosa migliora...lasciatemi dire, però, che due maroni.....quando nuoto devo essere cocentrata, quando corro devo essere concentrata, quando cammino pure....e lo credo che poi esco di testa!!!!!:D :D

Cioè praticamente fai il doppio di me:io faccio una trentina di vasche in tre quarti d'ora:sofico:

Stefano Landau 24-11-2011 21:38

Quote:

Originariamente inviato da gambagigia (Messaggio 36415828)
Ciao Fede!
La differenza tra me e te sembra essere solo il punto di partenza: il mio ginocchio confrontato con il tuo era sano....!!!!
Io avevo una lesione parziale dell'LCA che hanno ricostruito e una lesione del menisco laterale che la rmn non segnalava e di cui si sono accorti durante l'artroscopia.
E io che pensavo di essere in forma per la stagione sciistica....non riesco nemmeno a correre, altro che.
Tra l'altro mi sta uscendo un fastidio sempre più insistente all'anca sn (lato operato)....si vede che camminare storta per dei mesi porta sconquassi anche lì...oltre che sconquassare là dove non batte il sole....;)

Saluti a tutti.

Il fastidio all'anca della gamba operata è venuto anche a me. a 15 mesi dall'operazione. Correndo sono atterrato lungo scendendo dal marciapiedi e mi sono leggermente "Insaccato" proprio con la gamba operata. L'anca ne ha risentito un pochino solo che poi per almeno 6 mesi mi ha dato fastidio (soprattutto durante trek, in punti impegnativi, oppure dopo un'ora di spinning o quando andavo a correre). Ora è da un po' di tempo che va abbastanza bene e non si fa più sentire.......

gambagigia 25-11-2011 08:16

ieri sera ho avuto un pensiero, riguardo i miei dolorini che sono soprattutto notturni e ieri mi hanno di nuovo costretta ad un antinfiammatorio, altrimenti non c'era una posizione che mi permettesse di prendere sonno.
E se almeno una parte di questi dolori fosse di origine vascolare?
Questi dolori che mi prendono 5 minuti dopo essermi sdraiata hanno una caratteristica strana, sono molto diffusi e non localizzabili, ricordano un pò il dolore che viene dopo aver dormito in una posizione scomoda...è una specie di indolenzimento doloroso a tutta la coscia, a volte si estendono al polpaccio fino al piede. Non sono dolori lancinanti, per intendersi, però non mi permettono di dormire.
Finchè sono in attività in dolori sono altri, quando ci sono, più localizzabili...ma ci sono delle sere che quando mi sdraio divento matta.....
Cosa ne dite, son fregnacce?


Tutti gli orari sono GMT +1. Ora sono le: 03:57.

Powered by vBulletin® Version 3.6.4
Copyright ©2000 - 2024, Jelsoft Enterprises Ltd.
Hardware Upgrade S.r.l.