Hardware Upgrade Forum

Hardware Upgrade Forum (https://www.hwupgrade.it/forum/index.php)
-   Scienza e tecnica (https://www.hwupgrade.it/forum/forumdisplay.php?f=91)
-   -   Legamento crociato anteriore (https://www.hwupgrade.it/forum/showthread.php?t=498329)


Delfino81 24-08-2010 08:19

Quote:

Originariamente inviato da sKi_54 (Messaggio 32889288)
Essendo appena passato dalla stessa esperienza che stai per affrontare, vorrei dire che preparare la gamba non solo non è inutile, ma indispensabile!Arrivare con la zampa in ottime condizioni (per quanto possibile, data la menomazione) significa lasciarla meno decadere durante la forzata immobilità a seguito dell'intervento.
Quindi direi che è fondamentale il pre-intervento, come è importante già la prima settimana dopo l'intervento, al fine di limitare il decadimento muscolare.

Certo che un mese è proprio poco per fare una preparazione decente, ma puoi provarci ...
L'ortopedico ha detto che è inutile, ma forse si riferiva ad un recupero per la comune vita di relazione (divano, bar, spiaggia, ufficio) e non certo per un recupero sportivo.
Secondo voi perchè gli atleti professionisti riprendono così presto? Non certo solo per il professore che li ha operati o per i fisioterapisti che li seguono post-operazione, ma soprattutto perchè partono da una condizione fisica molto vantaggiosa.

io nn ho affrontato alcuna operazione ma non posso non quotare l'amico ski_54....e mi meraviglia come un chirurgo affermato come Mariani abbia potuto dire una castroneria simile.... :mbe: intendiamoci, non pè che se nn fai ginnastica non ti rialzi in piedi dopo l'operazione, ma i tempi di recupero si allunghino di un pochetto....perchè dopo lì'operazione il quadricipite scende di un bel po' (anche lì è soggetivo a chi scende di piu chi meno) e converrai con me che se scende un quadricipite da forza 100 a forza 70 è cosa diversa che se scende un quadricipite da forza 70 a forza 40....

cmq hop notato anche che la rottura stessa di qualche legamento, a prescinderre dallì'operazione, fa scendere il quadricipte di tono, e anche qua c'è a chi scende di piu a chi meno.....voi cm stavate messi? un mio amico, rottura completa di LCA gli si vede proprio a occhio nudo che an gamba è piu piccola dell'altra, a me nopn è sceso quasi di una mazza (1 cm di differenza è pure troppo))..forse perche trattasidi lesioni parziali...


riguardo gli scrosci articolari, quoto Stefano, avvengono anche nella gamba sana, ma anche se ion quella operata si avvertono di piu, (cosi come in quell "traumatizzata" prima dell'operazione), credo sia na cosa normale, perchè alla fine la rottura in sè ma anche l'operazione in sè altera pur sempre un "equilibrio interno" che madre natura ha donato....tanto piu poi che stiamo a parlare di una struttra altamente articolata e funzionale come il ginocchio.... spiritoso fu uno dei chirurghi da me interpellato, quano gli chiesi se dopop l'operzioen si torna come prima (e nel mio caso il "ritocchino" era sia su LCA che LCP) mi disse che x tornare come prima bisognava non aver avuto l'incidente...alla fine ha ragione.... la chirurgia ripara, ma non restituisce l'integrità! restituisce però la funzionalità di un organo o di una struttura....funzionalità che può essere anche alla pari di prima, qualcuno dice che si torna "meglio di prima" ma è ovvio che un chirurgo non è come madre natura, pero puo essere come è capitato a Stefano,che la prima riabilitazione post operatoria diventi l'inizio di un nuovo "cammino di fede" :D a livello sportivo, e allora tra un ginocchio ben operato e sportivamente ben sollecitato e un ginocchio sano ma "sedentario" (sedentario nojn è il povbero ginocchio x sua scelta ma lo sarebbe il padrone ), ci si sente meglio nel primo caso....

e sono anche d'accordo quando Stefano dice che ci si fissa....:muro: e io ne sono il caso piu lampante.... ho abbandonato senza troppe lacrimucce gli sport a rischio come il calcetto proprio xke sn sedentario x natura, ma ogni tanto mi metto a fare dei movimenti stronzi giusto x testare la forza delle gambe...e ad esempio se sto in Chiesa, mi genufletto davanti a Gesù co0n la gamba sana, e davanti alla statua della MAdonna con quella azzoppata, (e il Signore sarà il primo che quando mi guarda dalla Croce penserà "povero Cristo questo qua sta messo male!) oppure se devo allacciarmi le scarpe, o prendere na cosa da terra, mi accovaccio a tipo ranocchia x studiare l'eventuale dolore che en scaturisce e vedere se è ionferiore o superiore a qualche tempo prima ecc..poi ovvio che se "ci prendo gusto" con sti sforzi il ginocchio si infiamma x davvero.....e manco x una bella partita di pallone ma x ste cazate...si puo essre piu coglioni? :D :Prrr: :muro: credo di no! :doh:

MGianluca 24-08-2010 11:44

Quote:

Originariamente inviato da Stefano Landau (Messaggio 32899561)
Io non mi sono mai accorto prima di operarmi di rumori alle ginocchia. Ogni tanto ora un po' di rumore lo avverto.
Però lo avverto a volte anche dal ginocchio sano. Questo potrebbe stare ad indicare che semplicemente prima non avevo mai posto attenzione alla cosa e non l'avevo notata.
Ora siamo concentrati a cercare ogni segnale dal ginocchio ......... e così ci accorgiamo di cose che non avevamo mai notato ma è probabile che ci fossero anche prima!

I rumori comunque vengono definiti scrosci articolari e da quanto sentito su questo forum sono assolutamente normali.

Prima di riprendere a fare attività sportive intense (dipende poi dal livello) si potrebbe magari fare una visita medica magari per attività sportive di livello agonistico (Facendo presente ovviamente al medico che si è stati operati.....). In questo modo si è sicuri di essere a posto, non solo per il ginocchio ma anche per tutto il resto.

Il test isocinetico ti dirà se ci sono differenze tra una gamba e l'altra (cosa quasi sicura.......) ma secondo me serve un medico od un allenatore (oppure un fisioterapista ) per sapere interpretare i risultati del test.

Io da marzo 2009 (Quando sono stato operato) o recuperato tutto oramai. Però vedo che ora la gamba sana è più potente, ma si stanca prima, quella operata è un pochino meno potente, ma è più resistente.

C'è da dire che io ho 44 anni e non sono mai stato uno molto sportivo (Eccetto il periodo dall'operazione ad oggi)
Da un anno a questa parte, dopo i primi 4 mesi di fisioterapia sono sempre andato in palestra seguito una volta alla settimana da un personal Trainer e nelle altre 1 o 2 volte facevo pesi/Macchine o spinning.
Ora ogni tanto vado anche a correre.
2 Anni fa per me fare 1 km di corsa era un impresa quasi impossibile (partivo anche troppo veloce però......)
Ora sono in grado di fare anche 1 ora di corsa lenta (circa 8-9 km) senza troppi problemi!

Il test isocinetico oltre a fare una comparazione forza/massa tra le due gambe mettere in rilievo anche la capacità di torsione dell'una rispetto all'altra? ti chiedo questo perchè nonostante mi sottoponga ad un allenamento intenso (2/3 sedute di macchine + 2 gg. di sola corsa alla settimana) e sia andato anche in montagna scendendo su ripidi ghiaioni e tutto sia andato bene, il pensiero di una torsione forzata mi inquieta un pò, ma credo sia anche la prova del nove, probabilmente è solo un "blocco mentale".

alex642002 24-08-2010 14:40

Quote:

Originariamente inviato da MGianluca (Messaggio 32896462)
Dopo un anno e quattro mesi dal intervento LCA con metodo rotuleo e costante allenamento, il mio ginocchio sembra andare bene anche se avverto quando fletto e rilascio la gamba un leggero scricchiolio un pò più evidente rispetto alla gamba sana, mi devo preoccupare?

Anche il mio ortopedico mi ha detto di non preoccuparmi:io tra l'altro li avverto alla gamba "sana".

Stefano Landau 24-08-2010 17:31

Quote:

Originariamente inviato da MGianluca (Messaggio 32902881)
Il test isocinetico oltre a fare una comparazione forza/massa tra le due gambe mettere in rilievo anche la capacità di torsione dell'una rispetto all'altra? ti chiedo questo perchè nonostante mi sottoponga ad un allenamento intenso (2/3 sedute di macchine + 2 gg. di sola corsa alla settimana) e sia andato anche in montagna scendendo su ripidi ghiaioni e tutto sia andato bene, il pensiero di una torsione forzata mi inquieta un pò, ma credo sia anche la prova del nove, probabilmente è solo un "blocco mentale".

Da una Descrizione di Gomma, credo che il test misuri solo la forza e la potenza muscolare (credo, perchè io non l'ho mai fatto).

La stabilità del ginocchio di solito viene valutata dall'ortopedico nelle visite post-operatorie. Nel mio caso l'ultima 4 mesi dopo l'operazione.

Per quanto ne so l'operazione ripristina in parte la funzionalità originale del legamento.
Ci sono due tipi di ricostruzione. La prima, la più semplice e veloce (anche come recupero, ed anche la più usata) blocca i movimenti che possono esserci tra tibia e femore (scivolamenti avanti indietro...... movimento a "Cassetto" del ginocchio).

La seconda tecnica invece utilizzando più fasci ancorati in un modo differente, invece stabilizza anche movimenti torsionali del ginocchio. Però questa tecnica è più complessa, per cui l'operazione è più lunga ed il recupero è più lungo e difficile.

Questa seconda tecnica viene utilizzata poche volte in quanto generalmente la prima è sufficiente per il 90 % o più delle persone. (come nel mio caso)

Però durante la fisioterapia mi hanno detto per esempio di evitare il nuoto a "Rana" in quanto il particolare movimento fatto di torsione va a sollecitare il ginocchio in maniera anomala.

Io ho pure fatto qualche pezzo nuotando a rana senza nessun problema. In effetti il mio fisioterapista mi ha anche detto che il nuoto a rana andrebbe evitato, ma potrei iniziare ad avere problemi dopo un'intera sessione di nuoto a rana in piscina : per esempio, se facessi un ora di nuoto a Rana ad alto livello, probabilmente uscirei dall'acqua con il ginocchio dolorante o gonfio, mentre pochi minuti non fanno praticamente nulla.

Questo però per dire che in effetti il ginocchio non è più esattamente come prima, anche se in prima approssimazione si può fare (quasi) tutto quello che si faceva prima. Per alcune cose magari è meglio prestare un po' più di attenzione.

MGianluca 25-08-2010 08:31

Quote:

Originariamente inviato da Stefano Landau (Messaggio 32906191)
Da una Descrizione di Gomma, credo che il test misuri solo la forza e la potenza muscolare (credo, perchè io non l'ho mai fatto).

La stabilità del ginocchio di solito viene valutata dall'ortopedico nelle visite post-operatorie. Nel mio caso l'ultima 4 mesi dopo l'operazione.

Per quanto ne so l'operazione ripristina in parte la funzionalità originale del legamento.
Ci sono due tipi di ricostruzione. La prima, la più semplice e veloce (anche come recupero, ed anche la più usata) blocca i movimenti che possono esserci tra tibia e femore (scivolamenti avanti indietro...... movimento a "Cassetto" del ginocchio).

La seconda tecnica invece utilizzando più fasci ancorati in un modo differente, invece stabilizza anche movimenti torsionali del ginocchio. Però questa tecnica è più complessa, per cui l'operazione è più lunga ed il recupero è più lungo e difficile.

Questa seconda tecnica viene utilizzata poche volte in quanto generalmente la prima è sufficiente per il 90 % o più delle persone. (come nel mio caso)

Però durante la fisioterapia mi hanno detto per esempio di evitare il nuoto a "Rana" in quanto il particolare movimento fatto di torsione va a sollecitare il ginocchio in maniera anomala.

Io ho pure fatto qualche pezzo nuotando a rana senza nessun problema. In effetti il mio fisioterapista mi ha anche detto che il nuoto a rana andrebbe evitato, ma potrei iniziare ad avere problemi dopo un'intera sessione di nuoto a rana in piscina : per esempio, se facessi un ora di nuoto a Rana ad alto livello, probabilmente uscirei dall'acqua con il ginocchio dolorante o gonfio, mentre pochi minuti non fanno praticamente nulla.

Questo però per dire che in effetti il ginocchio non è più esattamente come prima, anche se in prima approssimazione si può fare (quasi) tutto quello che si faceva prima. Per alcune cose magari è meglio prestare un po' più di attenzione.

Anche a me dissero di evitare lo stile rana nel nuoto ma credo si riferissero solo nella fase di riabilitazione post operatoria (quindi 4/6 mesi successivi all'intervento). Comunque ho prenotato il test isocinetico in un centro riabilitativo per domani pomeriggio e vi saprò dire meglio se serve a qualcosa o meno.

Stefano Landau 25-08-2010 10:49

Quote:

Originariamente inviato da MGianluca (Messaggio 32909752)
Anche a me dissero di evitare lo stile rana nel nuoto ma credo si riferissero solo nella fase di riabilitazione post operatoria (quindi 4/6 mesi successivi all'intervento). Comunque ho prenotato il test isocinetico in un centro riabilitativo per domani pomeriggio e vi saprò dire meglio se serve a qualcosa o meno.

Quando mi hanno detto di evitare di nuotare a Rana pensavo anch'io ai primi 6 mesi, ma da come lo dicevano sembrava che la cosa fosse per sempre. Così ho chiesto conferma (ma se tra 2 anni......... ) e loro mi hanno detto che se possibile è meglio evitare, specificando che però pochi minuti di nuoto a rana a ritmo blando non avrebbero fatto nulla, però nuotando per un ora a livello intenso poteva dar problemi al ginocchio. Anche anni dopo l'operazione!

Vlt_Software 25-08-2010 14:54

Già che ho un attimo accesso al portatile, vi posto anche la mia situazione: mi hanno operato venerdì scorso al crociato anteriore della gamba destra. Operazione ok, ora sono con stampelle + tutore e faccio i primi movimenti per tenere in allenamento la gamba (estensione, piegarla fino a 90 gradi, o almeno ci provo).
Anni fa mi sono infortunato all'altra gamba,la sinistra, sempre crociato anteriore. Solo che ero ancora minorenne e non mi hanno operato... ho fatto un po' di potenziamento, per giocare a calcetto con gli amici utilizzavo un tutore.
A breve dovrei iniziare fisioterapia per il ginocchio appena operato, mentre per l'altro ci sono ancora dubbi... nell'ultima visita il medico ha detto che per lui non è da operare, è abbastanza resistente, potrebbe bastare del potenziamento.
Consigli? qualcuno di voi ha già subito operazioni simili? Tenete conto che almeno a tornare a giocare a calcetto ci terrei ;)

linux76 25-08-2010 15:29

Legamento crociato
 
Ciao a tutti, io sono nuovo di questo sito, ma anche io, purtroppo, dovrò operarmi al LCA. Volevo chiedervi se conoscete il nome di qualche bravo chirurgo, possibilmente zona campania, ma anche lazio andrebbe bene. Ne ho girati diversi. L'ultimo è stato Di Vico alla clinica di maddaloni, caserta. E' molto giovane e mi dicono molto bravo. Un altra cosa: credete nel sintetico? Sono stato da Antonelli, a Napoli e mi ha parlato di questo tipo: ha una lista di attesa di 3-4 mesi.
Vi ringrazio.
Lino

Stefano Landau 25-08-2010 17:24

Quote:

Originariamente inviato da Vlt_Software (Messaggio 32913339)
Già che ho un attimo accesso al portatile, vi posto anche la mia situazione: mi hanno operato venerdì scorso al crociato anteriore della gamba destra. Operazione ok, ora sono con stampelle + tutore e faccio i primi movimenti per tenere in allenamento la gamba (estensione, piegarla fino a 90 gradi, o almeno ci provo).
Anni fa mi sono infortunato all'altra gamba,la sinistra, sempre crociato anteriore. Solo che ero ancora minorenne e non mi hanno operato... ho fatto un po' di potenziamento, per giocare a calcetto con gli amici utilizzavo un tutore.
A breve dovrei iniziare fisioterapia per il ginocchio appena operato, mentre per l'altro ci sono ancora dubbi... nell'ultima visita il medico ha detto che per lui non è da operare, è abbastanza resistente, potrebbe bastare del potenziamento.
Consigli? qualcuno di voi ha già subito operazioni simili? Tenete conto che almeno a tornare a giocare a calcetto ci terrei ;)

Quote:

Originariamente inviato da linux76 (Messaggio 32913676)
Ciao a tutti, io sono nuovo di questo sito, ma anche io, purtroppo, dovrò operarmi al LCA. Volevo chiedervi se conoscete il nome di qualche bravo chirurgo, possibilmente zona campania, ma anche lazio andrebbe bene. Ne ho girati diversi. L'ultimo è stato Di Vico alla clinica di maddaloni, caserta. E' molto giovane e mi dicono molto bravo. Un altra cosa: credete nel sintetico? Sono stato da Antonelli, a Napoli e mi ha parlato di questo tipo: ha una lista di attesa di 3-4 mesi.
Vi ringrazio.
Lino

Malvenuti ;) (come si dice da queste parti) nel nostro gruppo.

Nell'attesa che ricompaia il nostro massimo esperto Gomma provo a rispondere io.
Per il calcetto :
Se il legamento è solo lesionato, potenziando la muscolatura si irrobustisce il ginocchio e lo si protegge. C'è da tenere presente che il legamento è più debole e quindi sarà un po' più facile romperlo. Io stesso ho scoperto di avere il legamento lesionato dopo averlo rotto e ci ho sciato sopra senza nessun problema per almeno 15 anni. Poi si è rotto in una delle cadute più banali che abbia mai fatto!

Quindi una volta recuperato il ginocchio operato secondo me (Ma è sempre meglio sentire l'ortopedico che valuta caso per caso) potenziando bene anche l'altra gamba (quella con il legamento lesionato) si può tornare a fare quello che si faceva prima, essendo coscienti però di avere un ginocchio un po' più debole.

Per l'altra domanda invece in Campania non conosco nessuno, mentre in Lazio su questo forum ho letto molto di Villa Stweart (o qualche cosa del genere.....) e del prof. Mariani.
Essendo di Milano di più non ti so dire.
Sui legamenti sintetici mi sembra di aver letto che vengono utilizzati per pazienti un po' più avanti con gli anni (io ho 44 anni e sono stato operato con il gracile + semitendinoso 1 anno fa) e magari con altre strutture del ginocchio compromesse.
Per non debilitare ulteriormente la zona togliendo un tendine per ricostruire il legamento allora utilizzano i legamenti sintetici (o anche quelli da donatore) ma sono tecniche poco utilizzate in Italia.
Con il sintetico la ripresa è più veloce ma credo che l'impianto duri di meno, mentre con quello da donatore, essendo impiantato un corpo estraneo, l'integrazione con i tessuti è più lenta.
Però sull'argomento ci sarebbe da fare qualche ricerca più approfondita (qualcuno in questo forum ne ha parlato qualche mese fa.....) in quando ne so molto poco, oppure sentire l'ortopedico (che però per mia esperienza personale tende a parlare il minimo indispensabile. Tutto quello che l'ho scoperto su questo forum e su internet)

alex642002 25-08-2010 18:23

Quote:

Originariamente inviato da Vlt_Software (Messaggio 32913339)
Già che ho un attimo accesso al portatile, vi posto anche la mia situazione: mi hanno operato venerdì scorso al crociato anteriore della gamba destra. Operazione ok, ora sono con stampelle + tutore e faccio i primi movimenti per tenere in allenamento la gamba (estensione, piegarla fino a 90 gradi, o almeno ci provo).
Anni fa mi sono infortunato all'altra gamba,la sinistra, sempre crociato anteriore. Solo che ero ancora minorenne e non mi hanno operato... ho fatto un po' di potenziamento, per giocare a calcetto con gli amici utilizzavo un tutore.
A breve dovrei iniziare fisioterapia per il ginocchio appena operato, mentre per l'altro ci sono ancora dubbi... nell'ultima visita il medico ha detto che per lui non è da operare, è abbastanza resistente, potrebbe bastare del potenziamento.
Consigli? qualcuno di voi ha già subito operazioni simili? Tenete conto che almeno a tornare a giocare a calcetto ci terrei ;)

Malvenuto anche da parte mia!;)
Mi consola leggerti,perchè il mio caso è simile al tuo:io un anno e mezzo-due anni fa riportai la rottura del crociato e del menisco e la lesione del collaterale interno del ginocchio sinistro.Il mio ortopedico optò per il momento per la sola operazione al menisco.Poi vedremo,disse.E in effetti i fatti gli diedero ragione,almeno finora.Dopo 15 giorni ripresi la cyclette,dopo tre mesi ripresi a correre,dopo 6 a giocare a tennis,dopo 8 il trekking e la pallavolo:lo scorso anno ho praticato anche il nuoto,e,finora,non ho MAI avuto problemi di instabilità,eccetto un leggerissimo movimento un annetto fa.Ovviamente prima di fare qualsiasi cosa sentivo il suo parere.Questa è la mia esperienza.Secondo il mio modestissimo parere,la situazione va valutata caso per caso,come dice anche Stefano.Poi chiaro che se il LCA se lo rompe Totti non ci pensano due volte ad operarlo,perchè non possono permettersi rischi che significano milioni.

Vlt_Software 25-08-2010 19:06

Vi ringrazio per le preziose informazioni.
Ovviamente valuteremo bene con il medico che mi ha operato, l'altra volta ci ho parlato di sfuggita a proposito della gamba non operata, magari la prossima volta approfondiamo il discorso... soprattutto gli farò presente che almeno con il calcetto vorrei continuare (senza proprio non resisto :D ), così valuterà di conseguenza.
C'è da dire che il sinistro, quello non operato, è 7 anni che tutto sommato regge, e senza un gran potenziamento... me l'avevano fatto fare all'inizio subito dopo l'infortunio, poi nessuno mi ha detto di proseguire e tra una cosa e l'altra non ci ho mai pensato.
Altra domandina: ma il rischio ricadute, dopo l'intervento (e seguendo le varie tappe, fisioterapia potenziamento eccetera), è tanto grande? Ho sentito UN SACCO di persone operate e poi ri-operate per lo stesso crociato... :(

Stefano Landau 25-08-2010 22:50

Quote:

Originariamente inviato da Vlt_Software (Messaggio 32915486)
Vi ringrazio per le preziose informazioni.
Ovviamente valuteremo bene con il medico che mi ha operato, l'altra volta ci ho parlato di sfuggita a proposito della gamba non operata, magari la prossima volta approfondiamo il discorso... soprattutto gli farò presente che almeno con il calcetto vorrei continuare (senza proprio non resisto :D ), così valuterà di conseguenza.
C'è da dire che il sinistro, quello non operato, è 7 anni che tutto sommato regge, e senza un gran potenziamento... me l'avevano fatto fare all'inizio subito dopo l'infortunio, poi nessuno mi ha detto di proseguire e tra una cosa e l'altra non ci ho mai pensato.
Altra domandina: ma il rischio ricadute, dopo l'intervento (e seguendo le varie tappe, fisioterapia potenziamento eccetera), è tanto grande? Ho sentito UN SACCO di persone operate e poi ri-operate per lo stesso crociato... :(

Io per fortuna da quando leggo questo forum mi ricordo di una o due persone che si sono rotte due volte lo stesso crociato, quello che ho sentito un po più spesso è di gente che si è rotto il primo crociato e dopo un po' di tempo anche quello dell'altra gamba!

Secondo me la cosa più importante è curare la muscolatura con una buona ginnastica anche dopo l'operazione, e tenere presente che il ginocchio comunque non è più come "nuovo", e quindi è meglio non strafare.

Ovvio che il calciatore che è seguito costantemente da fior di specialisti qualche rischio in più se lo prende...... (altrimenti non gioca!) ma negli altri casi per uno sportivo normale, secondo me, senza strafare, e possibile fare di tutto, solo con un po' di prudenza e preparazione in più.

Io non ho mai giocato a calcio, però sono uno sciatore. Se prima di rompermi il legamento avessi curato un po' di più la forma fisica ........ probabilmente questo forum non lo conoscerei nemmeno. Questo perchè per fare meno fatica quando scio sto troppo dritto, questo mi permette di sciare senza far fatica, ma se la pista non è perfetta e più facile sbilanciarsi all'indietro perdendo momentaneamente il controllo degli sci e sovraccaricando le ginocchia.
Con il calcio ci saranno dinamiche differenti, ma la preparazione fisica penso conti molto anche li per evitare infortuni.

Vlt_Software 26-08-2010 10:14

Quote:

Originariamente inviato da Stefano Landau (Messaggio 32917252)
Io per fortuna da quando leggo questo forum mi ricordo di una o due persone che si sono rotte due volte lo stesso crociato, quello che ho sentito un po più spesso è di gente che si è rotto il primo crociato e dopo un po' di tempo anche quello dell'altra gamba!

... come il sottoscritto... bè incrociamo le dita ;)

Quote:

Secondo me la cosa più importante è curare la muscolatura con una buona ginnastica anche dopo l'operazione, e tenere presente che il ginocchio comunque non è più come "nuovo", e quindi è meglio non strafare.

Bè mi sembra ragionevole, vedrò di dedicarci tutto il tempo necessario, e soprattutto di aspettare l'autorizzazione del medico per tornare a giocare... ecco, magari da due partite a settimana passerò a una, tanto per andare cauto :)
Anche se ammetto che, per uno che faceva di corsa e foga agonistica le sue armi principali, il concetto di non strafare è un po' complicato.. eheh :D

Stefano Landau 26-08-2010 13:58

Quote:

Originariamente inviato da Vlt_Software (Messaggio 32919247)
...
Anche se ammetto che, per uno che faceva di corsa e foga agonistica le sue armi principali, il concetto di non strafare è un po' complicato.. eheh :D

Dal mio punto di vista invece l'infortunio ha avuto un effetto benefico. Prima ho sempre condotto una vita relativamente sedentaria.
Per me fare 1km di corsa lenta era possibile, ma molto impegnativo, finivo sbandando con le pulsazioni alle stelle (Es di 10 anni fa in un villaggio turistico.....)
Ora senza problemi faccio 8 km di corsa lenta in un ora arrivando ancora in buone condizioni.......e questo a 44 anni

Ho sfruttato l'infortunio ed il lavoro fatto con la fisioterapia per mettermi in forma come non sono mai stato (e non mi era mai capitato di fare 1 anno di palestra a 2 o 3 volte alla settimana......)

Delfino81 26-08-2010 15:35

Quote:

Originariamente inviato da linux76 (Messaggio 32913676)
Ciao a tutti, io sono nuovo di questo sito, ma anche io, purtroppo, dovrò operarmi al LCA. Volevo chiedervi se conoscete il nome di qualche bravo chirurgo, possibilmente zona campania, ma anche lazio andrebbe bene. Ne ho girati diversi. L'ultimo è stato Di Vico alla clinica di maddaloni, caserta. E' molto giovane e mi dicono molto bravo. Un altra cosa: credete nel sintetico? Sono stato da Antonelli, a Napoli e mi ha parlato di questo tipo: ha una lista di attesa di 3-4 mesi.
Vi ringrazio.
Lino

in Campania ho sentito parlare di un certo dott. Emilio LAlla che opera ad Avellino nella clinica privata (convenzionata) Villa Esther....una ragazza mia amica su facebook si è fatta un interventio di crociato anteriore e posteriore alal stessa gamba, non è proprio di routine, e ora sta bene! l'unica cosa che mi ha fatto pensare è che diceva che sto medico era x una terapia post operatoria tutt'altro che aggressiva.....le ah voluto far tenere la gamba immobile x 3 settimane senza manco fare esercizi, fosse x luimanco al cesso l'avrebbe mandata, nè kinetec nè niente...e infatti ha ripreso a camminare normalmente diciamo dopo 2 mesi dall'infortunio (va beh che era un intervento su tt il pivot centrale qualche delicatezza in piu xo l'immobilismo nella mia profanità nn è che faccia tutto sto gran bene! :cool: )...nel Lazio MAriani ma ce en sono anche altri, e poi so che c'è un ottimo centro a LAtina si chiama Icot (Istituto chirurgico ortopedico traumatologico) ma i nomi dei dottori nn li conosco!

se invece ti vuoi far strioppiare e mettere la rotula al contrario vai dal dott. William Uzzi ex medico sociale del Taranto calcio....capace di rovinarti anche x un menisco! :D (ecco perchè sono 20 anni che manchiamo dalla serie B :D )....

x Vit Software...dipende dalla instabilità che ti da il ginocchio lesionato.... magari mettici sempre na ginocchiera quando giocherai! :cool: una domanda invece la faccio a chi si è già operato (un discorso simile lo accennamo anche con Stefano)... voi quando piegate la gamba operata (in un movimento simile quello che si potrebbe fare nel nuoto a rana ad esempio) sentite tirare qualcosa? o vi sentite il ginocchio esattamente come l'altro?

Stefano Landau 26-08-2010 17:30

Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 32922490)
in Campania ho sentito parlare di un certo dott. Emilio LAlla che opera ad Avellino nella clinica privata (convenzionata) Villa Esther....una ragazza mia amica su facebook si è fatta un interventio di crociato anteriore e posteriore alal stessa gamba, non è proprio di routine, e ora sta bene! l'unica cosa che mi ha fatto pensare è che diceva che sto medico era x una terapia post operatoria tutt'altro che aggressiva.....le ah voluto far tenere la gamba immobile x 3 settimane senza manco fare esercizi, fosse x luimanco al cesso l'avrebbe mandata, nè kinetec nè niente...e infatti ha ripreso a camminare normalmente diciamo dopo 2 mesi dall'infortunio (va beh che era un intervento su tt il pivot centrale qualche delicatezza in piu xo l'immobilismo nella mia profanità nn è che faccia tutto sto gran bene! :cool: )...nel Lazio MAriani ma ce en sono anche altri, e poi so che c'è un ottimo centro a LAtina si chiama Icot (Istituto chirurgico ortopedico traumatologico) ma i nomi dei dottori nn li conosco!

se invece ti vuoi far strioppiare e mettere la rotula al contrario vai dal dott. William Uzzi ex medico sociale del Taranto calcio....capace di rovinarti anche x un menisco! :D (ecco perchè sono 20 anni che manchiamo dalla serie B :D )....

x Vit Software...dipende dalla instabilità che ti da il ginocchio lesionato.... magari mettici sempre na ginocchiera quando giocherai! :cool: una domanda invece la faccio a chi si è già operato (un discorso simile lo accennamo anche con Stefano)... voi quando piegate la gamba operata (in un movimento simile quello che si potrebbe fare nel nuoto a rana ad esempio) sentite tirare qualcosa? o vi sentite il ginocchio esattamente come l'altro?

Questa estate ho nuotato un po' anche a rana (con prudenza..... non si sa mai) e non ho notato nulla di strano.
Quello che mi capitava di sentire fino a qualche mese fa era una certa tensione al ginocchio accavallando le gambe (sia piegate che dritte).

Quello che ancora sento come differenza è un leggero dolore quando mi accuccio (posizione tipo "turca" per intenderci). Allora li sento un po' di fastidio al ginocchio operato che mi sembra leggermente più rigido dell'altro.

Per il resto tutto normale. (Operato a metà marzo 2009 per la ricostruzione dell' LCA con g+s più un leggero ritocco ad un menisco)

alex642002 26-08-2010 21:32

Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 32922490)
una domanda invece la faccio a chi si è già operato (un discorso simile lo accennamo anche con Stefano)... voi quando piegate la gamba operata (in un movimento simile quello che si potrebbe fare nel nuoto a rana ad esempio) sentite tirare qualcosa? o vi sentite il ginocchio esattamente come l'altro?

Rana io non l'ho mai provata(ancora non ci sono arrivato;) ) : per il resto per me,operato solo di menisco ricordo,i due ginocchi sono praticamente identici.

Delfino81 27-08-2010 11:14

Quote:

Originariamente inviato da Stefano Landau (Messaggio 32923515)
Questa estate ho nuotato un po' anche a rana (con prudenza..... non si sa mai) e non ho notato nulla di strano.
Quello che mi capitava di sentire fino a qualche mese fa era una certa tensione al ginocchio accavallando le gambe (sia piegate che dritte).

Quello che ancora sento come differenza è un leggero dolore quando mi accuccio (posizione tipo "turca" per intenderci). Allora li sento un po' di fastidio al ginocchio operato che mi sembra leggermente più rigido dell'altro.

Per il resto tutto normale. (Operato a metà marzo 2009 per la ricostruzione dell' LCA con g+s più un leggero ritocco ad un menisco)

io da non operato se mi accovaccio na volta due un fastidio lo avverto ma niente di insopportabile.....se invece dovessi fare il magazziniere 20 o 30 volte al giorno, credo che dovrei andarea vanti a botta di ghiaccio...na volta mi ci sarà piegato an ventina di volte in una giornata (qundo dovevamo risistemare l'archivio), a ripetizione con tinua e mi si è infiammato di brutto....idem se x tante volte consecutive ad esempio mi inginocchio stile posizione "lavandaia" e mi alzo facendo forza solo sulla gamba sinistra, idem se mi genufletto suilla gamba sinistra (x lì'appunto quella che ha suvbito il trauma).....e idem ancora si puo infiammare se mi faccio tanti piani di scale a piedi trascinandomi un peso enorme (tipo un valigione)...:rolleyes:

no ve lo chiedo a titolo statistico xke se questi stessi sintomi potrei averli con una certa sicurezza anche dopo lì'operazione è tutto un cazzo :D , perchè di recuperare in stabilità e di farmi il tagliando al gionocchio x fare sport a rischio, nn em ne può fregar di meno :p sn 3 anni che nn gioco a calcio e sto benissimo cosi! sci e trekking mai toccati in vita mia! :muro:

Stefano Landau 27-08-2010 15:39

Quote:

Originariamente inviato da Delfino81 (Messaggio 32928307)
io da non operato se mi accovaccio na volta due un fastidio lo avverto ma niente di insopportabile.....se invece dovessi fare il magazziniere 20 o 30 volte al giorno, credo che dovrei andarea vanti a botta di ghiaccio...na volta mi ci sarà piegato an ventina di volte in una giornata (qundo dovevamo risistemare l'archivio), a ripetizione con tinua e mi si è infiammato di brutto....idem se x tante volte consecutive ad esempio mi inginocchio stile posizione "lavandaia" e mi alzo facendo forza solo sulla gamba sinistra, idem se mi genufletto suilla gamba sinistra (x lì'appunto quella che ha suvbito il trauma).....e idem ancora si puo infiammare se mi faccio tanti piani di scale a piedi trascinandomi un peso enorme (tipo un valigione)...:rolleyes:

no ve lo chiedo a titolo statistico xke se questi stessi sintomi potrei averli con una certa sicurezza anche dopo lì'operazione è tutto un cazzo :D , perchè di recuperare in stabilità e di farmi il tagliando al gionocchio x fare sport a rischio, nn em ne può fregar di meno :p sn 3 anni che nn gioco a calcio e sto benissimo cosi! sci e trekking mai toccati in vita mia! :muro:

Secondo me il motivo principale per cui ci si fa operare è che con il legamento ROTTO (se è lesionato è un'altra cosa) avviene uno slittamento (tipo cassetto) tra tibia e femore anche con attività normalissime come camminare.

Questo in un periodo variabile tra i 15 ed i 25 anni porta ad una usura precoce delle cartilagini del ginocchio provocando quindi un'artrosi precoce del ginocchio.

Per risolvere il problema diventa necessario impiantare una protesi nel ginocchio, operazione ben più invasiva della semplice ricostruzione del legamento.

Per di più la protesi ha una durata di 10-15 anni e la seconda operazione ha percentuali di successo molto basse.

Dipende tutto dall'età della persona. Io mi sono fatto operare che avevo 43 anni. Non ho ancora deciso se riprenderò a sciare, ma non volevo essere limitato nelle altre cose e soprattutto......intorno ai 60 - 65 anni sarebbe stata probabile la necessità di mettere la protesi. (A meno che non si verifichino ulteriori progressi nella medicina.......)

alex642002 27-08-2010 23:29

Quote:

Originariamente inviato da Stefano Landau (Messaggio 32930724)
Secondo me il motivo principale per cui ci si fa operare è che con il legamento ROTTO (se è lesionato è un'altra cosa) avviene uno slittamento (tipo cassetto) tra tibia e femore anche con attività normalissime come camminare.

Questo in un periodo variabile tra i 15 ed i 25 anni porta ad una usura precoce delle cartilagini del ginocchio provocando quindi un'artrosi precoce del ginocchio.

Per risolvere il problema diventa necessario impiantare una protesi nel ginocchio, operazione ben più invasiva della semplice ricostruzione del legamento.

Per di più la protesi ha una durata di 10-15 anni e la seconda operazione ha percentuali di successo molto basse.

Dipende tutto dall'età della persona. Io mi sono fatto operare che avevo 43 anni. Non ho ancora deciso se riprenderò a sciare, ma non volevo essere limitato nelle altre cose e soprattutto......intorno ai 60 - 65 anni sarebbe stata probabile la necessità di mettere la protesi. (A meno che non si verifichino ulteriori progressi nella medicina.......)

Secondo me senza operazione si RISCHIA l'artrosi,non è che c'è la certezza.L'ortopedico valuta caso per caso.A meno che il mio ortopedico sia un pazzo ;)
Un mio collega è stato visitato da Mariani,che gli ha chiesto cosa volesse fare nella vita e ha scelto di non operarlo.


Tutti gli orari sono GMT +1. Ora sono le: 15:16.

Powered by vBulletin® Version 3.6.4
Copyright ©2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.
Hardware Upgrade S.r.l.