Hardware Upgrade Forum

Hardware Upgrade Forum (https://www.hwupgrade.it/forum/index.php)
-   Scienza e tecnica (https://www.hwupgrade.it/forum/forumdisplay.php?f=91)
-   -   Legamento crociato anteriore (https://www.hwupgrade.it/forum/showthread.php?t=498329)


alex642002 16-06-2010 18:56

Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 32324121)
ecco, alcune cose della vita quotidiana che potrebbero dar fastidio e di cui faccio domanda agli "anterioristi" se è un problema anche loro (magari con dolore localizzato in altra parte) è un fastidio che si avverte quando a stare in piedi ci si appoggia sulla gamba azzoppata portando tutto il peso su quella oppure qualche doloretto dopo una corsa lunga o ancora un senso di stanchezza dopo una lunga camminata o a stare tanto in piedi (quello a chi nn è alleenato si avverte anche nella gamba sana a dir la verità ma ovvio quella post trauma ne risente di piu)

Ciao.Guarda,a me i dolorini,dopo un anno e mezzo,sono praticamente scomparsi.Fino a qualche mese fa avvertivo una leggera rigidità la mattina scendendo le scale,o sentivo il cambiamento del tempo:oppure,che so,se provavo a saltare 4 o 5 gradini a piè pari,avvertivo una leggera fitta.Praticamente quelli che posso avvertire ora sono sempre dovuti,come anche in passato,a movimenti o sforzi "nuovi",a cui il ginocchio si deve abituare.

mr_mistero 16-06-2010 20:59

ricostruzione lca
 
Scusate ragazzi un'altra domanda ma le calze antitrombo si servono tenere per forza a tutte e due le gambe o basta solo alla gamba operata? A voi le hanno hanno messe?

alex642002 16-06-2010 21:15

Quote:

Originariamente inviato da mr_mistero (Messaggio 32327552)
Scusate ragazzi un'altra domanda ma le calze antitrombo si servono tenere per forza a tutte e due le gambe o basta solo alla gamba operata? A voi le hanno hanno messe?

Io le ho portate.Solo alla gamba operata.Ciao

Stefano Landau 16-06-2010 21:46

Quote:

Originariamente inviato da gomma2408 (Messaggio 32318246)
in teoria mi verrebbe di dire di sì (anche se lo dico "a senso", in merito non ho nessuna indicazione che mi ricordi mi fosse stata fatta da fisioterapista o medico....), perchè viene sollecitato il ginocchio sul piano dei collaterali (l'interno) però io eviterei lo stesso perchè comunque in quella posizione il gin. e tutta la gamba essendo rilassato, muscolarmente non viene "tenuto" in asse ma è tenuto solo proprio dai legamenti tutti nel loro insieme (essendo i muscoli rilassati) quindi è una sollecitazione che per un po' non gli costringerei a fare....

Quoto quanto dici. In più ti dico che ora, a 15 mesi esatti dall'intervento, quando accavallo le gambe (con quella operata su ovviamente) ogni tanto qualche sensazione strana, come di tensione, me la da.

Ho appena rifatto la prova adesso ma non ho avvertito nulla di strano.
Però è un momento che non fa molto testo in quanto questa sera sono andato a correre e per la prima volta in vita mia ho corso per un'ora intera (poco più di 8 km)
Sono rientrato che stavo benissimo (dopo 40 minuti di corsa ho iniziato ad avere le gambe un po' affaticate ma andavano senza problemi.....)
Per cui non so se ora dopo la corsa ho magari un maggior tono muscolare di base, per cui accavallare le gambe non mi fa sentire più nulla appunto perchè ora ho i muscoli che tengono maggiormente.

Però che cosa strana..... per tutta la vita non sono mai andato a correre. prima di farmi male al ginocchio, per me anche fare un solo km era un'impresa. 10 Anni fa mi ricordo che ho terminato 1 km di corsa con le gambe che andavano da sole e non riuscivo più a controllare, sembravo ubriaco.
Ora, a 44 anni, ho terminato 1 ora di corsa (lenta) e poco più di 8km senza grossi problemi........... e ci sto prendendo gusto.

Almeno il mio infortunio al ginocchio è servito a farmi rimettere in forma.

Stefano Landau 16-06-2010 21:54

Quote:

Originariamente inviato da mr_mistero (Messaggio 32327552)
Scusate ragazzi un'altra domanda ma le calze antitrombo si servono tenere per forza a tutte e due le gambe o basta solo alla gamba operata? A voi le hanno hanno messe?

Penso che dipenda dalla tecnica operatoria.
Io ho fatto credo 20 gg di eparina (iniezioni sottocutanee sulla pancia) proprio per quel motivo. Ma di calze non ne ho mai viste.
Anzi l'unica cosa che ho dovuto adoperare dopo l'operazione sono state le stampelle per tre settimane (2 settimane con 2 stampelle ed 1 settimana con una sola stampella). Sono uscito dall'ospedale solo con qualche cerotto sul ginocchio e basta. Non ho visto ne fasciature, ne tutori ne calze.

idrottolo 16-06-2010 22:38

Trasmissione radiofonica tutta dedicata a menisco e LCA....



http://www.radio24.ilsole24ore.com/m...menti-genetica


Buon ascolto

gomma2408 17-06-2010 08:01

Quote:

Originariamente inviato da Stefano Landau (Messaggio 32328184)
Penso che dipenda dalla tecnica operatoria.
Io ho fatto credo 20 gg di eparina (iniezioni sottocutanee sulla pancia) proprio per quel motivo. Ma di calze non ne ho mai viste.
Anzi l'unica cosa che ho dovuto adoperare dopo l'operazione sono state le stampelle per tre settimane (2 settimane con 2 stampelle ed 1 settimana con una sola stampella). Sono uscito dall'ospedale solo con qualche cerotto sul ginocchio e basta. Non ho visto ne fasciature, ne tutori ne calze.

stesse modalità e identici tempi per me.... evidentemente il mio chirurgo è "andato a scuola" dove è andato anche il tuo..... :D :D ;)

gomma2408 17-06-2010 08:05

Quote:

Originariamente inviato da Stefano Landau (Messaggio 32328101)
....
Ora, a 44 anni, ho terminato 1 ora di corsa (lenta) e poco più di 8km senza grossi problemi........... e ci sto prendendo gusto.

Almeno il mio infortunio al ginocchio è servito a farmi rimettere in forma.

E questa non è cosa di poco conto, se ci si riflette bene. Mettersi in forma non fa bene solo al ginocchio operato, ma a moltissimo altro, come ben sappiamo.

Dimostrazione che se si fa la riabilitazione con costanza, i vantaggi sono molteplici e da considerare nel bilancio (positivo) dell'operazione. ;) ;) ;)

gomma2408 17-06-2010 08:25

Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 32324121)

......

ecco, alcune cose della vita quotidiana che potrebbero dar fastidio e di cui faccio domanda agli "anterioristi" se è un problema anche loro (magari con dolore localizzato in altra parte) è un fastidio che si avverte quando a stare in piedi ci si appoggia sulla gamba azzoppata portando tutto il peso su quella oppure qualche doloretto dopo una corsa lunga o ancora un senso di stanchezza dopo una lunga camminata o a stare tanto in piedi (quello a chi nn è alleenato si avverte anche nella gamba sana a dir la verità ma ovvio quella post trauma ne risente di piu)

piccola nota a margine...cmq il dover scegliese se operarsi o meno in base a un contratto di lavoro è alquanto umiliante!



Io non ho avuto mai problemi per semplici movimenti o posizioni del genere.... ma che lo dico a fare, giocavo a pallavolo con LCA rotto!!!! :D :doh:
Una cosa sola.... se cercavo di piegare tutto il ginocchio, in accosciata era impossibile, ed anche solo per fare stretching in piedi portare la gamba con il tallone che tocca il gluteo non ci riuscivo minimamente, mi faceva male all'altezza della testa del perone dove tramite i legamenti peroneali si inserta nella tibia (dove si sente quel "nocciolino" lateralmente al ginocchio 1/2 cm sotto l'articolazione...)

P.S.: per la "nota a margine"....:D
purtroppo non te lo dice nessuno di NON operarti, ma se sei con contratto a 5 mesi suscettibile alla scadenza di rinnovo per altri 6 mesi e poi in seguito forse conferma a t.indeterminato, te la senti di rischiare e stare 3/4 mesi a casa su 5??? O anche solo 2? Io ad es. volevo operarmi (visto che comunque il tempo ormai era passato già molto) solo quando fossi stato sicuro di poter fare una fisioterapia come si deve, il che voleva per me dire ALMENO 3 mesi di malattia.... (poi sono stati quasi 4).
C'è da dire, ribadendo lo SCHIFO da te espresso nascondendolo velatamente dicendo che è "deprimente" :D :cool: che anche così sono stato penalizzato sul lavoro dove tuttora sono, però almeno il posto ce l'ho sempre.
:mad: :ncomment: :ncomment:

alex642002 17-06-2010 09:15

Quote:

Originariamente inviato da Stefano Landau (Messaggio 32328101)
Quoto quanto dici. In più ti dico che ora, a 15 mesi esatti dall'intervento, quando accavallo le gambe (con quella operata su ovviamente) ogni tanto qualche sensazione strana, come di tensione, me la da.

Ho appena rifatto la prova adesso ma non ho avvertito nulla di strano.
Però è un momento che non fa molto testo in quanto questa sera sono andato a correre e per la prima volta in vita mia ho corso per un'ora intera (poco più di 8 km)
Sono rientrato che stavo benissimo (dopo 40 minuti di corsa ho iniziato ad avere le gambe un po' affaticate ma andavano senza problemi.....)
Per cui non so se ora dopo la corsa ho magari un maggior tono muscolare di base, per cui accavallare le gambe non mi fa sentire più nulla appunto perchè ora ho i muscoli che tengono maggiormente.

Però che cosa strana..... per tutta la vita non sono mai andato a correre. prima di farmi male al ginocchio, per me anche fare un solo km era un'impresa. 10 Anni fa mi ricordo che ho terminato 1 km di corsa con le gambe che andavano da sole e non riuscivo più a controllare, sembravo ubriaco.
Ora, a 44 anni, ho terminato 1 ora di corsa (lenta) e poco più di 8km senza grossi problemi........... e ci sto prendendo gusto.

Almeno il mio infortunio al ginocchio è servito a farmi rimettere in forma.

Grande Stefano!Hai stimolato ancor più anche me ora!Adesso mi porto a un'ora anch'io.;)

Delfino81 17-06-2010 12:29

Quote:

Originariamente inviato da gomma2408 (Messaggio 32330183)
Io non ho avuto mai problemi per semplici movimenti o posizioni del genere.... ma che lo dico a fare, giocavo a pallavolo con LCA rotto!!!! :D :doh:
Una cosa sola.... se cercavo di piegare tutto il ginocchio, in accosciata era impossibile, ed anche solo per fare stretching in piedi portare la gamba con il tallone che tocca il gluteo non ci riuscivo minimamente, mi faceva male all'altezza della testa del perone dove tramite i legamenti peroneali si inserta nella tibia (dove si sente quel "nocciolino" lateralmente al ginocchio 1/2 cm sotto l'articolazione...)

P.S.: per la "nota a margine"....:D
purtroppo non te lo dice nessuno di NON operarti, ma se sei con contratto a 5 mesi suscettibile alla scadenza di rinnovo per altri 6 mesi e poi in seguito forse conferma a t.indeterminato, te la senti di rischiare e stare 3/4 mesi a casa su 5??? O anche solo 2? Io ad es. volevo operarmi (visto che comunque il tempo ormai era passato già molto) solo quando fossi stato sicuro di poter fare una fisioterapia come si deve, il che voleva per me dire ALMENO 3 mesi di malattia.... (poi sono stati quasi 4).
C'è da dire, ribadendo lo SCHIFO da te espresso nascondendolo velatamente dicendo che è "deprimente" :D :cool: che anche così sono stato penalizzato sul lavoro dove tuttora sono, però almeno il posto ce l'ho sempre.
:mad: :ncomment: :ncomment:

azz 4 mesi di malattia???:eek: allora immagino ti sia dovuto prendere anche un cornetto portafortuna per ripararti dagli "iastemi" (che in dialetto tarantino vuol dire bestemmie) del tuo datore di lavoro....ceh da quanto mi dici una piccola "vendetta" se l'è presa comunque!

eppure io so di persone che si sono prese un mese solo, anzi tutti i protocolli rikabilitativi che ho letto riportano che in 2 settimane si potrebbe tornare a svolgere un lavoro d'ufficio ....(ovvio se torni a lavorare dopo 2 settimane ci devi andare con le stampelle almeno n'altre due settimane)....io mi farei dare quel giusto x tornare a guidare e lavorare senza stampelle, quindi un mese e mezzo o due (considerando la situqazone piu complessa mi tengo largo).... ma con questo non voglio mica darti dello "scansafatiche" eh intendiamoci :D , ma vorrei solo capire se è stata una tua scelta quella di dedicare cosi tanto alla fisioterapia o te l'avevano "prescritto" o consigliato!

di fisioterapia non dovrebbero bastare 3 volte a settimana un paio d'ore a volta?:mbe: voi andavate tutti i giorni? ma anche andare tutti i giorni un paio d'ore a volta, si puo fare se ti scegfli un centro vicino casa, io smonto alle sei, e faccio dalle 7 alle 9....i grossi centri so che sn aperti fino a tardi cm le palestre x venir in contro ai lavoratori!.., sn problemi che preferisco anticiparmi e pianificar fin da ora, x arrivare preparato psicologicamente allì'operazioe anche se sarà tra 2 anni!

Stefano Landau 17-06-2010 13:32

Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 32333422)
azz 4 mesi di malattia???:eek: allora immagino ti sia dovuto prendere anche un cornetto portafortuna per ripararti dagli "iastemi" (che in dialetto tarantino vuol dire bestemmie) del tuo datore di lavoro....ceh da quanto mi dici una piccola "vendetta" se l'è presa comunque!

eppure io so di persone che si sono prese un mese solo, anzi tutti i protocolli rikabilitativi che ho letto riportano che in 2 settimane si potrebbe tornare a svolgere un lavoro d'ufficio ....(ovvio se torni a lavorare dopo 2 settimane ci devi andare con le stampelle almeno n'altre due settimane)....io mi farei dare quel giusto x tornare a guidare e lavorare senza stampelle, quindi un mese e mezzo o due (considerando la situqazone piu complessa mi tengo largo).... ma con questo non voglio mica darti dello "scansafatiche" eh intendiamoci :D , ma vorrei solo capire se è stata una tua scelta quella di dedicare cosi tanto alla fisioterapia o te l'avevano "prescritto" o consigliato!

di fisioterapia non dovrebbero bastare 3 volte a settimana un paio d'ore a volta?:mbe: voi andavate tutti i giorni? ma anche andare tutti i giorni un paio d'ore a volta, si puo fare se ti scegfli un centro vicino casa, io smonto alle sei, e faccio dalle 7 alle 9....i grossi centri so che sn aperti fino a tardi cm le palestre x venir in contro ai lavoratori!.., sn problemi che preferisco anticiparmi e pianificar fin da ora, x arrivare preparato psicologicamente allì'operazioe anche se sarà tra 2 anni!

Io ho fatto a casa solo 3 settimane. E lavorando come programmatore, l'ultima settimana di malattia ho lavorato un po' da casa.

Poi per la fisioterapia andavo 3 volte alla settimana per circa 90 minuti più o meno......
E comunque a casa tutti i giorni facevo mezz'ora di esercizi alla mattina appena sveglio ed ancora mezz'ora alla sera alla sera prima di andare a letto (soprattutto isometria).

Però nel mio caso la situazione era una delle migliori. Avevo rotto il crociato ed un piccolissimo danno ad un menisco che ha notato il chirurgo che mi ha operato e non è stato visto dal radiologo che mi ha fatto la risonanza.

Per fortuna il centro non era troppo lontano ne da casa ne dal lavoro e per 2 mesi mio padre mi ha portato avanti/indietro in macchina sia in ufficio che a fare fisioterapia. (Il problema è che per me parcheggiare vicino all'ufficio è impossibile a meno di non andare in quelli a pagamento e spendere quasi 12 € al giorno di parcheggio)

Delfino81 17-06-2010 16:27

Quote:

Originariamente inviato da Stefano Landau (Messaggio 32334324)
Io ho fatto a casa solo 3 settimane. E lavorando come programmatore, l'ultima settimana di malattia ho lavorato un po' da casa.

Poi per la fisioterapia andavo 3 volte alla settimana per circa 90 minuti più o meno......
E comunque a casa tutti i giorni facevo mezz'ora di esercizi alla mattina appena sveglio ed ancora mezz'ora alla sera alla sera prima di andare a letto (soprattutto isometria).

Però nel mio caso la situazione era una delle migliori. Avevo rotto il crociato ed un piccolissimo danno ad un menisco che ha notato il chirurgo che mi ha operato e non è stato visto dal radiologo che mi ha fatto la risonanza.

Per fortuna il centro non era troppo lontano ne da casa ne dal lavoro e per 2 mesi mio padre mi ha portato avanti/indietro in macchina sia in ufficio che a fare fisioterapia. (Il problema è che per me parcheggiare vicino all'ufficio è impossibile a meno di non andare in quelli a pagamento e spendere quasi 12 € al giorno di parcheggio)

io grazie a Dio da quando sto a Roma a lavorare ho sempre trovato lavori presso grossi complessi in periferia (qui tipici palazzi a specchio delel grandi città o roba simile) dove comunque il posto si trova.....non invidio x nulla i colleghi che stanno in altre sedi centrali, magari in pausa pranzo possono farsi una passeggiata a piazza di spagna mentre io devo accontentarmi del centro commerciale, ma a lavoro possono andare solo con i mezzi, e prendere la metro nella capitale nelle ore di punta (ovvero quelle di lavoro) è come stare come le olive sotto vetro! :D la gente con le guance schiacciate ai vetri delal metro n'altro po'! :muro:

riguardo al fisioterapia cmq, il problema logistico x me è proprio quello come dissi all'inizio quando entrai in questo bel forum.... (bello non sicuramente x il rognosissimo argometno di cui si parla, x cui si dà il "malvenuto", ma x il simpatico clima di solidarietà e amicizia che cmq si respira ;) )....cioè che molto probabilmente mi opererò a Milano o a Perugia, vivo a Roma x lavoro e i miei o le persone che cmq mi potrebvero assistere a Taranto.... :D

mi farebbe tanto piacere fare fisioterapia a casa mia a Taranto, (l'ambiente familiare giova molto)ma non potrei seguire l'intero protocollo riabilitativo (il "minimo sindacale" credo siano almeno 4 mesi ben fatti, 5-6 o anche qualcosa in piu se vuoi perfezionarti a "tornare in campo", ma io col campo o chiuso :D ) giù restare assente cosi tanto dal lavoro....nememno a tempo indeterminato già lo so.... e allora o dovrei far salire mio padre x asistermi finchè non divento autosufficiente (e x tenermi largo dico sempre un mese e mezzo) oppure (ed è la soluzione ceh sto accarezzando di piu) farmi ricoverare.....cosi mio padre resta dove sta (a Taranto ho anche i nonni quasi 90enni che meritano piu assistenza di me :))e io non peso a nessuno....mi sn informato c'è proprio un centro vicinissimo a dove lavoro, fondazione san raffaele pisana, il 70x100 è x riabilitazione motoria x veccheitti, ma ho sentito che è buono anche x postoperatorio traumatologico. l'ideale sarebbe il centro ISOKINETIC ma nn è convenzionato con l'asl e assicurazioni nn ne ho! per il preoperatorio invece credo mi avvalerò delal palestra fisioterapica consigliatami da Alex :)

alex642002 17-06-2010 20:19

Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 32336741)

per il preoperatorio invece credo mi avvalerò delal palestra fisioterapica consigliatami da Alex :)

Io te lo consiglio,perchè mi sono trovato molto bene.Fisioterapisti giovani,simpatici e preparati.Praticamente in 15 giorni mi hanno rimesso a posto,e dopo ho fatto solo praticamente palestra.Se puoi chiedi di Arianna,una ragazza carina e molto brava(peccato sia impegnata);)

alex642002 17-06-2010 20:28

Quote:

Originariamente inviato da Stefano Landau (Messaggio 32334324)

Per fortuna il centro non era troppo lontano ne da casa ne dal lavoro e per 2 mesi mio padre mi ha portato avanti/indietro in macchina sia in ufficio che a fare fisioterapia. (Il problema è che per me parcheggiare vicino all'ufficio è impossibile a meno di non andare in quelli a pagamento e spendere quasi 12 € al giorno di parcheggio)

E' stato un pò il problema mio:tornato in ufficio dopo un mese e mezzo dall'operazione ancora zoppicavo un pò,e per 15 giorni ho preso la macchina:non me la sentivo assolutamente di prendere i mezzi affollati e viaggiare facilmente in piedi! :mad: Figuratevi che quando li ripresi ci fu anche chi ebbe da ridire perchè non avevo lasciato il posto a una signora!:mad Pensate che io lavoro vicino la stazione Termini di Roma!:eek: Fortunatamente in quel periodo fu introdotta la tariffa giornaliera per i posteggi a pagamento:4 euro per 8 ore!:D Altrimenti mi sarei svenato.

sKi_54 17-06-2010 22:45

Quando ricominciarea a correre?
 
Ho letto molto dei post precedenti, ma ho capito che la ripresa dell'attività è molto personale e ognuno si comporta in modo diverso, anche su consiglio di ortopedici diversi...

Ora, ricapitolando, io sono stato operato il 19 aprile (quasi 2 mesi fa) di LCA con trapianto omologo di rotuleo.
Non avendo avuto il prelievo, la mia ripresa è stata molto più veloce (dopo 20 giorni ero senza stampelle e guidavo, a 30 giorni camminavo perfettamente e già verso i 40 giorni facevo anche 70 km in MTB con 1200 metri di dislivello senza problemi) ed ora mi sento in perfetta forma.
La cosa che mi ha stupito è stato però che ieri alla visita di controllo, l'ortopedico mi ha raccomandato di non iniziare a correre prima dei 90 giorni dall'operazione, anche se non sento problemi.
Questo perchè, secondo lui, c'è un tempo minimo biologico di "attecchimento", entro il quale, sollecitazioni troppo forti potrebbero provocare il distacco del "nuovo" legamento (la bicicletta e il nuoto non provocano invece questi problemi).
Risulta anche a voi? Qualcuno ha iniziato a correre al terzo mese?

Delfino81 17-06-2010 23:27

Quote:

Originariamente inviato da sKi_54 (Messaggio 32340915)
Ho letto molto dei post precedenti, ma ho capito che la ripresa dell'attività è molto personale e ognuno si comporta in modo diverso, anche su consiglio di ortopedici diversi...

Ora, ricapitolando, io sono stato operato il 19 aprile (quasi 2 mesi fa) di LCA con trapianto omologo di rotuleo.
Non avendo avuto il prelievo, la mia ripresa è stata molto più veloce (dopo 20 giorni ero senza stampelle e guidavo, a 30 giorni camminavo perfettamente e già verso i 40 giorni facevo anche 70 km in MTB con 1200 metri di dislivello senza problemi) ed ora mi sento in perfetta forma.
La cosa che mi ha stupito è stato però che ieri alla visita di controllo, l'ortopedico mi ha raccomandato di non iniziare a correre prima dei 90 giorni dall'operazione, anche se non sento problemi.
Questo perchè, secondo lui, c'è un tempo minimo biologico di "attecchimento", entro il quale, sollecitazioni troppo forti potrebbero provocare il distacco del "nuovo" legamento (la bicicletta e il nuoto non provocano invece questi problemi).
Risulta anche a voi? Qualcuno ha iniziato a correre al terzo mese?

Guarda non sn medico, nè sn ferrato come il ns amico Gomma o gli altri amici del forum(che di sicuro saranno in grado di darti una risposta molto piu esauriente della mia)e nemmeno mi sn ancora operato: xo se posso darti un consiglio, io ascolterei il parere del mio medico: è giusto confrontarsi con altri ma meglo attenersi a cio chi ha operato....tanto l'importante è recuperare subito il minimo dindispensabile x una vita normale, poi se ritardi di un mese la corsa o il calcetto, non credo sia un danno cosi grave, in confronto a un danno che si potrebbe fare azzardando troppo....cioè credo che la giusta forma mentis con cui affrontare il post operatorio è quelladi non sentirsi nè Rambo nè di avere un ginochio di cristallo e metterlo sotto vetro come una reliquia....il giusto mezzo.

Invece a me fanno venire un po di cacarella (in senso figurato xke di corpo sn tendente alla stitikezza :D )i discorsi sui rischi di trombosi e profilassi varie.... proprio ultimamente ho sentito che due persone ci so rimaste secche dopo un'operazione di ginocchia, un adolecente a Salerno mi pare e un altro ragazzo a Benevento....spero che non incida il fatto che si sn operati al Sud (anche io mi sentiri chiamato in causa in quanto "terrone" :rolleyes:) però insomma, se a maggior ragione poiamo mi diranno di dover rifare ambedue i crociati, il tempo si raddoppia, da un'ora e mezza canonica, 3ore o piu, i rischi di trombosi sn elevati? raddoppiano acnh'essi? purtroppo i medici quando faccio ste domande minimizzano sempre facendo i soliti paragoni " se vai in macchina in autostrada hai molte piu probabilità" magari devono dire cosi xke se no nn si opererebbe piu nessuno, ma sta di atto che con me nn sn convinenti xke in autostrada nn mi sn mai spaventato (e faccio il nomade x studo e xlavoro da 10 anni in giro x lo Stivale), a fa un'operazione invece si....va beh vi do la buonanotte, e spero mdi nn aver scoraggiato nessuno che ha operazioni imminenti!

sKi_54 18-06-2010 14:15

Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 32341249)
...se posso darti un consiglio, io ascolterei il parere del mio medico: è giusto confrontarsi con altri ma meglo attenersi a cio chi ha operato....

Hai perfettamente ragione!
Seguirò esattamente le indicazioni dell'ortopoedico che mi ha operato per quanto riguarda la corsa, anche se sarà dura trattenermi...
Sarà per l'età non proprio verde (56), ma ad aspettare ho quasi la sensazione di perdere tempo, anche perchè avrei ancora da fare un sacco di cose in questa vita!

Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 32341249)
Invece a me fanno venire un po di cacarella (in senso figurato xke di corpo sn tendente alla stitikezza :D )i discorsi sui rischi di trombosi e profilassi varie.... proprio ultimamente ho sentito che due persone ci so rimaste secche dopo un'operazione di ginocchia,

Vai tranquillo, si tratta poco più che una formalità...
Io, tra l'altro, ho dovuto subire l'anestesia totale per problemi dovuti ad un infarto subito quasi 20 anni fa, ma già un'ora dopo il risveglio mi hanno dato da mangiare un bel piatto di agnolotti...

gomma2408 18-06-2010 16:32

Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 32333422)
azz 4 mesi di malattia???:eek: allora immagino ti sia dovuto prendere anche un cornetto portafortuna per ripararti dagli "iastemi" (che in dialetto tarantino vuol dire bestemmie) del tuo datore di lavoro....ceh da quanto mi dici una piccola "vendetta" se l'è presa comunque!

eppure io so di persone che si sono prese un mese solo, anzi tutti i protocolli rikabilitativi che ho letto riportano che in 2 settimane si potrebbe tornare a svolgere un lavoro d'ufficio ....(ovvio se torni a lavorare dopo 2 settimane ci devi andare con le stampelle almeno n'altre due settimane)....io mi farei dare quel giusto x tornare a guidare e lavorare senza stampelle, quindi un mese e mezzo o due (considerando la situqazone piu complessa mi tengo largo).... ma con questo non voglio mica darti dello "scansafatiche" eh intendiamoci :D , ma vorrei solo capire se è stata una tua scelta quella di dedicare cosi tanto alla fisioterapia o te l'avevano "prescritto" o consigliato!

di fisioterapia non dovrebbero bastare 3 volte a settimana un paio d'ore a volta?:mbe: voi andavate tutti i giorni? ma anche andare tutti i giorni un paio d'ore a volta, si puo fare se ti scegfli un centro vicino casa, io smonto alle sei, e faccio dalle 7 alle 9....i grossi centri so che sn aperti fino a tardi cm le palestre x venir in contro ai lavoratori!.., sn problemi che preferisco anticiparmi e pianificar fin da ora, x arrivare preparato psicologicamente allì'operazioe anche se sarà tra 2 anni!


Allora, mi va di raccontarvi un po' della mia storia (ancora!!! :cool: ) quindi a chi pensa non interessare può smettere di leggere perchè non sarò molto breve...... e perchè è un chiaro OT (offtopic), visto che non vi parlerò se non indirettamente di LCA.

INIZIO:
E' indubbio che io avessi una situazione non tanto "grave" in se', ma presentavo un quadro per lo meno molto problematico: il chirurgo e il fisioterapista mi avevano avvertito che avrei dovuto lavorare duro perchè in 14 anni il ginocchio si era "abituato" in un modo diverso e comunque avrei dovuto lavorare parecchio se volevo tornare a fare qualcosa, nonostante la buona riuscita dell'operazione in se'.
Infatti era stata diagnosticata l'artrosi di ginocchio (gonartrosi) a 38 anni quando mi sono operato (prime evidenze a 36 anni) e l'operazione non avrebbe minimamente risolto questo problema, anzi il trauma dell'intervento se non seguito da adeguato recupero rischiava di fare peggio (infatti il ginocchio, già "debole" dagli anni di sollecitazione, avrebbe subito molto di più del normale il calo di tono successivo a infortunio + operazione) e quindi di accentuare in seguito tale artrosi.

A dimostrazione di ciò, NONOSTANTE quasi 4 mesi di malattia, durante i quali ho fatto una media di 4 giorni di fisioterapia a sett per 4 ore per volta (sempre di media) contemporaneamente all'isometria che facevo a parte la mattina, dopo 6 mesi, quando nella normalità quasi tutti recuperano la gamba fino ad avere un deficit rispetto alla sana del 6/7%, avevo un DEFICIT del 36%.....:eek:

PERO' tutto questo lavoro si è visto successivamente, dove invece di scoraggiarmi ho continuato la fisioterapia con altre modalità (che i primi sei mesi mi avrebbero fatto ancora gonfiare il ginocchio) e questo mi ha fatto recuperare molto, fino dopo 10 mesi ad avere un deficit pari allo ZERO per cento......
Fu a quel punto che il chirurgo (che fa circa 200 interventi di solo LCA annui da oltre 15 anni) mi disse : "ora te lo posso dire, avevo qualche perplessità tu riuscissi a recuperare così, vista la situazione dle tuo ginocchio e nonostante la perfetta riuscita dell'operazione"

Tutto questo significa che avevo necessità di questa riabilitazione...... perchè il rischio era infatti di arrivare a 50 anni a fare una protesi completa di ginocchio, non per l'operazione, ma per l'artrosi che c'era e ancora ovviamente c'è (perchè si può rallentare o addirittura fermare, ma tornare indietro no....) . Ad oggi questo rischio sembra definitivamente scongiurato (almeno a 50 anni....)

C'è da considerare poi che, nel mio precedente lavoro, a termine, avevo per ovvi motivi GIA' rimandato l'operazione.
Nel mio attuale lavoro, mentre ero GIA' a t. INdeterminato, avevo rimandato l'operazione una seconda volta (e non tanto per dire, l'avevo rimandata contro il parere del medico in quanto scelta obbligata in seguito a nuovi e ulteriori infortuni.....) e questo, sottolineo, PER ESIGENZE DELL'AZIENDA, alle quali mi sono di mia volontà sottomesso per spirito di collaborazione....

La volta che mi sono operato poi ho predisposto tutto il lavoro in modo adeguato, formando una persona che mi sostituisse, ed avvenendo il tutto in periodo non di ferie (in questo mi ha aiutato il fatto che mi sono fatto male - era la terza volta "seria" - il 1 novembre e sono riuscito a operarmi a gennaio, rientrando a maggio, dando noia il meno possibile per le ferie) e cercando di trovare una soluzione con la mia direzione vantaggiosa per entrambe le parti tenendo conto che in azienda siamo tutto sommato oltre cinquanta quindi..... grossi problemi di organico non ci sono mai stati.
Ricordo che sono andato sotto ai ferri con il menisco in situazione di blocco articolare....

Dietro tutte le assicurazioni di assenza di problemi da parte del mio direttore, abbiamo CONCORDATO preventivamente che potevo prendermi tutto il tempo CHE L'ORTOPEDICO (e non IO) avesse ritenuto necessario....

La paura potessi scontare qualche ritorsione ovvio ti viene, ma alla luce del fatto che mi tenevo aggiornato proprio con la direzione tutti i mesi per sapere se vi erano problemi, mi sono anche detto: importante è stare bene, per me per la mia famiglia, tutto il resto DEVE venire dopo, lavoro, carriera, ecc... compresi!

Ed è per questo che è andata che ho fatto la fisioterapia che serviva a ME, senza farmi risparmiare niente......;) ;) ;)

tutto qui.... :D ;) ;) ;)

gomma2408 18-06-2010 16:37

Quote:

Originariamente inviato da sKi_54 (Messaggio 32340915)
Questo perchè, secondo lui, c'è un tempo minimo biologico di "attecchimento", entro il quale, sollecitazioni troppo forti potrebbero provocare il distacco del "nuovo" legamento (la bicicletta e il nuoto non provocano invece questi problemi).
Risulta anche a voi? Qualcuno ha iniziato a correre al terzo mese?

questo perchè è lo stesso problema di un LCA autologo: è tenuto solo dalle viti di fissaggio, l'integrazione ossea avviene molto avanti nel tempo (il legamento deve "fondersi " con l'osso senza soluzione di continuità per arrivare alla max tenuta e se è continuamente sollecitato in modo abnorme - nella corsa sono le "botte" dei passi contro il terreno - questo è più difficoltoso...) e si completa addirittura nell'arco chi dice di 12 chi di 18 mesi.... ma comunque oltre l'anno per essere sicuri.

Per questa questione non importa se il trapianto è omologo o autologo....


Tutti gli orari sono GMT +1. Ora sono le: 02:41.

Powered by vBulletin® Version 3.6.4
Copyright ©2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
Hardware Upgrade S.r.l.