Hardware Upgrade Forum

Hardware Upgrade Forum (https://www.hwupgrade.it/forum/index.php)
-   Schede audio, altoparlanti, software e codec audio (https://www.hwupgrade.it/forum/forumdisplay.php?f=19)
-   -   Amplificatori, Sintoamplificatori, Diffusori e Subwoofer (https://www.hwupgrade.it/forum/showthread.php?t=1756479)


Correx 31-01-2018 13:49

Quote:

Originariamente inviato da AlexAlex (Messaggio 45341026)
Sfruttare o meno il reflex dipende prima di tutto dai gusti musicali ed in generale nelle casse il buco si può tappare se non piace. A volte il tappo è già fornito. (...).

Non è proprio così. Il "foro" di un bass-reflex si comporta come un filtro di 4o ordine, a 24db per ottava. La pressione "frenante" dell'aria presente all'interno del mobile è minore rispetto a quella di una cassa chiusa. L'onda posteriore che fuoriesce è in fase con quella anteriore, quindi l'onda principale si rinforza di circa 4dB, esaltando le frequenze dei bassi e dei medio bassi, che è quello che deve fare una cassa acustica. Le dimensioni del foro e del tubo (chiamato "risuonatore di Helmholtz") sono esattamenet calcolate in funzione delle dimensioni della cassa e della frequenza di risonanza dell'altoparlante in aria libera. Se il costruttore quindi ha previsto questa configurazione, non è proprio possibile "tappare il foro" e credere che si comporti come una cassa chiusa. Si creerebbero sicuramente delle distorsioni di intermodulazione, poichè non ci sara' sufficiente smorzamento delle vibrazioni del cono...

s-y 31-01-2018 14:21

nell'esempio sopra credo ci si riferisse a quei 'similtappi' in materiale spugnoso che vengono anche forniti di fabbrica, a volte, che si usano giusto per limitare un pò l'emissione quando posizionamento critico. in certe condizioni (appunto non ideali) possono calmierare enfatizzazioni esagerate e cose del genere

o per lo meno, credo proprio non si intendesse tappi di sughero e cose del genere

Ton90maz 31-01-2018 14:45

Quote:

Originariamente inviato da Nurabsa (Messaggio 45340910)
Certo pneumatico e reflex sono gli opposti. Due scuole di pensiero diverse due prodotti molto diversi.

Nel 2002 prima dell attuale sub avevo uno pneumatico formato da un 30 attivo + un 30 passivo contrapposti.
Non ricordo la marca ma ricordo il suono era morbidissimo ed efficiente. Per la musica credo fosse il top.
Una casa artigianale tedesca scomparsa non si vede piu in giro un prodotto simile purtroppo.

Il reflex quando naque non fu un caso c'èra l esigenza di avere prestazioni e spazi ridotti. Mentre la cassa chiusa lavorava con litraggio interno che in rapporto al trasduttore piu era grande maggiori erano le prestazioni low freq.
Col reflex invece fu possibile ridurre il volume interno ed avere maggiori prestazioni a parità di litri d aria.
Quando dilagò la cultura home teathre era chiaro che oltre a ridurre gli spazi al bisogno, la tecnologia reflex raggiungeva livelli di pressione acustica ottimali per la visioni di un film.
Oggi devo dire grazie ai nuovi avr anche per aplicazioni audio i sub reflex sono molto vicini ai pneu.

Una cassa col passivo è molto simile al bass reflex invece, con la cassa chiusa ha ben poco con cui spartire.


La follia di ridurre le dimensioni delle casse reflex è uno dei motivi per cui sono particolarmente odiati, visto che sono nati orrori progettuali incredibili. Il peggiore è il ben noto uso di condotti piccoli e sottodimensionati, origine di turbolenze e distorsione. Il radiatore passivo risolve questo problema, pur avendo sulla carta prestazioni inferiori di un reflex ben progettato.


Mentre la sospensione pneumatica è diventata invece sinonimo di piccoli volumi, con la diffusione di amplificatori più potenti e l'uso di filtri per equalizzare la risposta.

lelets 31-01-2018 17:31

Ciao a tutti.
Sto decidendo di cambiare sintoampli, e avevo addocchiato il Yamaha RX-V483, che si trova a 300 euro. Questo:
https://it.yamaha.com/it/products/au...l#product-tabs

Provengo da un kenwood krf-v5300d, che ho da svariati anni e inizia ad avere un po' di magagne. Oltre al fatto che volevo qualcosa di più moderno, soprattutto a livello di collegamenti (bluetooth e wireless), per eliminare anche qualche cavo, e avere più opzioni.
Leggo bene ovunque di questo ampli yamaha, confermate? ovviamente si parla di fascia bassa, chiaramente.
Lo accoppierei a delle casse 5.1 che ho già, queste per capirci.
https://www.whathifi.com/wharfedale/dx-1hcp/review

Poi magari fra 1-2 anni passerei a casse un filino più serie (tipo indiana tesi o similari), ma per ora mi terrei volentieri queste.
Che dite? è un buon ampli per il prezzo che ha?
grazie mille degli eventuali consigli e pareri.

AlexAlex 31-01-2018 17:39

Quote:

Originariamente inviato da s-y (Messaggio 45341722)
nell'esempio sopra credo ci si riferisse a quei 'similtappi' in materiale spugnoso che vengono anche forniti di fabbrica, a volte, che si usano giusto per limitare un pò l'emissione quando posizionamento critico. in certe condizioni (appunto non ideali) possono calmierare enfatizzazioni esagerate e cose del genere

o per lo meno, credo proprio non si intendesse tappi di sughero e cose del genere

Si quelli, si usano a volte anche per variare la risposta della cassa in base a gusti ed ambiente di ascolto (ad esempio per avere una risposta più veloce). Non solo per evitare il rimbombo dato ad esempio da un reflex posteriore e posizionamento troppo vicino al muro.
Ma basta provare e si sente la variazione, soprattutto a volumi di ascolto più bassi (se in meglio o in peggio dipende).

In realtà ha anche un nome la cosa, e anche se raramente l'effetto è stato sfruttato nel progetto di alcune casse. Anche se di certo non avrà avuto risultati particolarmente eclatanti visto che non è una soluzione comune, ma non so se per qualità o per inutili difficoltà progettuali.

Comunque non volevo incasinare la discussione :-)

azi_muth 31-01-2018 18:39

Quote:

Originariamente inviato da Nurabsa (Messaggio 45340910)
Il reflex quando naque non fu un caso c'èra l esigenza di avere prestazioni e spazi ridotti. Mentre la cassa chiusa lavorava con litraggio interno che in rapporto al trasduttore piu era grande maggiori erano le prestazioni low freq.

In realtà i reflex generalmente hanno dimensioni più importanti delle casse chiuse a parità di prestazioni i basso.
La famosa hoffman iron law lega le dimensioni estensione, efficienza e dimensione e ne puoi avere solo due. Vuoi un diffusore con abbia una buona estensione e efficienza? Deve essere grande. Lo vuoi compatto e con buona estensione, sarà poco efficiente...
Le casse chiuse hanno un emissione tipica differente che va equalizzata, ma per far questo sono necessari amplificatori più grandi e ap con maggiore escursione e più "robusti"
Non a caso sub con prestazioni da reflex sono più compatti (sunfire, dd in primis) sono mooolto costosi.
I reflex viceversa sono efficienti e meno costosi da realizzare. Per questo sono ormai ubiqui.

Quote:

Originariamente inviato da Nurabsa (Messaggio 45340910)
Nel 2002 prima dell attuale sub avevo uno pneumatico formato da un 30 attivo + un 30 passivo contrapposti.

Tecnicamente è un reflex a cui al quale si sostituisce il tubo di accordo con un altoparlante vero e proprio. Il radiatore passivo sostituisce il tubo di accordo.

I vantaggi risiedono fondamentalmente nel poter realizzare si diffusori con dimensioni umane senza avere tubi troppo lunghi....


Quote:

Originariamente inviato da Nurabsa (Messaggio 45340910)
Oggi devo dire grazie ai nuovi avr anche per aplicazioni audio i sub reflex sono molto vicini ai pneu.


Nurabsa 01-02-2018 09:01

Quote:

Originariamente inviato da Ton90maz (Messaggio 45341810)
Una cassa col passivo è molto simile al bass reflex invece, con la cassa chiusa ha ben poco con cui spartire.

non ho detto il contrario.Ho solo raccontato un aneddoto da possessore di 2 sub completamente diversi. Leggi meglio.
Quote:

Originariamente inviato da azi_muth (Messaggio 45342400)
In realtà i reflex generalmente hanno dimensioni più importanti delle casse chiuse a parità di prestazioni i basso.
La famosa hoffman iron law lega le dimensioni estensione, efficienza e dimensione e ne puoi avere solo due. Vuoi un diffusore con abbia una buona estensione e efficienza? Deve essere grande. Lo vuoi compatto e con buona estensione, sarà poco efficiente...
Le casse chiuse hanno un emissione tipica differente che va equalizzata, ma per far questo sono necessari amplificatori più grandi e ap con maggiore escursione e più "robusti"
Non a caso sub con prestazioni da reflex sono più compatti (sunfire, dd in primis) sono mooolto costosi.
I reflex viceversa sono efficienti e meno costosi da realizzare. Per questo sono ormai ubiqui.

Ho acquistato di recente piccoli diffusori con coni da 13 che grazie al reflex offrono prestazioni vicine diffusori chiusi ben piu grandi.
Per i due modelli sub che ho acquistato ed ascoltato per anni quindi parlo da possessore, il contrapposto era piu grande del reflex.
Il contrapposto era efficentissimo per applicazioni musicali meno in ht.
Specifico per questi due modelli che ho avuto non mi sognerei mai di accostarli o di dire che suonavano uguali.Due prodotti opposti come confermato dal negoziante all acquisto.
L attuale refelx solo con elettroniche moderne riesce ad espirmersi al massimo dai 30hz in giu.

Concondo per quanto rigurado il resto :)

ps. Per i tappi dipende se la casa ne prevede l utilizzo. Nel mio caso rischierei di dannegiare seriamente il woofer in quanto non è prevista la benche minima ostruzione dello sfogo.

Sharksg 02-02-2018 16:43

ragazzi ma i diffusori casse kit completo è possibile che costano niente?? tipo 100-150 euro esempio queste https://www.auna-multimedia.co.uk/Hi...ack-Black.html sono ottime?? potrei anche attaccarle al ampli yamaha 1840?? tranquillamente?

HSH 02-02-2018 22:17

ottime non direi proprio, saranno 4 tavole di compensato cinese per quel prezzo

azi_muth 02-02-2018 22:37

Quote:

Originariamente inviato da Nurabsa (Messaggio 45343349)
Ho acquistato di recente piccoli diffusori con coni da 13 che grazie al reflex offrono prestazioni vicine diffusori chiusi ben piu grandi.

Prestazione è un termine che andrebbe qualificato.
Non è che basta prendere due due diffusori senza conoscere risposta in frequenza e mol e poi dire uno è più prestazionale rispetto all'altro...in base a quale parametro? Come si fa dirlo?

Cmq tendenzialmente il reflex ha una maggiore efficienza nel riprodurre le frequenze più basse, ma per farlo richiede ingombri maggiori.
Basta vedere i sub della linea svs...

Quote:

Originariamente inviato da Nurabsa (Messaggio 45343349)
Per i due modelli sub che ho acquistato ed ascoltato per anni quindi parlo da possessore, il contrapposto era piu grande del reflex.
Il contrapposto era efficentissimo per applicazioni musicali meno in ht.

E' improprio:l'efficienza è la capacità di trasformare la potenza elettrica in potenza acustica. Non cambia con il materiale che viene suonato.

Magari ti piaceva meno... ma ha nulla a che vedere con l'efficienza.

Quote:

Originariamente inviato da Nurabsa (Messaggio 45343349)
Specifico per questi due modelli che ho avuto non mi sognerei mai di accostarli o di dire che suonavano uguali.Due prodotti opposti come confermato dal negoziante all acquisto.
L attuale refelx solo con elettroniche moderne riesce ad espirmersi al massimo dai 30hz in giu.

Ci credo...perchè con maggiore estensioni si determinano delle risonanze della stanza che possono influire molto sul suono.
D'altro canto alle basse frequenze è la stanza che risuona che determina il suono in maniera indiretta molto più del diffusore.

Quote:

Originariamente inviato da Nurabsa (Messaggio 45343349)
ps. Per i tappi dipende se la casa ne prevede l utilizzo. Nel mio caso rischierei di dannegiare seriamente il woofer in quanto non è prevista la benche minima ostruzione dello sfogo.

In realtà non accade proprio nulla al woofer. Cambia semplicemente l'accordo che diventa "aperiodico" avvicinandolo ad una cassa chiusa... potrebbe semplicemente suonare con meno "bassi" dando così luogo a minori risonanze ambientali quelle che in alcuni casi "sporcano" il suono....ma visto che non è stato previsto dal progettista il diffusore potrebbe suonare semplicemente con le frequenze più basse più attenuate.

Nurabsa 03-02-2018 10:32

Quote:

Originariamente inviato da azi_muth (Messaggio 45348050)
Prestazione è un termine che andrebbe qualificato.
Non è che basta prendere due due diffusori senza conoscere risposta in frequenza e mol e poi dire uno è più prestazionale rispetto all'altro...in base a quale parametro? Come si fa dirlo?

Aspetta ci stiamo perdendo. Ma la discussione non era nata da reflex/peneumatica?
In virtù di cio l unico valore a cui mi riferivo erano i litri d aria spostata quindi le dimensioni del diffusore.
In generale le bookshief di oggi con reflex anteriore offrono discrete prestazioni LF e per l ingombro che danno sono ottime. Anche appicciate al muro grazie allo sfogo frontale.
Frequenze e caratteristiche dei trasduttori vengono dopo ma in questo caso non erano l oggetto della discussione.

Quote:

Originariamente inviato da azi_muth (Messaggio 45348050)
E' improprio:l'efficienza è la capacità di trasformare la potenza elettrica in potenza acustica. Non cambia con il materiale che viene suonato.

Certo ma infatti la parola efficienza è giusta. Provo a spiegarmi meglio.
Il contrapposto gia a basso volume permetteva un buon ascolto. Quindi con poca corrente si faceva gia sentire. Di contro aveva che rischiavi di spaccarlo durante la visioni di un film ad alto volume per la morbidezza dei trasduttori e per l eletronica delicata. Cosa che per la musica era apprezzabile.
L attuale reflex ha un trasduttore molto rigido a livello di struttura. Che ripeto solo con elettroniche moderne ha raggiunto una buona efficienza lavorando anche con poca corrente a bassi regimi.

Quote:

Originariamente inviato da azi_muth (Messaggio 45348050)
Ci credo...perchè con maggiore estensioni si determinano delle risonanze della stanza che possono influire molto sul suono.
D'altro canto alle basse frequenze è la stanza che risuona che determina il suono in maniera indiretta molto più del diffusore.

esatto
Quote:

Originariamente inviato da azi_muth (Messaggio 45348050)
In realtà non accade proprio nulla al woofer. Cambia semplicemente l'accordo che diventa "aperiodico" avvicinandolo ad una cassa chiusa... potrebbe semplicemente suonare con meno "bassi" dando così luogo a minori risonanze ambientali quelle che in alcuni casi "sporcano" il suono....ma visto che non è stato previsto dal progettista il diffusore potrebbe suonare semplicemente con le frequenze più basse più attenuate.

in altre parole.
molti anni fa feci costruire un tappo. Ad alto volume oltre a suonare male era sparita l intesità e per poco non sconavo il woofer. Che essendo speciale e progettato per lavorare in reflex ha iniziato a fare rumori strani tipici dei woofer sconati avendo tappato lo sfogo.

Fortunatamente tutto si risolse reinstallando il tubo reflex. Mi vien da dire viva le cose originali

Tonisettequattro 03-02-2018 11:12

[quote=Nurabsa;45348501]Aspetta ci stiamo perdendo. Ma la discussione non era nata da reflex/peneumatica?
In virtù di cio l unico valore a cui mi riferivo erano i litri d aria spostata quindi le dimensioni del diffusore.
In generale le bookshief di oggi con reflex anteriore offrono discrete prestazioni LF e per l ingombro che danno sono ottime. Anche appicciate al muro grazie allo sfogo frontale.
/QUOTE]

Non capisco questa diffusa "leggenda" per cui diffusori con il reflex anteriore si possano tenere adiacenti alla parete, per un ascolto ottimale andrebbero tutti adeguatamente distanziati a prescinderezione del reflex..

Nurabsa 03-02-2018 11:18

Quote:

Originariamente inviato da Tonisettequattro (Messaggio 45348639)

Non capisco questa diffusa "leggenda" per cui diffusori con il reflex anteriore si possano tenere adiacenti alla parete, per un ascolto ottimale andrebbero tutti adeguatamente distanziati a prescinderezione del reflex..

si hai perfettamente ragione.
Purtroppo per motvi dispazio in base alla stanza a volte si è costretti a distanziare poco o nulla

Sharksg 03-02-2018 12:13

Quote:

Originariamente inviato da HSH (Messaggio 45348020)
ottime non direi proprio, saranno 4 tavole di compensato cinese per quel prezzo

Appartenenza il materiale, la qualità del suono secondo te com'è? Dalle caratteristiche? Io non ne capisco molto di audio

azi_muth 03-02-2018 13:13

Quote:

Originariamente inviato da Nurabsa (Messaggio 45348501)
Aspetta ci stiamo perdendo. Ma la discussione non era nata da reflex/peneumatica?
In virtù di cio l unico valore a cui mi riferivo erano i litri d aria spostata quindi le dimensioni del diffusore.
[cut]
Frequenze e caratteristiche dei trasduttori vengono dopo ma in questo caso non erano l oggetto della discussione.

I reflex se li fai troppo piccoli o hanno tubi d'accordo troppo lunghi oppure fischiano allegramente. Se li dimensioni correttamente avrai sicuramente migliori prestazioni sulle basse frequenze ma le dimensioni sono per forza maggiori di una cassa chiusa. In particolare nei sub per compensare la mancata emissione posteriore della sp si usano ap ad ampia escursione equalizzati con grossi amplificatori che permettono dimensioni minime ma aumentano i costi.

Quote:

Originariamente inviato da Nurabsa (Messaggio 45348501)
Certo ma infatti la parola efficienza è giusta. Provo a spiegarmi meglio.
Il contrapposto gia a basso volume permetteva un buon ascolto. Quindi con poca corrente si faceva gia sentire. Di contro aveva che rischiavi di spaccarlo durante la visioni di un film ad alto volume per la morbidezza dei trasduttori e per l eletronica delicata. Cosa che per la musica era apprezzabile.
L attuale reflex ha un trasduttore molto rigido a livello di struttura. Che ripeto solo con elettroniche moderne ha raggiunto una buona efficienza lavorando anche con poca corrente a bassi regimi.

Mah non è una questione di efficienza, ma di caratteristiche degli ap. Probabilmente quello usato nel reflex con passivo non era adatto al tipo di caricamento. Forse era più da cassa chiusa.


Quote:

Originariamente inviato da Nurabsa (Messaggio 45348501)
molti anni fa feci costruire un tappo. Ad alto volume oltre a suonare male era sparita l intesità e per poco non sconavo il woofer. Che essendo speciale e progettato per lavorare in reflex ha iniziato a fare rumori strani tipici dei woofer sconati avendo tappato lo sfogo.
Fortunatamente tutto si risolse reinstallando il tubo reflex. Mi vien da dire viva le cose originali

Ma questo è normale: se tappi il reflex perdi buona parte della gamma bassa, per compensare allora hai aumentato il "volume" portando fuori corsa il woofer. Di norma se si tappa l'uscita del reflex lo si fa per un eccesso di gamma bassa...ma se questo eccesso non c'è semplicemente non serve.
Ma non è che il woofer si danneggi perchè gli tappi il reflex si danneggia se lo usi male.

Nurabsa 04-02-2018 09:09

Quote:

Originariamente inviato da azi_muth (Messaggio 45349010)
Mah non è una questione di efficienza, ma di caratteristiche degli ap. Probabilmente quello usato nel reflex con passivo non era adatto al tipo di caricamento. Forse era più da cassa chiusa.

resta pure della tua opinione. Ma questo è un tipico caso di efficienza.
Prova ne è il fatto che lo stesso sub messo su diversi avr da risultati diversi a parita di sorgente/intensità e setting hpf/lpf.
Per la cronaca sono un amatore possiedo almeno 7 tra amplificatore,avr,pre e finali. Ultimamente ha migliorato la sua efficienza con i nuovi marantz.


Quote:

Originariamente inviato da azi_muth (Messaggio 45349010)
Ma non è che il woofer si danneggi perchè gli tappi il reflex si danneggia se lo usi male.

Forse sono io che non riesco a farmi capire.Ci riprovo.
Ad alto volume in condizioni originali va bene. Col tappo scassi il woofer. Alzare il volume non significa usare male qualcosa.
Parlo del mio modello per gli altri non so.

azi_muth 04-02-2018 10:26

Quote:

Originariamente inviato da Nurabsa (Messaggio 45350216)
resta pure della tua opinione. Ma questo è un tipico caso di efficienza.
Prova ne è il fatto che lo stesso sub messo su diversi avr da risultati diversi a parita di sorgente/intensità e setting hpf/lpf.
Per la cronaca sono un amatore possiedo almeno 7 tra amplificatore,avr,pre e finali. Ultimamente ha migliorato la sua efficienza con i nuovi marantz.

Veramente non prova assolutamente nulla. Le differenze possono essere spiegate in altro modo. Ma non ho voglia di stare qui a ribattere è evidente che mancano...i presupposti.
Tu vai su avmagazine nel 3d dei sub a dire le stesse cose...vediamo come ti rispondono.

P.S.
Il fatto che uno possegga una o dieci auto non lo fa diventare un'ingegnere meccanico, nè che capisca a fondo come funziona un'auto.
C'è chi ha diverse auto ma non sa nemmeno dove si mette l'olio...

Nurabsa 04-02-2018 12:01

anche grazie a quel forum mi e stato spiegato che è meno efficiente.
Il test su diversi avr avrebbe dovuto farti capire tanto. Ma dicevi bene non ci sono i presupposti.

ognuno resta con la sua

sgress 04-02-2018 13:06

grazie ragzzi per gli interventi sui vari tipi di sub.
ho ancora una domanda, per quale motivo un sub in cassa chiusa dovrebbe suonare meglio in ambito musicale?

è davvero cosi fondamentale avere un sub da 500w a casa su una sala di 23mq piuttosto che uno da 300w?
in particolare sto parlando di svs pb1000 e pb2000, escludo gli sb perché l usosarebbe home theatre e gli sb sono in cassa chiusa.
in alternativa c é l indiana line basso 942 con membrana passiva e 250w.

azi_muth 04-02-2018 15:16

Quote:

Originariamente inviato da Nurabsa (Messaggio 45350571)
anche grazie a quel forum mi e stato spiegato che è meno efficiente.
Il test su diversi avr avrebbe dovuto farti capire tanto. Ma dicevi bene non ci sono i presupposti.

ognuno resta con la sua

Per curiosità postami il link in pm vorrei proprio vedere chi ha scritto un tale fesseria, in passato lo avrebbero scuoiato...:D
Magari qualche sforzo in più in quel forum lo faccio...perchè una volta scrivevo molto in tema di sub su quel sito.

Quote:

Originariamente inviato da sgress (Messaggio 45350703)
grazie ragzzi per gli interventi sui vari tipi di sub.
ho ancora una domanda, per quale motivo un sub in cassa chiusa dovrebbe suonare meglio in ambito musicale?

è davvero cosi fondamentale avere un sub da 500w a casa su una sala di 23mq piuttosto che uno da 300w?
in particolare sto parlando di svs pb1000 e pb2000, escludo gli sb perché l usosarebbe home theatre e gli sb sono in cassa chiusa.
in alternativa c é l indiana line basso 942 con membrana passiva e 250w.


1) Non è solo una differenza tra 300w e 500w ma anche tra un 10" e un 12".
In ambito ht di solito si sceglie quello con maggiore emissione alle frequenze più basse per via degli effetti del canale LFE che contengono con frequenze molto basse. Più scendi in basso e maggiore deve essere il livello per percepirle. Di contro devi avere qualche sistema di correzione ambientale attiva ( almeno audissey xt32).
I sub che scendono molto sono anche più difficili da integrare nell'ambiente.
Semplificando moltissimo al di sotto di una certa frequenza che varia in funzione delle dimensioni dell'ambiente ( la cosidetta frequenza di Schroeder) si innescano fenomeni di risonanza che sono alla base dei problemi della riproduzione dei bassi. Maggiore è l'emissione alle frequenze basse...più grossi potenzialmente possono essere i problemi.

Le casse chiuse tipiche hanno un'emissione che tende a compensare l'enfasi naturale dell'ambiente avendo un una emissione che cala di 12db per ottava riducendo i problemi di risonanza.
Oggi i sistemi dotati di correzione ambientale attiva (tipo gli avr dotati di audissey) tramite dsp permettono correzioni più puntuali e meno approssimtive. non è che risolvano sempre TUTTI i problemi ma rendono più utilizzabili sub ad alte prestazioni anche in ambienti non semplicissimi.
Alcuni odiano questi sistemi perchè li ritengono artificiosi e poco hifi...altri non ne possono fare a meno.
Per me se l'uso è quello dell'ht danno una grossa mano. In ambito musicale bisogna valutare caso per caso.

Ricapitolando se hai budget a sufficienza prenditi il pb2000 altrimenti il pb1000...

2) Lascerei perdere il basso.

El Alquimista 04-02-2018 15:34

Quote:

Originariamente inviato da Nurabsa (Messaggio 45350216)
Ultimamente ha migliorato la sua efficienza con i nuovi marantz.

una cosa è parlare di efficienza e/o caratteristiche del componente,
ma se ... inseriamo l'accoppiamento con gli amplificatori il discorso non regge più :D

NB: gli amplificatori "con i muscoli" li noti sopratutto in gamma bassa , e carico "impegnativo" :)
... e sono capaci di stravolgere il risultato di quel tal componente :fagiano:

azi_muth 04-02-2018 16:10

Quote:

Originariamente inviato da El Alquimista (Messaggio 45350968)
una cosa è parlare di efficienza e/o caratteristiche del componente,
ma se ... inseriamo l'accoppiamento con gli amplificatori il discorso non regge più :D

NB: gli amplificatori "con i muscoli" li noti sopratutto in gamma bassa , e carico "impegnativo" :)
... e sono capaci di stravolgere il risultato di quel tal componente :fagiano:

Peggio ancora...si parlava di un SUB e quindi un diffusore ATTIVO.
Come si fa a dire che cambiando avr sia più o meno efficiente lo sa solo lui dal momento che il carico dell'ap grava sull'amplificatore interno e non su quello dell'avr.
Al massimo ci puo' essere una variazione sul gain del segnale o una diversa gestione della correzione ambientale che riduce i null cosa che si traduce in una maggiore emissione su certe frequenze...ma l'efficienza che c'entra???

Nurabsa 04-02-2018 17:26

Quote:

Originariamente inviato da El Alquimista (Messaggio 45350968)
una cosa è parlare di efficienza e/o caratteristiche del componente,
ma se ... inseriamo l'accoppiamento con gli amplificatori il discorso non regge più :D

NB: gli amplificatori "con i muscoli" li noti sopratutto in gamma bassa , e carico "impegnativo" :)
... e sono capaci di stravolgere il risultato di quel tal componente :fagiano:

E' un prodotto che ho da 15 anni gestito da vecchi avr . Se permetti qualcosa in piu di chi non l ha mai visto e ascoltato la saprò.
Da quando è gestito da audyssey col 7011 con un quarto del volume sub, si sente meglio a reggimi sostenuti ma soprattutto funziona anche a basso volume.
Ha migliorato la sua efficienza perche consuma meno e si sente meglio.
E non è un discorso solo di intesità di segnale perche nei vecchio modelli anche almentando il gain andava male. Migliorava in basso peggiorava in alto.
Se c'èra una cosa per cui rimpiangevo il contrapposto era l efficienza a basso volume cosa che oggi ho risolto anche sul modello reflex grazie all avr.

Ascoltare chi un prodotto c'è l ha da 15 anni ed imparare una volta tanto non farebbe male. Anche perche a casa mia chi parla senza avere il prodotto e peggio ancora senza averlo mai sentito non ha molta credibilità.

Nurabsa 04-02-2018 17:33

Quote:

Originariamente inviato da azi_muth (Messaggio 45350936)
Per curiosità postami il link in pm vorrei proprio vedere chi ha scritto un tale fesseria, in passato lo avrebbero scuoiato...:D
Magari qualche sforzo in più in quel forum lo faccio...perchè una volta scrivevo molto in tema di sub su quel sito.

parli senza avere i prodotto e critichi chi lo configura e lo scolta da 15 anni. Credibilità zero.
In oltre non potendo argomentare perche non possiedi il prodotto hai pure tirato in ballo altri lidi. La questione è chiusa.

El Alquimista 04-02-2018 17:40

Quote:

Originariamente inviato da Nurabsa (Messaggio 45351183)
cut..

non entro nel merito della tua configurazione,
e sono contento che hai raggiunto un buon risultato che ti soddisfa.

Non mi addentro nei meandri di cose che non ho provato con mano,
la mia era una puntualizzazione tecnica a livello generale.

mi piace la tua moto :D

Nurabsa 04-02-2018 17:49

Efficienza

"L'efficienza si definisce come rapporto fra la potenza acustica resa e la potenza elettrica fornita: essendo un rapporto fra potenze, quindi fra grandezze omogenee, l'efficienza è un numero adimensionale (un numero puro).

La potenza acustica si misura in Watt acustici, la potenza elettrica si misura in Watt elettrici.

Questa in realtà è una definizione teorica o nominale, in quanto la potenza elettrica realmente fornita all'altoparlante è difficilmente definibile, come si è visto in relazione alla sensibilità."

Nurabsa 04-02-2018 18:00

Quote:

Originariamente inviato da El Alquimista (Messaggio 45351215)
non entro nel merito della tua configurazione,
e sono contento che hai raggiunto un buon risultato che ti soddisfa.

Non mi addentro nei meandri di cose che non ho provato con mano,
la mia era una puntualizzazione tecnica a livello generale.

mi piace la tua moto :D

grazie :) Non è stato semplice trovare il finale vintage.
Ogni tanto un pizzico di fortuna non guasta :fagiano:

azi_muth 04-02-2018 18:26

Quote:

Originariamente inviato da Nurabsa (Messaggio 45351183)
Ha migliorato la sua efficienza perche consuma meno e si sente meglio.
Ascoltare chi un prodotto c'è l ha da 15 anni ed imparare una volta tanto non farebbe male. Anche perche a casa mia chi parla senza avere il prodotto e peggio ancora senza averlo mai sentito non ha molta credibilità.

L'hai misurata? E come?

P.S.
Aspetto ancora il link con il tizio che ha sostenuto la tua tesi.

Quote:

Originariamente inviato da Nurabsa (Messaggio 45351240)
Efficienza

"L'efficienza si definisce come rapporto fra la potenza acustica resa e la potenza elettrica fornita: essendo un rapporto fra potenze, quindi fra grandezze omogenee, l'efficienza è un numero adimensionale (un numero puro).

La potenza acustica si misura in Watt acustici, la potenza elettrica si misura in Watt elettrici.

Questa in realtà è una definizione teorica o nominale, in quanto la potenza elettrica realmente fornita all'altoparlante è difficilmente definibile, come si è visto in relazione alla sensibilità."


Ok il punto è che l'elemento più importante a determinare l'efficienza è l'altoparlante che a parità di potenza sonora emessa puo' richiedere una maggiore o minore potenza a seconda dell'impedenza.
Minore è l'impedenza, maggiore è la potenza dissipata, minore l'efficienza. Sia che ci colleghiamo un amplificatore da 1000W che uno da 100W (e trascurando la resistenza interna dell'amplificatore) la quantità di potenza dissipata e quindi l'efficienza sarà la medesima perchè il carico è lo stesso a parità di emissione.
Ora se è vero che amplificatori diversi possono avere una diversa resa sonora con lo stesso carico o meglio con lo stesso ap, faccio notare che si parlava di sub attivi.

Il carico (l'ap ) è lo stesso così come lo è l'amplificatore che lo muove.
Se cambi solo la sorgente non ci puo' essere una variazione di efficienza perchè, non varia nè la potenza applicata, nè l'altoparlante.

Non metto in dubbio che ci siano delle variazioni ( probabilmente dovute all'audisseyXT32 del marantz) ma che che stai chiamando efficienza una cosa che non lo è.
Se c'è una variazione nel suono l'efficienza non c'entra nulla.

Nurabsa 05-02-2018 10:44

Quote:

Originariamente inviato da BrandyCapp (Messaggio 45351974)
Perdona la pignoleria e pedanteria... ma tecnicamente il termine "efficienza" in quel contesto non è corretto e purtroppo è fuorviante, cioè: in realtà varia soltanto la resa del suono del subwoofer in rapporto al diverso AV collegato, ma questo accade perché varia il segnale in ingresso... sennò sarebbe un po' come dire che abbassando o alzando il volume aumento o diminuisco l'efficienza, no! aumento o abbasso solo il volume ;) ... che poi lo puoi anche dire eh, ma volendo farti le pulci non è il termine corretto :)


Forse ho capito dove nasce l equivoco.
Hai ragione fino a ieri alzare o abbassare il volume non incideva sull efficienza elettrica e quindi sui consumi.

Comunico a chi non possiede un avr di nuova generazione che hanno invetato una cosa chiamata eco-mode.
Oggi alzare il volume significa consumare di piu e abbassarlo significa consumare di meno.
L avr ha dei relè di controllo che si attivano con tipico click, in fuzione all intesita di volume. Il tutto per fornire piu o meno corrente ai finali.

Ogni tanto chiedere a chi possiede prodotti aggiornati ed ha la fortuna di dedicare budget alle proprie passioni non guasta. Potrebbe essere un occasione per imparare qualcosa.
L impressione ma spero di sbagliarmi è che parla spesso chi una cosa non c'è l ha non l ha mai vista e non essendo aggiornato sui nuovi modelli non puo avere percezione dei cambiamenti/migliorie.

Nurabsa 05-02-2018 10:57

Quote:

Originariamente inviato da azi_muth (Messaggio 45351312)
L'hai misurata? E come?
Ok il punto è che l'elemento più importante a determinare l'efficienza è l'altoparlante che a parità di potenza sonora emessa puo' richiedere una maggiore o minore potenza a seconda dell'impedenza.
Minore è l'impedenza, maggiore è la potenza dissipata, minore l'efficienza. Sia che ci colleghiamo un amplificatore da 1000W che uno da 100W (e trascurando la resistenza interna dell'amplificatore) la quantità di potenza dissipata e quindi l'efficienza sarà la medesima perchè il carico è lo stesso a parità di emissione.
Ora se è vero che amplificatori diversi possono avere una diversa resa sonora con lo stesso carico o meglio con lo stesso ap, faccio notare che si parlava di sub attivi.

Il carico (l'ap ) è lo stesso così come lo è l'amplificatore che lo muove.
Se cambi solo la sorgente non ci puo' essere una variazione di efficienza perchè, non varia nè la potenza applicata, nè l'altoparlante.

Non metto in dubbio che ci siano delle variazioni ( probabilmente dovute all'audisseyXT32 del marantz) ma che che stai chiamando efficienza una cosa che non lo è.
Se c'è una variazione nel suono l'efficienza non c'entra nulla.

per 15 anni il volume sub è stato al 50% fisso. Se andavo sotto il 50 andava andava male ai bassi se andavo sopra il 50 andava male in alto.

Oggi grazie all elettronica/gestione software del 7011 con il 25% va molto meglio in basso e senza perdite a volume sostenuto.

Ora se una riduzione del 25% non è efficienza.. con tanto di relè che scattano cè da riflettere.
Per darti un idea se non sto attento in sub entra in auto-standby tanta è stata la riduzione

sgress 05-02-2018 15:11

Vorrei capire se audissey calibra momento per momento l amplificatore o se lo fa solo come calibrazione inziale.
Possiedo un sinto amplificatore yamaha e ho fatto la calbrazione con ypao, sarebbe la stessa cosa?
Se audissey calibra in tempo reale il sinto, dove si trova il suo microfono? Se il microfono si trova sul sinto sarebbe una misura accurata dato che il punto di ascolto quasi certamente non corrisponde alla posizione del sinto?

azi_muth 05-02-2018 16:47

Quote:

Originariamente inviato da Nurabsa (Messaggio 45352332)
Forse ho capito dove nasce l equivoco.
Hai ragione fino a ieri alzare o abbassare il volume non incideva sull efficienza elettrica e quindi sui consumi.

Comunico a chi non possiede un avr di nuova generazione che hanno invetato una cosa chiamata eco-mode.

Non è esattamente una novità...ma nel caso specifico non c'entra assolutamente NULLA.
Stai confondendo due cose che sono diverse.

Quote:

Originariamente inviato da Nurabsa (Messaggio 45352362)
per 15 anni il volume sub è stato al 50% fisso. Se andavo sotto il 50 andava andava male ai bassi se andavo sopra il 50 andava male in alto.

Oggi grazie all elettronica/gestione software del 7011 con il 25% va molto meglio in basso e senza perdite a volume sostenuto.

Ora se una riduzione del 25% non è efficienza.. con tanto di relè che scattano cè da riflettere.
Per darti un idea se non sto attento in sub entra in auto-standby tanta è stata la riduzione

L'efficienza del sub che non puo' cambiare dal momento che sempre quello l'altoparlante e l'ampli che lo muovono sono i medesimi...
Cosa usavi prima come avr?

azi_muth 05-02-2018 17:00

Quote:

Originariamente inviato da sgress (Messaggio 45353232)
Vorrei capire se audissey calibra momento per momento l amplificatore o se lo fa solo come calibrazione inziale.
Possiedo un sinto amplificatore yamaha e ho fatto la calbrazione con ypao, sarebbe la stessa cosa?
Se audissey calibra in tempo reale il sinto, dove si trova il suo microfono? Se il microfono si trova sul sinto sarebbe una misura accurata dato che il punto di ascolto quasi certamente non corrisponde alla posizione del sinto?

Non ci sono calibrazioni in tempo reale semplicemente perchè non è necessario.
I diffusori non si muovono mica per la stanza di solito...una volta posizionati dovrebbero essere fissi
Ypao è l'analogo di audissey in casa yamaha.

Il microfono lo devi mettere nel punto di ascolto.
Audissey usa più punti di misurazione nella zona d'ascolto e poi elabora la correzione facendo una media...

Nurabsa 06-02-2018 11:44

La discussione è degenerata inizialmente mi riferivo ai cosumi dell impianto per intero.
Ho capito cosa intendete dire vi riferite esclusivamente al sub attivo. Voi parlate di efficienza acustica io elettrica

Nurabsa 06-02-2018 12:00

Quote:

Originariamente inviato da azi_muth (Messaggio 45353508)
L'efficienza del sub che non puo' cambiare dal momento che sempre quello l'altoparlante e l'ampli che lo muovono sono i medesimi...
Cosa usavi prima come avr?

si ma l impedenza varia non è mai quella dichiarata. Quindi un trasduttore dichiarato 8ohm in base al carico oscillera anche di tanto. Modificando drasticamente l efficienza acustica.
I valori dichiarati di avr e diffusori sono ottenuti in determinate condizioni.
Dai chiudiamola qui.

Ho usato per anni un sr4200 non avendo budget da investire.
Poi gradualmente sono passato ad un 5200 usando il 4200 come pre.
Negli ultimi anni ho avuto la fortuna di potere dedicare tempo e risorse. E con un pizzico di fortuna adesso ho un 7011 come pre+sub.
Mentre come finali ho un sr 9300 per il fronte anteriore ed un sr9200 per il fronte posteriore.

Appena possibile vorrei realizzzare con i 14 finali identici una configurazione atmos/auro 10/11ch.

Tonisettequattro 06-02-2018 12:19

Quote:

Originariamente inviato da Nurabsa (Messaggio 45355146)
si ma l impedenza varia non è mai quella dichiarata. Quindi un trasduttore dichiarato 8ohm in base al carico oscillera anche di tanto. Modificando drasticamente l efficienza acustica.
I valori dichiarati di avr e diffusori sono ottenuti in determinate condizioni.
.h.

Si ma tutto ciò non dipende dal segnale che invii in ingresso al sub, per cui usando un avr o un altro non fa differenza in termini di efficienza...

L ampli interno del sub attivo dovrebbe essere in grado di raddoppiare la potenza erogata qualora la impedenza si dimezzi e ne consegue un consumo maggiore, ma tutto ciò avviene all'interno del sub indipendente dalla sorgente a lui collegata

azi_muth 06-02-2018 17:36

Quote:

Originariamente inviato da Nurabsa (Messaggio 45355146)
La discussione è degenerata inizialmente mi riferivo ai cosumi dell impianto per intero.
Ho capito cosa intendete dire vi riferite esclusivamente al sub attivo. Voi parlate di efficienza acustica io elettrica

Il riferimento era piuttosto chiaro almeno per chi sa di cosa si sta parlando.
Prima di partire in quarta con il dire che gli altri che gli altri hanno " credibilità zero" e qualcosa da "imparare" forse sarebbe meglio verificare cosa si sappia.
Da quello che ho letto mi sembra che siano poche cose, molto ben confuse condite con una buona dose di presunzione.
Per il resto meglio tacere.

Quote:

Originariamente inviato da Nurabsa (Messaggio 45355146)
Ho usato per anni un sr4200 non avendo budget da investire.
Poi gradualmente sono passato ad un 5200 usando il 4200 come pre.
Negli ultimi anni ho avuto la fortuna di potere dedicare tempo e risorse.

Ecco appunto. Sei passato da non avere una correzione ambientale per niente e un sinto modesto ad avere un buon sinto con una correzione ambientale abbastanza efficace.
Questo è sufficiente a spiegare le differenze...

Nurabsa 07-02-2018 08:39

Quote:

Originariamente inviato da azi_muth (Messaggio 45356152)
Il riferimento era piuttosto chiaro almeno per chi sa di cosa si sta parlando.
Prima di partire in quarta con il dire che gli altri che gli altri hanno " credibilità zero" e qualcosa da "imparare" forse sarebbe meglio verificare cosa si sappia.
Da quello che ho letto mi sembra che siano poche cose, molto ben confuse condite con una buona dose di presunzione.
Per il resto meglio tacere.

In quarta sei partito te io davo consigli ad un altro utente. Mi sono sentito attaccato per di piu con la storia di non conoscere il sub e dell impedenza fissa tra amplificazione/trasduttori..

Ad ogni modo mi scuso se ho usato toni forti .

Quote:

Originariamente inviato da azi_muth (Messaggio 45356152)
Ecco appunto. Sei passato da non avere una correzione ambientale per niente e un sinto modesto ad avere un buon sinto con una correzione ambientale abbastanza efficace.
Questo è sufficiente a spiegare le differenze...

scrivo elettroniche moderne da 2 pagine.Rileggi.

azi_muth 08-02-2018 18:44

Quote:

Originariamente inviato da Nurabsa (Messaggio 45357175)
In quarta sei partito te io davo consigli ad un altro utente. Mi sono sentito attaccato per di piu con la storia di non conoscere il sub e dell impedenza fissa tra amplificazione/trasduttori..
Ad ogni modo mi scuso se ho usato toni forti .

Anche perchè non era un'attacco ma una constatazione...nemmeno tanta sbagliata
Ma lasciamo perdere.

Quote:

Originariamente inviato da Nurabsa (Messaggio 45357175)
scrivo elettroniche moderne da 2 pagine.Rileggi.

E io sono 2 pagine che sostengo che le variazioni che senti sono dovute all'audisseyXT32 del marantz più che a un fantomatico concetto di efficienza che non c'entra un tubo.
Puoi prendere un'elettronica "moderna" ed avere una pessima gestione del sub.
Gli avr più diffusi utilizzano almeno 4 sistemi di calibrazione diversa ( ARC, Ypao, Audissey, AccuEq) e alcuni di essi hanno diversi livelli di efficacia.
Per esempio nella famiglia audissey solo l'XT32 presente nelle versioni più costose e in alcune situazioni ambientali ha una buona efficacia..
Gli altri lasciano il tempo che trovano tanto da che molti preferiscono disabilitarli.

Nurabsa 09-02-2018 09:51

Quote:

Originariamente inviato da azi_muth (Messaggio 45361246)
E io sono 2 pagine che sostengo che le variazioni che senti sono dovute all'audisseyXT32 del marantz più che a un fantomatico concetto di efficienza che non c'entra un tubo.
Puoi prendere un'elettronica "moderna" ed avere una pessima gestione del sub.
Gli avr più diffusi utilizzano almeno 4 sistemi di calibrazione diversa ( ARC, Ypao, Audissey, AccuEq) e alcuni di essi hanno diversi livelli di efficacia.
Per esempio nella famiglia audissey solo l'XT32 presente nelle versioni più costose e in alcune situazioni ambientali ha una buona efficacia..
Gli altri lasciano il tempo che trovano tanto da che molti preferiscono disabilitarli.

si mi è chiaro il tuo punto di vista :)

xt32 ha le sue beghe ma anche i suoi pro.
Sul reference level è perfetta 75db per il sub e 85 nei ch come da specifiche sala.
Tende ad abilitare il full large da me ed il cross sigolo. Prontamente correto manualmente.


Tutti gli orari sono GMT +1. Ora sono le: 19:41.

Powered by vBulletin® Version 3.6.4
Copyright ©2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
Hardware Upgrade S.r.l.