Hardware Upgrade Forum

Hardware Upgrade Forum (https://www.hwupgrade.it/forum/index.php)
-   Scienza e tecnica (https://www.hwupgrade.it/forum/forumdisplay.php?f=91)
-   -   Legamento crociato anteriore (https://www.hwupgrade.it/forum/showthread.php?t=498329)


gomma2408 21-01-2011 15:08

Quote:

Originariamente inviato da filippo881 (Messaggio 34244680)
Scusa mi sono spiegato male io e ho dimenticato di specificare che non sono ancora operato. Mi opero a Marzo e ora vorrei fare un mesetto di palestra per preparare il quadricipite all'intervento. Ma visto che in palestra c'è un'istruttore e non un fisioterapista penso che punterà solo a potenziare la gamba senza badare molto a conservare ciò che ancora ho di sano.

Per questo avrei bisogno di sapere che esercizi fare e con quali macchine e quali sforzi evitare.

Comunque grazie lo stesso, terrò presente gli esercizi di cui hai parlato per un buon recupero post intervento.

No, ti sei spiegato bene e penso che StefanoLandau ti stesse spiegando gli esercizi da fare anche prima dell'operazione, come l'isometria che è sempre utile per il benessere del ginocchio.... però finchè sei "fresco" di infortunio. L'isometria fa sempre bene, comunque man mano che te la senti (da subito, se riesci a farli senza grossi impedimenti) puoi fare esercizi alle macchine, leg-press, leg extension, soprattutto, che rinforzano il quadricipite "guidando comunque il movimento (la leg press, soprattutto, essendo a catena cinetica chiusa è adatta, io riuscivo a fare gli stessi pesi che poi riesco a fare ora) e quindi non rischiando niente a livello di cartilagini/menischi.
Logicamente devi aver più cura del tuo gin essendo instabile, ha bisogno che lo "ascolti" con attenzione......:D :D ;)

gomma2408 21-01-2011 15:11

aggiungo che con le macchine come ti ho detto se non vi è altro non danneggi niente, perchè la contrazione muscolare tiene il ginocchio già di per se'.
Sono i movimenti improvvisi senza che la muscolatura sia contratta che causa quei "movimenti" dell'articolazione dannosi per le cartilagini e/o i menischi.....;)

alex642002 21-01-2011 15:14

Quote:

Originariamente inviato da Stefano Landau (Messaggio 34244258)
Un esercizio buono è per esempio sdraiato supino (a Pancia in sù) piegare la gamba sana a 90 ° appoggiando quindi il piede in terra.
Sollevare la gamba "Infortunata" in modo da portare le due gambe parallele però in questo caso tenendo la gamba tesa il più possibile (magari tenendo anche il piede a martello).
Mantenere questa posizione 10 secondi e tornare giu.
Fare 3 serie da 10 ripetizioni.

Un variante è quella di aumentare i tempi di sospensione...... stessa posizione, si solleva la gamba e la si tiene su 60 secondi (se ci si riesce) e poi si torna giu. Anche qui è necessario fare un po' di ripetizioni.

Dato che è molto importante recuperare la distensione della gamba, prima di sollevare la gamba bisogna vedere di spingere in giu il ginocchio infortunato cercando ti raddrizzare la gamba al punto di toccare il pavimento con il retro del ginocchio. A quel punto, senza piegare la gamba la si solleva.

Questo è quello che facevo io (ed era anche un esercizio da fare dopo la fisioterapia)

Anch'io lo facevo!

Stefano Landau 21-01-2011 15:22

Quote:

Originariamente inviato da filippo881 (Messaggio 34244680)
Scusa mi sono spiegato male io e ho dimenticato di specificare che non sono ancora operato. Mi opero a Marzo e ora vorrei fare un mesetto di palestra per preparare il quadricipite all'intervento. Ma visto che in palestra c'è un'istruttore e non un fisioterapista penso che punterà solo a potenziare la gamba senza badare molto a conservare ciò che ancora ho di sano.

Per questo avrei bisogno di sapere che esercizi fare e con quali macchine e quali sforzi evitare.

Comunque grazie lo stesso, terrò presente gli esercizi di cui hai parlato per un buon recupero post intervento.

Avevo capito bene invece.......
Gli esercizi di cui ho parlato sono proprio esercizi che mi facevano fare prima dell'intervento ed anche dopo.

Per potenziare il quadricipite senza forzare il ginocchio l'isometria è perfetta. E va bene sia prima che dopo. Poi dopo l'intervento ci saranno anche altri esercizi da fare, tra cui uno come quello descritto.

Anche la Cyclette va bene. La corsa invece la eviterei perchè potrebbe provocare addirittura altre distorsioni causate da cedimenti improvvisi. Così come prima dell'operazione è necessaria una certa prudenza nel camminare in discesa oppure ne fare dei gradini in discesa, tutti casi in cui un ginocchio senza LCA potrebbe cedere, se non supportato da una muscolatura sufficentemente robusta.

EDIT:
Ho visto dopo i commenti degli altri....... Segui anche quanto ha scritto Gomma, che è il massimo esperto.
Il bello degli esercizi che ti ho spiegato che puoi farli tranquillamente a casa appena sveglio e prima di andare a dormire. 30-40 minuti fatti tutti i giorni fanno tantissimo. Specie se poi sono abbinati a 2 o 3 volte alla settimana di allenamento in palestra (seguendo i consigli di Gomma)

alex642002 21-01-2011 15:26

Quote:

Originariamente inviato da filippo881 (Messaggio 34244680)
Ma visto che in palestra c'è un'istruttore e non un fisioterapista penso che punterà solo a potenziare la gamba senza badare molto a conservare ciò che ancora ho di sano.

Per questo avrei bisogno di sapere che esercizi fare e con quali macchine e quali sforzi evitare.

E'semplice:vai in una palestra dove fanno anche fisioterapia :)

gomma2408 21-01-2011 15:41

Quote:

Originariamente inviato da Stefano Landau (Messaggio 34245024)
Avevo capito bene invece.......
Gli esercizi di cui ho parlato sono proprio esercizi che mi facevano fare prima dell'intervento ed anche dopo.

Per potenziare il quadricipite senza forzare il ginocchio l'isometria è perfetta. E va bene sia prima che dopo. Poi dopo l'intervento ci saranno anche altri esercizi da fare, tra cui uno come quello descritto.

Anche la Cyclette va bene. La corsa invece la eviterei perchè potrebbe provocare addirittura altre distorsioni causate da cedimenti improvvisi. Così come prima dell'operazione è necessaria una certa prudenza nel camminare in discesa oppure ne fare dei gradini in discesa, tutti casi in cui un ginocchio senza LCA potrebbe cedere, se non supportato da una muscolatura sufficentemente robusta.

EDIT:
Ho visto dopo i commenti degli altri....... Segui anche quanto ha scritto Gomma, che è il massimo esperto.
Il bello degli esercizi che ti ho spiegato che puoi farli tranquillamente a casa appena sveglio e prima di andare a dormire. 30-40 minuti fatti tutti i giorni fanno tantissimo. Specie se poi sono abbinati a 2 o 3 volte alla settimana di allenamento in palestra (seguendo i consigli di Gomma)


Dài, ora va a finire mi fate arrossire....:rolleyes: con tutti questi complimenti! non li merito... ho contribuito come tutti voi del resto, con la mia esperienza.....;)
Infatti è tutto giusto anche quello che hai detto te, importante ritrovare la massima estensione (per la flessione max invece importa meno, perchè l'articolazione potrebbe avere dei problemi ai menischi alla max flessione.... ed è meglio provare ma non forzare a tutti i costi....) ed evitare la corsa se si sente instabilità. Alcuni correvano senza problemi, ma devi poter correre in sicurezza, ovvero non avere problemi di instabilità al semplice correre... altrimenti il minimo che si rischia è una non corretta postura e quindi altri dolorini... (o microdistorsioni).

Le macchine invece le puoi fare perchè guidano il movimento, non è necessario partire chissà con quanti kg , si può iniziare la leg extension con 5kg e poi vedere... se si riescono a fare le serie previste con tranquillità, si alza di un kg alla volta e si vede.... così alla leg press (con pesi ddiversi ovviamente...)
Anche perchè è importante fare con meno kg ma in modalità monopodalica (una gamba alla volta, tipo tre serie gamba rotta - gamba sana - gamba rotta, in modo che alleni di più quella che ha bisogno senza trascurare del tutto quella sana) perchè con entrambe le gambe si rischia anche inconsciamente di usare sempre di più quella "buona", e quella da allenare si allena ben poco.....:D

:read:

filippo881 21-01-2011 16:16

Quote:

Originariamente inviato da gomma2408 (Messaggio 34245225)
Dài, ora va a finire mi fate arrossire....:rolleyes: con tutti questi complimenti! non li merito... ho contribuito come tutti voi del resto, con la mia esperienza.....;)
Infatti è tutto giusto anche quello che hai detto te, importante ritrovare la massima estensione (per la flessione max invece importa meno, perchè l'articolazione potrebbe avere dei problemi ai menischi alla max flessione.... ed è meglio provare ma non forzare a tutti i costi....) ed evitare la corsa se si sente instabilità. Alcuni correvano senza problemi, ma devi poter correre in sicurezza, ovvero non avere problemi di instabilità al semplice correre... altrimenti il minimo che si rischia è una non corretta postura e quindi altri dolorini... (o microdistorsioni).

Le macchine invece le puoi fare perchè guidano il movimento, non è necessario partire chissà con quanti kg , si può iniziare la leg extension con 5kg e poi vedere... se si riescono a fare le serie previste con tranquillità, si alza di un kg alla volta e si vede.... così alla leg press (con pesi ddiversi ovviamente...)
Anche perchè è importante fare con meno kg ma in modalità monopodalica (una gamba alla volta, tipo tre serie gamba rotta - gamba sana - gamba rotta, in modo che alleni di più quella che ha bisogno senza trascurare del tutto quella sana) perchè con entrambe le gambe si rischia anche inconsciamente di usare sempre di più quella "buona", e quella da allenare si allena ben poco.....:D

:read:

Ecco appunto:( Proprio negli ultimi giorni stavo forzando la flessione. Mi manca qualche grado quando sono accovacciato per toccare il tallone (si parla di 1-2 cm). Meglio che smetta e che lo tenga così?? Quando lo faccio sento dolore soprattutto sulla tibia e appena sotto la rotula.
L'estensione invece la sto un attimo trascurando: il livello è buono, quando sono in piedi riesco a fare il blocco indietro del ginocchio (scusate la spiegazione a spanne) anche se manca ancora qualche grado (l'ortopedico mi ha detto 5°) e faccio più fatica, rispetto alla flessione, a capire qual'è il limite che devo raggiungere. :help:

Mi scuso con Stefano, è che li ritenevo un po' leggeri per rinforzare il quadricipite. Ma hai ragione, possono essere molto utili. Quindi la settimana prossima andrò in palestra:
- sul materassino farò un po' di esercizi isometrici come quello descritto da Stefano e ne cercherò altri sul web
- poi passo alle macchine come leg press e leg extension per concentrarmi sulla potenza
- a fine allenamento posso fare dieci-venti minuti di cyclette senza forzare.

Sulla corsa sono d'accordo nell'evitarla!

Vi farò un monumento in piazza per la pazienza con cui mi state risolvendo questi dubbi! :ave:

Delfino81 21-01-2011 16:19

Quote:

Originariamente inviato da gomma2408 (Messaggio 34244820)
No, ti sei spiegato bene e penso che StefanoLandau ti stesse spiegando gli esercizi da fare anche prima dell'operazione, come l'isometria che è sempre utile per il benessere del ginocchio.... però finchè sei "fresco" di infortunio. L'isometria fa sempre bene, comunque man mano che te la senti (da subito, se riesci a farli senza grossi impedimenti) puoi fare esercizi alle macchine, leg-press, leg extension, soprattutto, che rinforzano il quadricipite "guidando comunque il movimento (la leg press, soprattutto, essendo a catena cinetica chiusa è adatta, io riuscivo a fare gli stessi pesi che poi riesco a fare ora) e quindi non rischiando niente a livello di cartilagini/menischi.
Logicamente devi aver più cura del tuo gin essendo instabile, ha bisogno che lo "ascolti" con attenzione......:D :D ;)

ma la leg extension nn faceeva male alle cartilagini?? :)

Stefano Landau 21-01-2011 16:48

Quote:

Originariamente inviato da filippo881 (Messaggio 34245574)
Ecco appunto:( Proprio negli ultimi giorni stavo forzando la flessione. Mi manca qualche grado quando sono accovacciato per toccare il tallone (si parla di 1-2 cm). Meglio che smetta e che lo tenga così?? Quando lo faccio sento dolore soprattutto sulla tibia e appena sotto la rotula.
L'estensione invece la sto un attimo trascurando: il livello è buono, quando sono in piedi riesco a fare il blocco indietro del ginocchio (scusate la spiegazione a spanne) anche se manca ancora qualche grado (l'ortopedico mi ha detto 5°) e faccio più fatica, rispetto alla flessione, a capire qual'è il limite che devo raggiungere. :help:

Mi scuso con Stefano, è che li ritenevo un po' leggeri per rinforzare il quadricipite. Ma hai ragione, possono essere molto utili. Quindi la settimana prossima andrò in palestra:
- sul materassino farò un po' di esercizi isometrici come quello descritto da Stefano e ne cercherò altri sul web
- poi passo alle macchine come leg press e leg extension per concentrarmi sulla potenza
- a fine allenamento posso fare dieci-venti minuti di cyclette senza forzare.

Sulla corsa sono d'accordo nell'evitarla!

Vi farò un monumento in piazza per la pazienza con cui mi state risolvendo questi dubbi! :ave:

Dopo l'operazione quegli stessi esercizi li facevo con pesi crescenti appesi alla caviglia.
Poi solo sollevare la gamba è leggero, ma tenerla in sospensione per un intero minuto, per di più per un po' di ripetizioni ....... quello ti garantisco che non è poi così leggero.
Poi nel mio caso mi ero rotto il legamento il 31 dicembre e quegli esercizi ho iniziato a farli a febbraio, quindi dopo aver perso un bel po' di muscolatura.

Sulla flessione....... direi che quello sarà un obiettivo da perseguire dopo l'operazione.
Prima mi concentrerei sopratutto sull'estensione. (comunque molto importante anche dopo l'operazione)
L'ideale e se seduto per terra tenti di raddrizzare la gamba forzando il ginocchio a scendere il più possibile, fino, idealmente, a toccare con il retro del ginocchio il pavimento.
Anche camminando bisogna non aver paura a distendere bene la gamba per non andare incontro a problemi posturali (quello che stava capitando a me)
Un mese e mezzo dopo l'infotunio zoppicavo ancora perchè tendevo a camminare con la gamba infortunata leggermente piegata.
Dopo che l'ortopedico mi ha detto che dovevo camminare distendendo bene la gamba, sono uscito dal suo studio che non zoppicavo più.

Quindi nel giro di mezz'ora ho smesso di zoppicare.
Era solo un problema "Psicologico". Tenendo la gamba un po' piegata, o meglio, non raddrizzandola completamente, si ha l'impressione di proteggere il ginocchio, in realtà è una cosa che non serve fare e che se non corretta può provocare altri problemi.

giovanni99 22-01-2011 15:21

Scusate l'assenza!!
 
Ciao sono mancato x un pò Di tempo, qualche impegno....
mi sembra Che prima Di sparire qualcuno mi avesse chiesto quante sedute Di palestra facevo prima dell'intervento e Che tipo Di esercizi.

In media da 3 mesi prima dell'intervento sono andato in Palestra 3-4 volte la settimana e 2 volte in piscina (2 ore Di nuoto a stile libero x week),
Gli esercizi sono I medesimi descritti nei post precedenti, pesi, isometria, macchine ad elastici, ciclette, ecc
In pratica ogni seduta, finalizzata allo sviluppo Della forza Di tutti I muscoli delle gambe, durava in media 2/2,30 ore, quindi un ciclo piuttosto intenso I cui carichi mi sono stati gestiti e incrementati dal preparatore atletico.
Come ho detto sono arrivato all'operazione in forma strepitosa e con dei dubbi se farla o meno,
però Alla fine è andata.
Dopo l'operazione ho iniziato dopo soli 4 giorni le vis e dopo 6 il lavoro in Palestra, I vantaggi del lavoro pre operatorio sono evidenti, anche se chiaramente nn ho iniziato subito con carichi importanti ma arrivandoci col tempo

filippo881 22-01-2011 16:52

Quote:

Originariamente inviato da giovanni99 (Messaggio 34253245)

In media da 3 mesi prima dell'intervento sono andato in Palestra 3-4 volte la settimana e 2 volte in piscina (2 ore Di nuoto a stile libero x week),
Gli esercizi sono I medesimi descritti nei post precedenti, pesi, isometria, macchine ad elastici, ciclette, ecc
In pratica ogni seduta, finalizzata allo sviluppo Della forza Di tutti I muscoli delle gambe, durava in media 2/2,30 ore, quindi un ciclo piuttosto intenso I cui carichi mi sono stati gestiti e incrementati dal preparatore atletico.

Grazie per la risposta, ero io a chiedertelo. Devo dire che sembra essere un allenenamento molto intenso. Alla piscina penso di rinunciare in partenza avendo problemi logistici e di volontà (l'ho sempre odiata, anche se consapevole della sua importanza). Per la parte della palestra proverò a ripetere il tuo lavoro anche se purtroppo avrò meno di 3 mesi (avessi scoperto prima questo forum :( ).

Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 34245594)
ma la leg extension nn faceeva male alle cartilagini?? :)

Ecco questo è anche il mio dubbio, soprattutto dopo aver trovato sul web articoli dove viene descritta come una macchina sfascia tutto.

Quote:

Originariamente inviato da Stefano Landau (Messaggio 34245903)
Sulla flessione....... direi che quello sarà un obiettivo da perseguire dopo l'operazione.
Prima mi concentrerei sopratutto sull'estensione. (comunque molto importante anche dopo l'operazione)
L'ideale e se seduto per terra tenti di raddrizzare la gamba forzando il ginocchio a scendere il più possibile, fino, idealmente, a toccare con il retro del ginocchio il pavimento.

Il retro del ginocchio tocca già il pavimento anche se sento che manca ancora qualcosina, in questi giorni ci sto lavorando! Grazie mille anche a te per tutte le info!

filippo881 22-01-2011 17:32



Ragazzi ho trovato questi esercizi isometrici che precisamente sono per curare la tendinite ma secondo me andrebbero bene anche al mio scopo. Insieme c'è anche la descrizione. Se invece avete altri siti o guide da consigliarmi, sono ben accette!

giovanni99 22-01-2011 22:35

La risposta da due chiacchere sul forum è;
Qual'è lo scopo? Se è la forza Secondo me possono andare bene x iniziare e "schiodarsi", poi serve del peso
1-4-5 da sx a dx e ultimi 2 sono da post trauma o post intervento
Adduttori e abduttori puoi caricare in quanto ininfluenti sul ginocchio.
Però è difficile esprimere un'opinione senza conoscerti e conoscere la tua condizione fisica, gli esercizi possono essere tutti validi, dipende molto dalla riposta del tuo fisico, se ti conosci bene per autogestirti o meno.
Io ho una discreta conoscenza delle risposte del mio eppure ho preferito interagire con un centro specializzato, dando cmq indication sulle mie sensazioni Di riposta Agli esercizi, perchè penso Che il particolare sia importante e non voglio lasciare nulla al caso, ho voluto insomma condividere le responsabilità Di quello Che sarebbe successo poi con persone Che lo fanno Di mestiere e Che Di ginocchia come e peggio delle mie ne vedono tutti I giorni.
Per cui la risposta da persona coscienzosa è Che il tuo ginocchio è troppo importante per basare il lavoro Che è meglio fare sulle nostre indicazioni, cioè quello Che voglio dire è Che Secondo me qui trovi tante Informazioni e esperienze (e conoscenze per carità) Che ti possono essere utili ma poi non ci baserei se fossi in Te un programma personalizzato, per quello mi rivolgerei a qualcuno (con le palle) Che lo fa Di mestiere.
Opinione personale cmq

Stefano Landau 23-01-2011 00:22

Quote:

Originariamente inviato da giovanni99 (Messaggio 34256416)
La risposta da due chiacchere sul forum è;
Qual'è lo scopo? Se è la forza Secondo me possono andare bene x iniziare e "schiodarsi", poi serve del peso
1-4-5 da sx a dx e ultimi 2 sono da post trauma o post intervento
Adduttori e abduttori puoi caricare in quanto ininfluenti sul ginocchio.
Però è difficile esprimere un'opinione senza conoscerti e conoscere la tua condizione fisica, gli esercizi possono essere tutti validi, dipende molto dalla riposta del tuo fisico, se ti conosci bene per autogestirti o meno.
Io ho una discreta conoscenza delle risposte del mio eppure ho preferito interagire con un centro specializzato, dando cmq indication sulle mie sensazioni Di riposta Agli esercizi, perchè penso Che il particolare sia importante e non voglio lasciare nulla al caso, ho voluto insomma condividere le responsabilità Di quello Che sarebbe successo poi con persone Che lo fanno Di mestiere e Che Di ginocchia come e peggio delle mie ne vedono tutti I giorni.
Per cui la risposta da persona coscienzosa è Che il tuo ginocchio è troppo importante per basare il lavoro Che è meglio fare sulle nostre indicazioni, cioè quello Che voglio dire è Che Secondo me qui trovi tante Informazioni e esperienze (e conoscenze per carità) Che ti possono essere utili ma poi non ci baserei se fossi in Te un programma personalizzato, per quello mi rivolgerei a qualcuno (con le palle) Che lo fa Di mestiere.
Opinione personale cmq

La cosa fondamentale è farsi consigliare da personale specializzato. Su questo non c'è dubbio. Però capita, come nel mio caso che il personale che dovrebbe seguirti (anche psicologicamente) non ti dica nulla se non prescriverti esami e senza dirti quello che si può e quello che non si può fare (o deve) fare.
Allora in questo caso il forum diventa se non indispensabile, direi estremamente utile. Che dovevo fare isometria o ginnastica prima dell'operazione l'ho scoperto sul forum. Se aspettavo la visita finale dello specialista...... sarei stato fermo fino a 3 settimane prima dell'intervento.Così invece ho lavorato il doppio.

Infatti io premetto sempre : Sentire uno specialista prima se possibile. Poi descrivo quanto ho fatto io specificando anche qual'è stato il mio infortunio. Ovvio che avendo rotto, come tutti il crociato anteriore, ma senza altri danni, sono stato uno dei più fortunati nel gruppo e che quindi alcune cose che ho fatto io per qualcun altro potrebbero non andare bene. Però è sempre meglio che non saper nulla........

giovanni99 23-01-2011 09:10

È quello Che ho detto sopra, il forum è utile per raccogliere informazioni e esperienze altrui.
Il difficile e importante è trovare poi le persone giuste e competenti Che ti seguono, a tal proposito dicevo anche qualche post fa Che era meglio visitare più centri o palestre riabilitative e raccogliere informazioni sulle statistiche dei tempi Di recupero prima Di decidere dove andare.
Dove sono andato io ho potuto vedere dopo quanto tempo gli altri hanno tolto le stampelle, guidato, corso e iniziato a giocare.
I tempi erano molto brevi quasi per tutti e io sono nella media, forse anche avanti, inizierò a correre tra poco, quindi a meno Di 2 mesi dall'intervento.

Delfino81 23-01-2011 15:38

Quote:

Originariamente inviato da giovanni99 (Messaggio 34257469)
È quello Che ho detto sopra, il forum è utile per raccogliere informazioni e esperienze altrui.
Il difficile e importante è trovare poi le persone giuste e competenti Che ti seguono, a tal proposito dicevo anche qualche post fa Che era meglio visitare più centri o palestre riabilitative e raccogliere informazioni sulle statistiche dei tempi Di recupero prima Di decidere dove andare.
Dove sono andato io ho potuto vedere dopo quanto tempo gli altri hanno tolto le stampelle, guidato, corso e iniziato a giocare.
I tempi erano molto brevi quasi per tutti e io sono nella media, forse anche avanti, inizierò a correre tra poco, quindi a meno Di 2 mesi dall'intervento.




secondo me però il togliere "prima" le stampelle e piu in genere afrettare i tmepi nn è sinonimo SEMPRE di efficacia! cioè sn d'accordo su protocolli "aggressivi" ma alla fine prima di fare certi passi bisogna andarci cauti...ad esempio un amico mio operato alal caviglia è stto seguito da un terapista che dopo un tot lo voleva gia rimettere in campo....il medico diceva di pazientare un altro po quello nn lo ha ascolta to e zakkete ha avuto nn pochi problemi! (anche xke poi ubentra molto il fattorepsicologico....un po come i bimbi che cominciano a camminare precocemente, poniamo a 9 mesi di vita, poi cadono si prendono paura e riprendono autonomia a un anno e mezzo,a fronte di altri bimbi che a 1 anno camminanoò...susate l èaragone penoso ma potrebbe essere calzante! :)

e comunque bisogna vedere anche comodità logistiche....se hai la fotuna di abitare in un piccolo centro puoi scegliere la palestra che piu fa x te, se abiti in una metropoli, e sai che c'è un'ottima palestra riablitativa a roma ovest e tu risied a roma est, beh ti conviene definire meglio i tuoi orizzonti! :D e Ale potrebbe darmi ragione!

nel mio caso poi i fisioterapisti che si sn trovati davanti casi di ricostruzuone combinata son davvero pochi! e clomunue mi dovrò afidare a qualche centro che mi ricovera dati i problemi di autonomia piu volte accennati! :rolleyes:


ora volevo chiedervi una curiosità piu che altro! la madre della mia padrona di casa si è recentemente operata di protesi di ginocchio, e il medico le ha fatto fare una profilassi operatoria ben precisa, di carattere infettivologico mdiciamo cosi, questo perche il metallo protesico è "protettore" dei batteri, che vi trovano riparo dagli agenti immunitari dell'organismo! e dunque potrebbero esservi veicolati da altri focolai, anche una carie di denti (ipotesi remota, comunque il controllo dentario se l'è fatto)....ora tutto questo pippone pre operatoro si fa anche quando ci si opera ai legamenti??? io ad esempio ho una fistla sacrococcgea da almeno 5 anni che non mi da fastidio solo di tanto in tanto si infiamma un po e emette un po' di pus e sangue....dovrei levarmela prima di opoerarmi al ginocchio?????o non c'entra na mazza???

buona domenica sera a tutti§!

giovanni99 23-01-2011 20:57

I miei Figli hanno iniziato a camminare a 9 e 10 mesi cadendo più volte come quelli Che hanno iniziato uguali, prima o dopo e a 1,5 anni correvano!

La concezione Della riabilitazione ritardata e lenta è vecchia e superata perchè si è visto Che le difficoltà Di recuperare i movimenti Di flessione e distensione sono molto più lunghi e dolorosi.
Ci sono casi Di Ricaduta sia in un caso Che l'altro, ma siccome mi fido solo dei dati e non delle chiacchere, se hai dei dati statistici Che dimostrano Che la % Di Ricadute è superiore in quelli Che hanno utilizzato una terapia "aggressiva", allora mi ricrederò.
Io credo invece Che se la Tendenza generale è ad anticipare I tempi è proprio perchè I dati Che vengono raccolti diano ragione a questa filosofia.

Stefano Landau 24-01-2011 00:28

Quote:

Originariamente inviato da giovanni99 (Messaggio 34263239)
I miei Figli hanno iniziato a camminare a 9 e 10 mesi cadendo più volte come quelli Che hanno iniziato uguali, prima o dopo e a 1,5 anni correvano!

La concezione Della riabilitazione ritardata e lenta è vecchia e superata perchè si è visto Che le difficoltà Di recuperare i movimenti Di flessione e distensione sono molto più lunghi e dolorosi.
Ci sono casi Di Ricaduta sia in un caso Che l'altro, ma siccome mi fido solo dei dati e non delle chiacchere, se hai dei dati statistici Che dimostrano Che la % Di Ricadute è superiore in quelli Che hanno utilizzato una terapia "aggressiva", allora mi ricrederò.
Io credo invece Che se la Tendenza generale è ad anticipare I tempi è proprio perchè I dati Che vengono raccolti diano ragione a questa filosofia.

Io aggiungerei anche un'altra considerazione. Il recuperò dipende anche dalla tecnica operatoria utilizzata. Per esempio se per scavare i tunnel ossei vengono usati dei trapani ad alta velocità si bruciano delle cellule ossee, e quindi l'integrazione legamento-osso o osso-osso risulta lenta,
Con un trapano più lento si ovvia a questo problema accellerando la ripresa.

Secondo me quindi i tempi sono destinati ad accorciarsi perchè ke tecniche lo rendono possibile otre che protocolli fisioterapici più aggressivi e veloci.

gomma2408 24-01-2011 09:06

Quote:

Originariamente inviato da Stefano Landau (Messaggio 34264602)
Io aggiungerei anche un'altra considerazione. Il recuperò dipende anche dalla tecnica operatoria utilizzata. Per esempio se per scavare i tunnel ossei vengono usati dei trapani ad alta velocità si bruciano delle cellule ossee, e quindi l'integrazione legamento-osso o osso-osso risulta lenta,
Con un trapano più lento si ovvia a questo problema accellerando la ripresa.

Secondo me quindi i tempi sono destinati ad accorciarsi perchè ke tecniche lo rendono possibile otre che protocolli fisioterapici più aggressivi e veloci.

Un GRAN quotone....;) ;) ;)
non scordiamoci che le tecniche variano non solo perchè si usa o il rotuleo o il s+g o altro.... ma perchè si usano strumenti, elementi di fissaggio, modalità di posizionamento dell'impianto, ecc... DIVERSI e sempre più affinati dall'esperienza degli interventi precedenti, insomma siamo tutti delle cavie.... come in ogni campo della chirurgia! :D
OK sui protocolli riabilitativi aggressivi, ma all'interno di questi occorre rispettare i tempi, ad esempio se nonostante si inizi subito con i pesi già da due gg dopo l'operazione (con i pesi alla caviglia per fare l'isometria, ad es.) dicono di aspettare 3 mesi prima di correre (e anche lì dipende se uno ha fatto "solo" lca o altro) è perchè certe fisiologicità non si possono cambiare, come è l'integrazione ossea dei punti di fissaggio, anche se come ho avuto occasione di dire, se si ha delle gambe "da professionisti", questo è anticipabile in quanto il fissaggio stesso (le viti o le grappe) regge anche da solo il legamento.... però non scordiamoci che in questo modo ci sono più rischi di insuccesso nella perfetta integrazione (si potrebbe "allargare" il tunnel osseo, invece di richiudersi, a causa delle continue sollecitazioni che non consentono alle cellule riparatrici dell'osso di consoldarsi...) e in ultimo di rottura, ma tali rischi sono ampiamente compensati dalla professione del giocatore/calciatore professionista.... è il suo lavoro e tali rischi sono ben ripagati in soldoni!!! Non so se fra noi c'è qualcuno così... :p può essere.... e solo per lui "il gioco potrebbe valere la candela" nel senso di anticipare troppo i tempi...
Ripeto la mia esperienza: Anche io ero avanti nella riabilitazione, forzavo molto sui pesi già da tempo, dopo 2 mesi e mezzo anche se ancora non avevo provato a correre, alla cyclette facevo 10minuti pesanti, con molta resistenza della macchina, un bel giorno mi è gonfiato come un pallone senza apparente motivo.... poi a posteriori è ritornato tutto ok nel giro di una settimana sola, però..... mi sono spaventato e forse avevo forzato troppo... però fino a quel momento il ginocchio non si era minimamente "lamentato"!!! :D
Quindi.... ci vuole sempre max attenzione, tutto qui, e confrontarsi sempre con il fisioterapista....;) ;)

Per il discorso LEG EXTENSION / CARTILAGINI, visto che qualcuno si chiedeva se essa non sia dannosa, visto quello che si dice, confermo chè è un attrezzo in tal caso da usare con cautela, le cartilagini non ringraziano...però è la macchina "d'elezione" PER ALLENARE IL VASTO MEDIALE....
In caso di problemi alle cartilagini, occorre infatti limitare l'esercizio agli ultimi gradi di estensione quando si incomincia a caricare di più con i pesi.

Però all'inizio questo si scontra con il fatto che il LCA lavora proprio negli ultimi gradi di estensione (30-0 gradi) proprio dove il v. mediale è più interessato, ma per via dell'operazione quindi bisognerebbe al contrario lavorare in una zona di maggiore flessione (tipo 30-60 gradi di flex) dove lo stress per il ginocchio dal punto di vista della cartilagine è maggiore....:rolleyes:

Quindi si inizia evitando di far lavorare troppo il LCA, quindi a 30-60 gradi, ma con pochissimo peso e aumentando gradualmente 1kg alla volta, e vedendo come risponde il ginocchio. Passato un mese che uno fa leg extension in questo modo si passa gradualmente concentrandosi sui gradi finali di estensione, 0-30 gradi, o 0-40, insomma, dove il v. mediale lavora al max (con piede in leggera extrarotazione) ma minimo è la pressione della rotula sulla gola intercondilea del femore e quindi sulle cartilagini....

Infatti il problema alle cartilagini della leg extension deriva dal fatto che la rotula si comporta come una "carrucola". Se si ha presente il movimento che fa alla leg ext, si capisce che più il ginocchio è piegato più la rotula viene "schiacciata" dalla forza del quadricipite verso il ginocchio, scorrendo sul femore.... è lì che le cartilagini sono messe sotto stress. con un movimeno fra l'altro di "strusciamento" che è quello più faticoso per tali strutture. avvicinandosi agli zero gradi di flex, invece (0-10gradi) invece la rotula non fa pressione sul femore, anzi negli ultimissimi gradi (0-5, 0-6) quasi neanche si toccano le due superfici articolari, con beneficio delle cartilagini.

Quindi sapendo questo si può fare molto lavoro per il quadricipite alla leg extension senza per questo creare problemi alle cartilagini.... ecco spiegato il tutto (spero di essermi fatto capire.....:rolleyes: ) ;) ;) ;)

Delfino81 24-01-2011 12:09

Comunque la leg extension agli ultimi gradi di estensione è piu facile farla quando si ha una macchina apposita (per l'appunto riabilitativa) capace di essere fissata a un tot oltre il quale non può oiu andare!

riguardo quella cosa che vi avevo chiesto, che ne pensate? ovvero riguardo la profilassi pre operatoria da seguire?? :)


Tutti gli orari sono GMT +1. Ora sono le: 13:22.

Powered by vBulletin® Version 3.6.4
Copyright ©2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Hardware Upgrade S.r.l.